Paganese-Foggia, il Prefetto di Salerno dice no ai tifosi rossoneri

paganese fg
Tempo di lettura: 1 minuto

Domenica pomeriggio, in occasione della trasferta di Pagani, il Foggia non sarà accompagnato dai propri tifosi. Il Prefetto di Salerno, infatti, ha stabilito il divieto di vendita dei tagliandi ai residenti nella Regione Puglia, con contestuale sospensione del programma di fidelizzazione del club rossonero. L’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive aveva tenuto conto della nota inviata dall’Autorità Provinciale di Pubblica Sicurezza di Salerno, connotando la sfida tra Paganese e Foggia ad alto profilo di rischio.
Il match sarà tuttavia l’occasione per dare spazio ad una iniziativa benefica organizzata dal club azzurrostellato: i capitani delle due squadre e il direttore di gara, infatti, faranno il loro ingresso in campo con una t-shirt con il logo dell’associazione C.D.G. (Congeniti Disturbi della Glicosilazione). “Prima del fischio d’inizio della gara – si legge in una nota della Paganese – sarà donata la maglia ufficiale della Paganese Calcio 1926 srl, al piccolo Genny dai calciatori e da una rappresentanza della società azzurrostellata. Inoltre i calciatori delle due squadre e la terna arbitrale esporranno uno striscione recante uno slogan per sensibilizzare e aiutare la ricerca per sconfiggere questa malattia rara”.

Fonte – Tuttomercatoweb.com

Facebook Comments

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Massimo Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Massimo
Membro
Massimo

Ci vietano la trasferta a Pagani. Quella è una terra piena di rifiuti tossici e quant’altro e sicuramente non avremmo fatto una passeggiata di salute! Forza Agnelli e company anche senza il nostro supporto…..sappiate che in campo con voi ci saremo sempre…..regalateci una gioia e ve ne saremo grati! Zà Fò.