Il Foggia va a Carpi con un solo obiettivo: dimenticare le scoppole di Pescara e Avellino

Tempo di lettura: 2 minuti

I rossoneri impegnati nel primo turno infrasettimanale della stagione, contro la formazione allenata da Calabro.

“La testa prima di tutto”, parte tutto da lì. Lo ha ribadito mister Stroppa nella conferenza stampa pre Carpi-Foggia, primo di due turni che i rossoneri affronteranno lontano dallo Zaccheria. Martedì sera si riparte da Carpi, con un obiettivo preciso: fare punti, ovvero accantonare definitivamente le batoste di Pescara e Avellino.
Non sarà facile, perché gli emiliani sono tipi tosti, anche se alla squadra è rimasto poco di quella che con Castori conquistò la B prima e la A poi nel giro di tre anni. Alla guida della formazione biancorossa c’è ora Antonio Calabro, che lo scorso anno condusse la Virtus Francavilla ai playoff, e ben figurò allo Zaccheria, nonostante il 5-1 finale per i satanelli.

Una squadra solida, compatta, che magari non fa spettacolo, ma sa stare in campo e far male. Le prime tre gare di campionato, tutte vinte per 1-0 e con l’ex Manfredonia Malcore tra i protagonisti, ne sono la più plastica delle conferme. Ecco perché servirà tanta concentrazione, la testa, che fa muovere le gambe, e magari consentirà ai giocatori di gestire meglio le proprie energie, onde evitare crolli come quello visto nel secondo tempo di sabato. Su una cosa però il tecnico garantisce: “Confermo quanto detto sabato. Non ci saranno più approcci sbagliati”.
Carpi-Foggia i precedenti

La sfida tra le due formazioni è un inedito, almeno per quel che concerne la serie cadetta. Uno solo il precedente in gare di campionato, e risale al 6 novembre del 2011: 3-2 il punteggio a favore dei padroni di casa allora allenati da Notaristefano, contro la formazione di Stringara. In gol Eusepi al 7’ del primo tempo, cui rispose Tiboni. Nella ripresa l’allungo del Carpi con Di Gaudio e Memushaj. Illusorio il gol di Venitucci a 20’ dalla fine. Il Carpi concluse la stagione al terzo posto, conquistando un posto ai playoff, poi conclusisi con la finale persa con la Pro Vercelli di Iemmello (a segno nella gara di ritorno). Per il Foggia un modesto undicesimo posto cui fece seguito la mancata iscrizione al campionato successivo e la conseguente ripartenza dalla Serie D.
Le probabili formazioni

QUI CARPI – Mister Calabro non ha negato la possibilità di fare qualche rotazione rispetto alla gara di Cremona. Confermato il 3-5-2 che potrebbe rivedere Malcore in avanti accanto a Mbakogu. I principali dubbi saranno però a centrocampo, dove l’unico a sembrare certo di una maglia da titolare è Jelenic. In mezzo chance per Verna, Pasciuti, Saber, Mbayer e Hraiech. A sinistra Pachonik prenderà il posto di Bittante.

QUI FOGGIA – Stroppa potrebbe confermare in blocco l’undici di sabato scorso, ma sono da verificare le condizioni di quei giocatori usciti dal campo con i crampi (Loiacono e Agnelli su tutti). Vista l’abbondanza è probabile che il tecnico rossonero possa cambiare qualcosa in avanti sulle corsie. A centrocampo scalpitano Deli e Agazzi.

Fonte – Foggiatoday.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di