Armenise: “Foggia-Reggina, spero in un pareggio

fg reggina

Il corpo in Puglia, la testa a Reggio. Lo stato d’animo di Pietro Armenise, ogni volta in cui lo invitiamo a parlare di Reggina, si evince sin dalle prime battute. A due giorni dalla trasferta degli amaranto in casa della capolista Foggia, l’ex centrocampista ha parlato in veste di doppio ex. L’attuale guida tecnica dei Giovanissimi della Fidelis Andria si è detto fiducioso sulla possibilità di raccogliere un risultato positivo allo ‘Zaccheria’, nonostante i Satanelli siano praticamente pronti a festeggiare la promozione in B con una eventuale vittoria.

Nel 1987 non fu semplice per il pugliese Armenise lasciare il Foggia per trasferirsi a Reggio Calabria, nella squadra che poi sarebbe diventata leggendaria nel breve volgere di un paio d’anni: “A Foggia avevo disputato due splendide annate, prima con G.B. Fabbri e poi con Zeman. Lì per lì, lasciare quel pubblico e quello stadio meraviglioso mi è dispiaciuto, anche perché mi allontanavo da casa. Quando poi ho toccato con mano l’ambiente di Reggio Calabria, non me ne sono pentito. Nutro un grandissimo ricordo di Foggia. Di Reggio già sapete: tre anni splendidi, tuttora c’è feeling sia con la società che con la gente”.

Allo ‘Zaccheria’ la formazione di casa andrà in cerca dei punti promozione: “Purtroppo non potrò essere presente, per una volta trascorrerò la Pasqua con la famiglia. I calciatori della Reggina si renderanno conto di cosa significa giocare in quello stadio, contro quella curva che è differente anche morfologicamente rispetto a Reggio. Al ‘Granillo’, la curva è dritta. A Foggia c’è un altro effetto, in ogni caso si tratta di due tifoserie meravigliose. Tentano da quattro anni il salto in B, ormai ci sono dentro con entrambi i piedi”.

Anche alla Reggina mancano pochi punti per ottenere la salvezza matematica: “Credo che con 40 o 41 punti, la Reggina è fuori. Sabato spero in un pareggio combattuto, che non dispiaccia a nessuna delle due contendenti. In contemporanea si giocherà Matera-Lecce, con l’ex Padalino che si è lasciato male col presidente Columella – avverte Armenise al Dispaccio – Se la Reggina porterà a casa un pareggio, potrà amministrare nelle gare successive. La vittoria sul Catanzaro è stata determinante”.

Fonte – Ildispaccio.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di