Il posticipo: Bari-Pescara 1-0

Sesta vittoria consecutiva al San Nicola per il Bari di Grosso che condanna ancora una volta il Pescara: la squadra di Zeman non trova i 3 punti dallo scorso 21 ottobre. Decide una punizione di Brienza, aiutato da un’incertezza di Fiorillo.

BARI-PESCARA 1-0
77′ Brienza

Il tabellino
Bari (4-3-3): Micai; Anderson, Tonucci, Gyomber, Fiamozzi; Tello, Petriccione, Busellato (62′ Brienza); Galano, Cissé, Improta (81′ Floro Flores).

Pescara (4-3-3): Fiorillo; Zampano (72′ Crescenzi), Fornasier, Perrotta, Mazzotta; Palazzi (73′ Valzania), Carraro, Brugman; Mancuso, Pettinari, Del Sole (63′ Cappelluzzo).

Il primo tempo
Il Pescara insegue una vittoria che manca dallo scorso 21 ottobre, il Bari vuole invece far valere ancora la legge del San Nicola (cinque vittorie nelle ultime cinque gare casalinghe). E’ la sfida tra due piazze importanti del campionato di Serie B e tra il campione del mondo Grosso ed un grande maestro come Zeman. Ingredienti per un grande spettacolo, in una partita che chiude la quattordicesima giornata. Grande accoglienza dei tifosi del San Nicola, atmosfera bellissima sugli spalti. Ma è il Pescara a partire meglio, con la prima occasione che arriva al 9′: Gyomber si fa rubare palla da Pettinari, Del Sole riceve e calcia di poco alto. Squadre ben messe in campo, partita dai tanti spunti tattici. Mancano però le emozioni vere. E’ il Pescara ad avere più coraggio nella prima parte: al 20′ ci prova Palazzi, niente da fare! E il Bari? La squadra di Grosso si fa vedere per la prima volta al 32′, quando Cissè manda a lato un bell’assist di Andersons. I biancorossi escono fuori nel finale, nel tentativo di spezzare l’equilibrio che dura da inizio partita. E al 39′ arriva la miglior occasione del primo tempo: Cissè vince due rimpalli in area e calcia con il destro, bravissimo però Fiorillo a deviare in angolo con i piedi. Non basta il tentativo personale dell’attaccante del Bari per sbloccare il risultato, si va all’intervallo sullo 0-0.

La ripresa
E nel secondo tempo? Meglio il Bari. La squadra di Grosso prosegue quel che aveva cominciato a fine primo tempo. Protagonista Galano in avvio di ripresa: prima un sinistro al volo che si perde di poco a lato, poi un destro respinto da un grande intervento di Fiorillo. Ma i biancorossi accelerano, attaccano con grande continuità. Tra il 66′ e il 69′ la squadra di Grosso va tre volte vicina al gol: prima è Petriccione a impegnare Fiorillo, poi Improta manda alto con un colpo di testa ravvicinato per poi non riuscire a deviare in rete un invitante assist di Cissè. Ma quello del Bari è un monologo e i biancorossi riescono a raccoglierne i frutti al 77′. A risolverla è Franco Brienza, con una grande punizione che supera Fiorillo (ingannato anche da una deviazione). Il Pescara prova a reagire nel finale di gara, per portare a casa almeno un pareggio. Il Bari potrebbe chiuderla con Floro Flores, che calcia bene ma la manda a lato. La squadra di Zeman, invece, ci prova con un tiro di Crescenzi che viene respinto da Micai. Nei sei minuti di recupero il Pescara attacca a testa bassa, il Bari però si difende con ordine. E il San Nicola può festeggiare la sesta vittoria casalinga consecutiva della squadra di Fabio Grosso, che con questi tre punti aggancia il Parma al quarto posto a -2 dal Palermo capolista.

Fonte – Sport.sky.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

1 Commento on "Il posticipo: Bari-Pescara 1-0"

Notifica di
Ordina per:   nuovi | vecchi | più votati
Ludovico
Membro
Solo qualche giornata fa il Pescara ci dava 6 punti e ora l’abbiamo raggiunto. Stesso dicasi per il Perugia che ci sovrastava e che, nel giro di qualche giornata, annaspa sotto di noi. Campionato di B unico e straordinariamente imprevedibile, oltre quell’imprevedibilità sistemica e statistica, che la B ha già di suo. Senza fare calcoli elementari, con qualche vittoria sei al vertice, con qualche sconfitta sei in zona retrocessione. Serve equilibrio come dice Stroppa ? Potrebbe anche non servire…… se vinci e perdi alternativamente, fai più punti di quanti ne faresti pareggiando ripetutamente. Noi siamo una squadra da trasferta perchè… Leggi altro »
wpDiscuz