Foggia, presentati Tonucci, Greco e Zambelli: “Daremo tutto per una salvezza tranquilla”

Tempo di lettura: 3 minuti

Presentati i nuovi acquisti in casa Foggia Denis Tonucci, Leandro Greco e Marco Zambelli. Ecco le loro parole nel corso della conferenza stampa di presentazione:

Presidente Fares: “Voglio dare a nome della società il benvenuto ai tre ragazzi, siamo orgogliosi e contenti di averli qui. Tre elementi importanti per la categoria che vanno ad aggiungere quella dose di esperienza che la società ha ritenuto importante. Denis me lo ricordo bene nel derby col Bari dove ha disputato un’ottima partita, ma noi siamo abituati a prendere giocatori che ci hanno dato dispiaceri. Non hanno bisogno di presentazioni, hanno un palmares importante, ci aspettiamo quel valore aggiunto per raggiungere una salvezza tranquilla. Questo rientra nei piani della società, la squadra andava migliorata nell’esperienza, credo che con questi primi tre arrivi abbiamo dato un segnale forte. Tonucci ha firmato per questa stagione più due anni, per Greco e Zambelli la possibilità di prolungare il prossimo anno”.

Denis Tonucci: “Volevo ringraziare il presidente e la società per avermi dato questa grande possibilità. Appena ho saputo non ho esitato ad accettare, ero arrivato ad un punto in cui gli stimoli non c’erano più. L’obiettivo primario è il mantenimento della categoria e faremo di tutto per far sì che questo accada, grazie per il benvenuto, ci avete fatto sentire in una grande famiglia. Cercerò di dare seubito il massimo. Ho già giocato con la difesa a tre quindi sono a disposizione. Il fatto di essere stato richiesto indica che dietro c’è bisogno di dare una mano, questa è stata la scintilla che ha fatto partire la mia scelta. Fa piacere ad un giocatore. Non ho pensato ai punti di differenza col Bari. I 10 mila euro di multa del Bari per mettere Diakhite al mio posto? Fin quando indossavo quella maglia pensavo solo a remare tutti da una parte, anche se ci sono rimasto male che gioca un fuori lista al posto tuo. Ma metto sempre la squadra prima del singolo. Contatti con Nember ci sono stati ben dopo il derby, non subito dopo. Ho affrontato nel derby una squadra ben organizzata che aveva preparato la partita a puntino, l’ho vista come una squadra tosta, che gioca bene a calcio. Non ho avuto modo di parlare con il tecnico, ci parlerò”.

Leandro Greco: “Ringrazio il presidente per avermi dato questa grande opportunità, ho tanta voglia di riscattarmi, e posso farlo in una piazza così importante. Il primo obiettivo è la salvezza, ringrazio il gruppo per come ci ha accolto in questi giorni. Entro in punta di piedi sapendo che c’è tanto da lavorare e guardare avanti. Non ho giocato questi sei mesi, ma non voglio crearmi alibi inutili, mi piace pensare di essere a disposizione fin da subito nonostante le inevitabili difficoltà a cui vado incontro. Ho voglia di far fatica e sono contento di poterla fare, spero di entrare in forma il prima possibile. Nella mia carriera ho avuto la fortuna di avere tanti esempi, la cosa importante è la motivazione, il modo di vivere un ambiente. Sono venuto qui qualche anno fa col Verona, sicuramente una piazza che non scopro certo io, ha fame di calcio, dobbiamo creare un unico blocco per arrivare al nostro obiettivo. Questo è un gruppo che ha dato tanto a questa piazza, c’è tanto rispetto per loro, non conta il curriculum, quello che possiamo dare noi è l’entusiasmo e la voglia di mettersi in gioco. Ho scambiato due parole col mister ma credo che abbiamo parlato di quello che serve dal punto di vista mentale e morale”.

Marco Zambelli: “La mia era una situazione particolare, sei mesi da svincolato, per me questa è un’opportunità, la carriera è passato, il presente è Foggia, una famiglia, dei ragazzi incredibili che vogliono lavorare per raggiungere la salvezza. Quando stai fuori sei mesi hai solo voglia di giocare, i primi giorni serve la condizione fisica poi è tutta questione di testa, serve voglia di riprendersi qualcosa che ti è stato tolto. Ho fatto due allenamenti, ho trovato una grande mentalità in questo gruppo. Foggia? Piazza con grande entusiasmo, che in trasferta con un gran numero di tifosi, piazza esigente che vive di calcio, starà a noi regalargli una salvezza tranquilla. Il mister quello che mi ha chiesto è di mettermi”.

Fonte – Tuttocalciopuglia.com

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di