Auteri tuona: “Basta idiozie e falsità. Vogliamo il bene del Matera”

Tempo di lettura: 3 minuti

Una conferenza stampa per dire fortemente basta a tutte le dicerie e le voci che vengono messe in giro sul conto dei giocatori del Matera Calcio. Non ci sta per niente Gaetano Auteri, che si presenta in conferenza stampa con Ingrosso, Armellino, De Franco e Mattera, vittime di una vera e propria bufala secondo la quale i citati avrebbero chiesto alla società di abbandonare la nave. Quest’ultima è una delle tante notizie che negli ultimi mesi circola intorno al mondo biancazzurro, che risponde con veemenza tramite il proprio allenatore e alcuni suoi tesserati.

A parlare sono De Franco ed Armellino, col primo che con forza ribadisce quanto scritto stamane su Facebook: “Nessuno ha mai chiesto di andare via – ha detto il difensore. – Non so da dove avete preso queste informazioni, non vogliamo che il nostro nome venga infangato senza motivazioni e senza niente di veritiero come sta accadendo da giorni”. Poi è il turno di Armellino: “Questa è un’offesa personale, non è una notizia, sono cose che non si posso fare. Alle altre parti leggono che vogliamo rescindere e pensano che siamo gente che vuole abbandonare la barca, ma così non è”.

A prendere poi le redini del tutto è Auteri in persona, che con rabbia respinge tutto ciò che viene detto dall’esterno della sua squadra. Queste le sue parole: “E’ doveroso, quando si scrive, verificare con certezza le notizie. Quello che mi preme sottolineare è una cosa soltanto. Io personalmente non permetterò a nessuno di fare i giochini delle tre carte. E’ chiaro che queste notizie vengono dall’esterno, sono bufale, il progetto Matera nonostante tutte le cazzate che si dicono nessuno ha mollato, nessuno vuole avere atteggiamenti da vittima. Garantisco che si vuole andare avanti, i fatti sono fatti. Abbiamo avuto un momento di difficoltà, non abbiamo mancato mai l’impegno, ho sbagliato anche io e c’è un concetto da mandare avanti. La società è ben gestita, è ben guidata, tutte hanno delle difficoltà di gestione in vari ambiti o meno. Non voglio permettere a nessuno di dire cazzate, i ragazzi sono apposto, non c’è lo spogliatoio spaccato, si scrivono cose per sentito dire. Le notizie come quella di stamattina vengono dall’esterno, amici dall’esterno non ne abbiamo. I quattro giocatori qui presenti ci hanno messo la faccia. Iannini ufficialmente sta male, non ha chiesto di andare via e questo è certo, ed è un fatto che appartiene alla società e al suo rapporto col presidente. Se non si presenta non ne capisco ancora tutti i motivi ma lo accetto, ma nessuno deve dire che il progetto Matera non esiste. Lotteremo fino in fondo, i tifosi devono stare tranquilli, siamo tutti insieme pronti a superare le difficoltà. Non ci nascondiamo né ci sottraiamo dalle responsabilità. I giocatori sono i miei compagni di lavoro, a loro dovete chiedere la stima e la considerazione che hanno di me. Ribadisco che i tifosi devono stare tranquilli, vogliamo superare le difficoltà, è dall’esterno che vogliono creare problemi e questo non lo permetterò. Il nostro periodo non è figlio di un solo problema. Non abbiamo fatto tutte partite scadenti quelle che abbiamo perso, alcune volte abbiamo fatto partite meno belle, i problemi sono diversi e difficilmente comprensibili dall’esterno. Un po’ di superficialità, di presunzione pensando di essere più bravi e forti, sono cose che ognuno di noi ha pensato e ha sbagliato, per primo l’allenatore. Altri problemi non ne abbiamo, problemi fisici non ce ne sono se non i giocatori che sono fuori e che stanno ritornando, andiamo verso la fine della stagione e vogliamo necessariamente fare punti per non farci sorpassare in campionato. Stamattina quando mi hanno detto della notizia delle rescissioni mi veniva da ridere. Ora possiamo raccogliere i sacrifici che abbiamo fatto, mancano 8 partite più le finali di Coppa Italia, poi i Play Off. Chi l’ha detto che dovevamo stravincere il campionato? Purtroppo abbiamo sbagliato, ma da qui a dire che non c’è sintonia tra di noi non lo permetto. Tutte le cose che sono state dette in questi due mesi sono bufale, mi prendo le mie responsabilità e garantisco per i nomi che ci sono nel mio spogliatoio che è tutto falso quello che viene scritto ovunque dai tifosi. Non permetterò a nessuno di scherzare col nostro attaccamento alla società a cui garantiamo il nostro impegno fino alla fine della stagione, ma qua da parte dell’esterno c’è un ambiente misero, infantile, squallido. Non so chi mette in giro le voci, io so soltanto che i miei ragazzi sono tutti amareggiati perché si sono sentiti coinvolti come uomini. La realtà è diversa rispetto a quella che viene descritta, dovete passare sul mio corpo prima che l’ambiente ci dipinga come non siamo. Garantisco massimo impegno, a partire dalla partita di domenica. Certamente siamo uomini, nessuno si permetta di dire il contrario. Non è uomo chi mette in giro notizie false, pretenziose, che non appartengono alla sfera interna ma esterna. Io le risposte me le sono date”.

Fonte – Matera.iamcalcio.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di