Top & Flop di Foggia-Juve Stabia

Tempo di lettura: 2 minuti

Termina col il risultato di 1-0 il match allo “Zaccheria” tra Foggia e Juve Stabia. Vittoria molto sofferta da parte degli uomini di mister Stroppa che hanno sofferto fino all’ultimo minuto di gioco. Partita dai due volti: prima frazione di gioco che ha visto i rossoneri dominare con un gran possesso palla. Ospiti che si sono difesi bene e hanno provato ad impensierire la difesa di casa con qualche ripartenza. Di Piazza e Deli sono andati vicini alla rete, poi l’episodio chiave arriva al 43′: Sarno viene toccato duro in area di rigore da Morero e il direttore di gara fischia il penalty. Dal dischetto Mazzeo spiazza Russo e sblocca il match. Secondo tempo senza gol ma che ha visto un canovaccio tattico molto diverso da quello del primo tempo. Dentro Marotta e poi Cutolo e 4-2-3-1 più offensivo. Rossoneri arretrano il baricentro e vanno in sofferenza. Marotta sfiora il gol, ma alla fine i satanelli resistono all’assalto dei campani. Da segnalare al minuto 89 l’espulsione per doppia ammonizione di Morero.
Con questa vittoria i satanelli sorpassano il Lecce e agguantano la vetta. La Juve Stabia perde ogni speranza di raggiungere il primo posto e resta quarta con 49 punti.
Andiamo a vedere i top & flop dell’incontro:

TOP
La corsia di destra del Foggia: sull’out di destra, quest’oggi, il Foggia viaggia che è una meraviglia. Sarno, Vacca, Agazzi, Loiacono e Mazzeo dialogano in maniera perfetta scambiandosi spesso posizione senza dare punti di riferimento. Proprio da quella parte viene confezionata l’azione che porta al fallo da rigore. IN SINTONIA

Marotta (Juve Stabia): con il suo ingresso la pericolosità in zona offensiva dei campani è triplicata: ci prova per ben due volte scaldando i guantoni di Guarna e dà freschezza ed imprevedibilità alla manovra degli ospiti. ATTIVO

FLOP

Deli (Foggia): quest’oggi il centrocampista rossonero non ha giocato come sa fare: spesso fuori dalla manovra e poco decisivo quando è in possesso. OPACO

Morero (Juve Stabia): causa il calcio di rigore con un intervento in ritardo su Sarno. Nel finale rimedia anche un doppio giallo lasciando i suoi in inferiorità numerica. DISASTROSO

Fonte – Tuttolegapro.com

Lascia un commento

4
Lascia un commento

Please Login to comment
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
3 Comment authors
FraxLudovicoCuore Rossonero Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Cuore Rossonero
Membro
Cuore Rossonero

Oggi ha vinto lo sport, ha vinto il calcio, con un Francavilla che ha fermato straordinariamente il Lecce e che ci ha aperto un’autostrada per prenderci finalmente la testa della classifica. Temevo molto che il risultato favorevole dei brindisini ci condizionasse, invece siamo stati un corpo unico, ci siamo comportati da vera squadra. Compatta, decisa, cinica e concentratissima per 95 minuti, abbiamo portato a casa 3 punti di platino che ci mettono a +10 sulla terza e che ufficialmente sanciscono un campionato che ormai è diventata una sfida a due con i salentini. Godiamoci l’ubriacatura del risultato, l’adrenalina del momento,… Leggi altro »

Ludovico
Membro
Ludovico

Cattedrale….. Stiamo arrivando !!!

Frax
Membro
Frax

Finalmente un post di Cuore Rossonero degno di un tifoso del Foggia! I ragazzi oggi hanno dato l’anima (i difensori su tutti) per difendere il risultato contro la squadra più ca@@uta che abbiamo incontrato quest’anno. Come vedi Taranto è stato solo un episodio come dicevo (speravo) io. Adesso peró non bisogna abbassare la guardia! La vetta ce la siamo ripresa e se sbagliare è umano (Taranto) perseverare sarebbe diabolico (e ci costerebbe il campionato)!!!
A Monopoli per un solo risultato: VINCERE (come direbbe Vincenzo), il resto sono solo chiacchiere!!!

Ludovico
Membro
Ludovico

Su questo topic della redazione, a mio avviso, andrebbe fatta una lode a Giovanni Stroppa che rimane il vero artefice di questo momento magico e che speriamo duri il più a lungo possibile. Nonostante sia stato a lungo bersagliato ingiustamente, si sta dimostrando un “grande”…… come grande è stata la società che gli ha sempre rinnovato la fiducia anche nei momenti più bui e che ha sempre creduto nel professionista, prima ancora che nell’uomo. La squadra era forte ma non era scontato mettere insieme tante individualita e farle funzionare come un’orchestra per un periodo lungo quanto un intero campionato. Di… Leggi altro »