IL PAGELLONE DI IAMCALCIOMERCATO – Lega Pro C: Foggia-Stabia le regine

Tempo di bilanci, valutazioni e giudizi. Si è conclusa nella giornata di martedì 31 gennaio la sessione invernale di calciomercato, e così la redazione di Calciomercato.IamCalcio.it ha deciso di dare i voti a tutte le squadre professionistiche italiane. In questo terzo appuntamento spazio al girone C di Lega Pro.

Foggia 7,5: Di Piazza e Deli sono due colpi da novanta, lo dimostrano anche i loro esordi in maglia rossonera. Faber è una possibile sorpresa in prospettiva, Figliomeni dà un tocco di esperienza al reparto arretrato. Mancano all’appello un esterno d’attacco e un terzino under, ma il bilancio resta sicuramente positivo.

Lecce 7: Costa Ferreira il colpaccio. Marconi, Agostinone e Perucchini sicurezze per la Lega Pro. Acquisti che si vanno ad inserire in una rosa già forte. Buon mercato.

Juve Stabia 7,5: il mercato è da 7,5, le ultime prestazioni no. Cutolo, Paponi e Santacroce lussi per la categoria. Matute, Giron e Allievi danno manforte ai reparti. Manari è la scommessa.

Catania voto 7: tante, forse troppe uscite. Ma Marchese, Pozzebon e Tavares sono gioielli su cui puntare per la corsa ai play-off. Sarà la squadra che più darà fastidio alle “grandi”: il Matera ne sa qualcosa.

Cosenza voto 6,5: nessun colpaccio, ma Letizia, Mendicino, D’Orazio e Calamai sono sicuramente giocatori affidabili per la Lega Pro. Buona candidata per la corsa ai play-off.

Matera 6: Tanti acquisti under, tra cui i già ben rodati Salandria e Armeno. Lanini è tutto da scoprire, così come Didiba. Bertoncini l’unico arrivo over. Forse ci si aspettava qualcosina in più, soprattutto nel reparto avanzato.

Reggina 5,5: A volte cambiare poco non è un male. Ma in questo caso serviva una sferzata, che non è arrivata. Zeman ha visto arrivare Leonetti (A, Lumezzane), De Vito (D, Monopoli) e Castaldi (C, Nocerina); di contro è partito solo Oggiano (A, Lumezzane). Poche frecce per un arco che necessitava di rinnovamento e potenziamento.

Taranto 5,5: Mercato numericamente valido, ma da qui a sentenziare la salvezza attraverso questi movimenti ce ne passa. Il nuovo allenatore Ciullo potrà contare, tra qui altri, su Som e Cobelli, ma perdere Bollino, passato alla Paganese, non è il massimo. Emmausso potrebbe essere la grande rivelazione.

Catanzaro 6: Lasciar andar via Tavares sarà pesato alle aquile, ma i nuovi innesti, ben sette, potrebbero stemperare questa amarezza. Su tutti Zanini, arrivato da Agrigento, elemento che può contribuire alla svolta salvezza della squadra calabrese. Pagano, pur arrivando dalla Serie D, è un giocatore di affidabilità.

Akragas 5: I problemi societari hanno portato ad un mercato di cessioni eccellenti per garantire la sopravvivenza. Da capire, adesso, quali gli scenari in ottica permanenza. Perdere in corsa otto elementi (Assisi, Carillo, Garcia, Gomez, Marino, Salandria, Zanini, Incardona) ha sicuramente indebolito i templari.

Melfi 6,5: Il vero colpo si chiama De Angelis, un ritorno al Valerio per lui, ma bisognerà capire come Bitetto riuscirà ad assemblare nuovamente la sua squadra. Romeo e Marano si sono già integrati nel tessuto gialloverde. Russu e Battaglia sono delle scommesse da vincere.

Vibonese 7: Mercato sontuoso per una squadra che sta in fondo alla classifica. Si capisce la mole di movimenti per cercare di invertire le sorti della stagione, ma bisogna dare merito di aver scelto bene. Sono arrivati: Minarini (D, Modena), Torelli (C, Altovicentino), Sowe (A, Prato), Silvestri (D), Maiorano (C, Paganese), Viola (C, Monopoli), Piroska (A, Petrzalka), Bubas (A, S. M. Arica) e Moi (D, Ancona). Adesso bisogna tramurare l’attivismo di mercato in punti. Sowe può essere la chiave di tutto questo.

Virtus Francavilla voto 6,5: calciomercato di contenimento per la società biancazzurra. La cessione di De Angelis al Melfi è stata rimpiazzata dall’arrivo di Ayina. L’attaccante ex Newport County proverà ad esser il gemello del gol del gioiellino Nzola. A proposito dell’attaccante franco-angolese. Il calciatore è stato già ceduto in vista del prossimo giugno alla Fiorentina.

Fidelis Andria voto 6: tantissimi movimenti per i federiciani. In entrata spiccano le entrate di Croce dal Teramo, e Vasco gioiellino ex Roma Primavera. In uscita, invece, ottima la plusvalenza nel vendere il portiere Poluzzi alla Spal ed il centrocampista Antonio Matera al Benevento.Unicusano

Fondi voto 6,5: un calciomercato improntato sul reparto avanzato. Fuori i reduci del campionato di Serie D, come Iadaresta e D’Agostino e dentro calciatori offensivi di spessore come Giannone dalla Casertana e Gambino dal Cosenza. L’ex Akragas, Marino, per la retroguardia è una garanzia. Interessante la scommessa Sernicola dalla Ternana.

Casertana voto 5,5: non ci piacciono le rivoluzioni di gennaio. I falchetti compiono una rivoluzione non quantitativa, ma qualitativa. Gli addii di Matute, di Giannone e soprattutto Carlini possono pesare nell’economia della rosa. In entrata i giovani Diallo e Petricciuolo sono delle scommesse, mentre non ci dispiace l’arrivo dell’esterno offensivo Cisotti. L’ex Spezia e Latina era ricercato da mezza Lega Pro.

Siracusa voto 6: qualche innesto qua e là per provare a raggiungere il sogno play-off. Moi, Malerba e Di Dio sono difensori di categoria. Russo in mediana, arrivato dal Catania, può dare sostanza mentre De Silvestro in attacco può definitivamente esplodere dopo una buona prima parte di stagione ad Ancona.

Monopoli voto 6: monetizzare, abbassare il tetto ingaggi ed anche l’età media. Operazione riuscita per i biancoverdi. Il Gabbiano, infatti, ha già ceduto per giugno, bomber Montini al Bari. Le scommesse under come Carissoni e Cavagna, provenienti dal Torino e dall’Atalanta possono rivelarsi vincenti. Curiosità attorno a Dardan Vuthaj, attaccante albanese ed ex Primavera del Genoa.

Paganese voto 6: quando la qualità non fa rima con l’anzianità. Bollino è un colpo di quelli ad effetto, specialmente dopo la prima parte di stagione vissuta a Taranto. Non male il duo di portieri Gomis-Liverani.

Messina voto 6: trattenere i gioielli Musacci e Milinkovic vale la sufficienza. Ai due ex Catania, Anastasi e Gladestony il compito di non far rimpiangere bomber Pozzebon in attacco.

Fonte – Iamcalcio.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notifica di