Ecco come lo Zaccheria di Foggia, dopo un accurato “restyling” ad opera dello sponsor, potrebbe trasformarsi nella “Tamma Arena”!

zaccheria

Un unico anello che congiunga tutti i differenti settori, curve e tribune est ed ovest, 28.000 posti circa a sedere,tutti coperti e nessuno la cui visuale sia ostacolata da elementi strutturali,con curve e tribune ,già di per se a ridosso del terreno di gioco, senza barriere e con un parapetto in vetro che non superi il metro e dieci centimetri di altezza, inoltre con la presenza fisica di circa 200 telecamere a circuito chiuso in grado di monitorare i settori con un livello di precisione che consenta di individuare, ed eventualmente identificare, ogni singolo spettatore; infine un settore “ospiti” di massimo 1.300 posti e senza “gabbie”.

E’questa l’idea di uno Zaccheria “rinnovato” ,pensata e proposta dal noto legale foggiano Eugenio Gargiulo, sul modello della avveniristica ma anche “ben progettata” Dacia Arena ,che ha rappresentato l’intelligente “restyling” del vecchio stadio Friuli di Udine.

Per l’appena raggiunta serie B , nonché per un’auspicato salto nella serie A , occorre uno stadio Zaccheria profondamente ristrutturato e “ripensato” al quale , pur mantenendo la struttura di base attuale, vengano apportati quei correttivi che lo possano rendere un vero e proprio stadio per le famiglie, quelle che da anni disertano gli stadi, ma che con strutture ammodernate , comode e funzionali, così si possono riconquistare.

I correttivi da apportare dovrebbero essere realizzati,rendendo l’attuale Zaccheria di Foggia, una “struttura sostenibile, senza occupare nuovi spazi e con tecniche e materiali, molti dei quali riciclati, compatibili con l’ambiente circostante”.

Il “nuovo” Zaccheria dovrebbe poi comprendere aree di intrattenimento con bar, ristoranti e servizi per i tifosi all’insegna di una nuova e diversa “hospitality”, in grado di assecondare sia gli appassionati della curva sia quelli che preferiscono le confortevoli ed accoglienti aree della Club House. L’impianto dovrà essere ripensato per rimanere aperto sette giorni su sette e poter ospitare incontri aziendali, convegni, meeting, eventi promozionali e di formazione grazie ad un attrezzato “Business Center”.

Ma tutto questo è solo un sogno o è realmente realizzabile in un paio di anni? Come accaduto per la Dacia Arena di Udine, l’intervento di un “main sponsor” in questo caso appare imprescindibile , tenuto conto anche dello stato di quasi “dissesto” economico del Comune di Foggia. Tuttavia , come per altre esperienze analoghe sia in campo nazionale, sia soprattutto europeo, l’apporto economico massiccio di uno o più sponsor potrebbe risultare davvero determinante: e se il “nuovo” Zaccheria si trasformasse così nella “Tamma Arena”?

Foggia,lì 26 aprile 2017                                                                                             avv. Eugenio Gargiulo

Commenti

commenti

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Antonio Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Antonio
Membro
Antonio

Tra l’altro , ma lo spazio per la copertura da dove si prende?? Viale Ofanto a Ridosso della curva Nord, palazzi a ridosso della Gradinata…chi scrive questi articoli sa di cosa parla almeno?? Riguardo alle protezioni eventualmente rimosse…siamo sicuri che il Pubblico di Foggia ( una parte ovviamente, una minima parte) sia pronta per una cosa del genere?Si sta sognando troppo a mio avviso, costa meno sognare la seria A a questo punto