Foggia, Stroppa: “In città non si parla d’altro. Io cerco di isolarmi”

Ha parlato in conferenza stampa Giovanni Stroppa, tecnico del Foggia, alla vigilia di Fondi-Foggia, match che potrebbe consegnare l’aritmetica promozione in Serie B ai rossoneri. Queste le sue parole: “Profilo basso? No, è un profilo professionale. Non ho avuto difficoltà con la squadra. Devo ringraziare tutti perché comunque l’entusiasmo è arrivato quasi all’esasperazione. C’è una positività che è tangibile. Dobbiamo fare un punto, è vero che siamo una squadra in forma, ci sono tutti i presupposti e tutte le possibilità per poter dire ‘ok, l’abbiamo fatto’. Dobbiamo conquistare questo punto, e come dobbiamo farlo? Avendo la consapevolezza del momento che si sta vivendo, e probabilmente non conosciamo altra strada. Alla squadra ho già parlato, e sono tutti d’accordo. Continuiamo su questa strada, le nostre conoscenze sono queste. Con il massimo rispetto per tutti, noi giochiamo per cercare la vittoria. Non vivo la partita di domani come una rivincita per quello che è successo all’andata, assolutamente no. Qualsiasi fosse stato l’avversario di domani, sarebbe stata la stessa cosa”.

ENTUSIASMO – “Fuori da qui non si riesce a parlare e a pensare ad altro in città, come è giusto che sia. Io fortunatamente esco poco, ma i ragazzi lo vedono. Tutto quello che hanno conseguito, è stato frutto di un lavoro incredibile, ed è quindi giusto che abbiano questo tributo. Ma una volta che scendono in campo, devono dare il massimo. Abbiamo affrontato la settimana come le altre, e loro hanno prestato il massimo impegno come sempre. I social? Non li vivo, e mi va bene così. Resto chiuso nel mio ufficio rilassato e lontano da questo. La squadra sta facendo un percorso eccezionale. Non c’è un numero dove si possa arrivare secondi. Ha dimostrato che con il lavoro da forte è diventata fortissima, e questo non solo grazie alle componenti tecniche. Tutto quello che abbiamo fatto è solo frutto del lavoro. Io sono assolutamente concentrato sulla gara di domani. Forse il fatto di avere in testa solo l’obiettivo, mi porta ad essere sereno e concentrato. Il riscontro che ho avuto in queste ultime due settimane dalla gente, ti inorgoglisce. Però bisogna avere la capacità di isolarsi da questo”.

FORMAZIONE – “Sono abbastanza sicuro già oggi di avere in testa la formazione per domani. Deli? Risentimento agli adduttori, probabilmente non sarà disponibile fino a fine stagione. Agazzi è pienamente recuperato invece. Figliomeni? E’ stato determinante. E’ un titolare a tutti gli effetti, potrebbe giocare, ma a livello di spogliatoio, a livello di esperienza, è stato determinante”.

AVVERSARIO – “Il Fondi ha degli obiettivi ben precisi, e dico che le loro parole sono normali. E’ nella realtà dello sport. Hanno un obiettivo da raggiungere e sarà una partita aperta come dovrebbe essere. Se avessero detto il contrario, sarei stato sorpreso. E’ una squadra allestita per poter competere per i primi posti in campionato, perché hanno giocatori forti. La classifica non rispecchia il loro vero valore. Hanno le armi per metterci in difficoltà. Sarà una partita difficile, le motivazioni in campo ancora una volta faranno la differenza”.

Fonte – Foggia.iamcalcio.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Commenta per primo

  Subscribe  
Notifica di