Ecco Sarno tra pubalgia e tatuaggi:”Dipende da noi, non sbagliamo!”

Tempo di lettura: 3 minuti

Vincenzo Sarno, da tre stagioni con la maglia del Foggia, ora è uno dei cardini dello spogliatoio del Foggia. Il fantasista napoletano da un po’ di tempo convive con una pubalgia fastidiosa che non gli permette di rendere al top. Oggi è stato il suo turno. L’uomo che si è procurato il rigore contro la Juve Stabia è intervenuto ai microfoni della Sala Stampa dello Zaccheria. Ecco le parole del numero dieci rossonero: “Questa squadra è sempre stato un vero gruppo, questa è la forza ella squadra, grazie a gente come Agnelli o Quinto che non c’è più. Il tatuaggio con il numero 10?  E’ sempre stato il mio numero preferito ma ho deciso di farlo adesso perché con questa maglia lo sento mia.”

Foggia che torna in testa alla classifica. I Satanelli ora sono attesi da partite in cui il tasso tecnico superiore potrebbe non bastare. “Cosa serve ora? I campionati si vincono con tecnica, grinta, testa e cuore. Si vince con tutto. Contro il Foggia fanno tutti la partita della vita, tutti hanno le loro motivazioni. Noi prepariamo tutte le partite allo stesso modo. Dobbiamo andare a Monopoli per fare i 3 punti.”

Il folletto napoletano manca da un po’ sul tabellino dai marcatori. In questo 2017 ancora non va in rete. “Il gol? Sono un attaccante e il gol vuol dire tanto però se si vince, come ha detto qualche compagno (Mazzeo, ndr), posso non segnare da ora alla fine. Se si vince non conta chi segna. A Monopoli non bisogna commettere gli stessi errori di Taranto. Dopo ci sarà il Lecce e il numero di partite si riduce. Ora però noi pensiamo a Monopoli, che è la partita più importante del campionato. Lo schiaffo lo abbiamo già preso una volta. Cercheremo di fare la nostra partita”.

Il Foggia ha incontrato le difficoltà più grandi con squadre di medio-bassa classifica. Punti che ora avrebbero dato più tranquillità e magari un vantaggio non indifferente, così ha risposto il numero 10: “Sono cose che capitano in un campionato, capita che poi vinci con il Matera, con la Juve Stabia. Se continuiamo così è una lotta contro noi stessi. Come gestire il primato? Questa settimana la squadra è davvero serena e lavora come la settimana scorsa.  Non si parla di nulla se non del Monopoli”.

Stagione costellata da continui problemi fisici per l’attaccante rossonero, in particolare una pubalgia che lo ha tenuto lontano dalla squadra nell’ultimo periodo: “Fisicamente? Si può sempre migliorare. Tra un infortunio e l’altro quest’anno non riesco mai a essere al 100%. Vengo da un mese di sole cure e ho perso sia il ritiro estivo che quello di gennaio, ma non è un alibi. Sono tranquillo. La pubalgia? Non la conoscevo prima d’ora però è fastidiosa è “rompipalle” però miglioro ogni giorno”.

Ancora un flashback su Taranto e una preview sul Monopoli: “Il principale errore di Taranto? Poca cattiveria nel fare gol, la convinzione di vincere. Il Monopoli in casa è temibile e fastidioso, hanno giocatori e giovani importanti però guardo più in casa mia che fuori. Dipende molto da noi.”L’anno scorso proprio a Monopoli, sono arrivati sia il gol di Sarno che la vittoria del Foggia: “Dovesse arrivare il gol sarei più contento ma è molto più importante la vittoria.”

Tempo per una piccola analisi del campionato: “Se il calo della Juve Stabia potesse essere più pronosticabile, non mi aspettavo il calo del Matera. Come noi e il Lecce è costruito per vincere. Detto ciò io non guardo mai la classifica, non mi interessa. Più di una settimana non riusciamo a stare primi, speriamo di farlo almeno per due settimane.”

Fonte – Foggia.iamcalcio.it

Lascia un commento

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Ludovico Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ludovico
Membro
Ludovico

Sarno può solo migliorare e questa è già una buona notizia.
Dalle sue parole mi sembra che siano tutti molto concentrati e consapevoli che l’esperienza di Taranto va assolutamente cancellata.
D’altra parte errare è umano ma perseverare sarebbe diabolico… quindi mi aspetto un Foggia cinico, pratico e letale.
Sono peraltro molto curioso di come andrà a finire al Via del Mare perchè il Catania è una squadra da cui puoi aspettarti di tutto.
La giornata di campionato rimane strategica: se poco poco il Lecce pareggia in casa e noi sbanchiamo Monopoli, si dà una svolta pazzesca a questo campionato.