Il Foggia manda all’inferno Auteri

credit_laquotavincente_it

Tre gol per i rossoneri e terza sconfitta consecutiva per il Matera targato Auteri, risultato che allontana e di molto i lucani dalla vetta della classifica occupata dal Lecce che è inseguito dal Foggia a solo due lunghezze.

La gara vede il Matera attaccare tutti gli spazi e che mette più volte paura alla retroguardia rossonera che con intelligenza non cade alle provocazioni avversarie. Una volta fatto sfogare il Matera i rossoneri iniziano ad ingrare il gioco ed alla prima vera azione da gol passano in vantaggio con Agazzi che ben servito in area da Mazzeo brucia Tozzo con un tiro a giro. I satanelli, sulle ali dell’entusiasmo e spinti da uno spettacolare Zaccheria, trovano il raddoppio grazie a Deli che da vero slalomista si beve due terzi del Matera e deposita la palla in rete, apoteosi Foggia, lo stadio à una bolgia, i calciatori del Matera vanno in completa confusione ed al quarantesimo regalano, grazie ad un autogol di Mattera, la terza rete ai ragazzi di Stroppa. Nella ripresa i rossoneri amministrano il punteggio, ormai largo, anche se non disdegnano azioni in attacco andando più volte vicini al poker. All’ottantesimo Iannini realizza il gol della bandiera grazie ad una buona discesa di Casoli che si fa beffa di Chiricò. Al triplice fischio e’ apoteosi Foggia con la squadra che si prende il meritato tributo dal proprio publico.

 

Redazione foggialandia.it

Commenti

commenti

2
Lascia un commento

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
BrianMassimo Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Massimo
Membro
Massimo

Onore al merito. Mi spiace Auteri ma stasera i più meritevoli sono stati i satanelli! Accenderò il cero a P.PIO.

Brian
Membro
Brian

Vincenzo La Notte
A me Di Piazza a sinistra è piaciuto molto, nonostante non fosse il suo ruolo naturale.
Sempre movimenti diversi e imprevedibili. Guardatevi gli highlights non troverete un’azione uguale, in un ruolo che ci aveva creato lunghi sonni con Maza e soprattutto Chiricò.

condivido in parte anche perchè maza mi è sembrato in ripresa nelle ultime partite che aveva giocato, però di piazza è ovvio ha fatto certe ripartenze brucianti letteralmente.