L’anticipo: Pescara-Perugia 0-2

Seconda vittoria consecutiva per il Perugia: Breda vince anche la prima in trasferta del nuovo anno dopo il successo di una settimana fa sulla Virtus Entella. Ancora una volta lo spaccapartita è il 18enne ivoriano Kouan, promosso dalla Primavera. Il Grifone non vinceva lontano dal Curi dalla prima giornata di campionato, a Chiavari, con Giunti in panchina. Una vita fa.Dopo venti minuti la partita si accende. Brugman dipinge per Mancuso a destra, l’esterno pecca in altruismo e guarda in mezzo invece di calciare in porta da buona posizione. Gol mancato, gol subito. Sul ribaltamento, il primo vero da parte degli umbri, la difesa pescarese buca clamorosamente: cross da destra di Del Prete, Kouan s’infila alle spalle di Campagnaro e Crescenzi e di testa buca Fiorillo. Il Perugia passa in vantaggio a sorpresa al secondo tiro in porta della partita, dopo 26’, con una nuova prodezza del 18enne ivoriano dopo quella di una settimana fa contro la Virtus Entella.Il vantaggio facilita i piani del Perugia, che non cambia di un centimetro la sua strategia e riesce a restare con la testa sopra la linea di galleggiamento solo grazie all’imprecisione di Capone: sfondamento in area al 45’ e sinistro che tocca il palo esterno e si allontana dalla porta.

RADDOPPIO MERITATO — Zeman deve ribaltarla e non è certo il suo forte (è successo solo una volta finora in questa stagione, in casa contro l’Avellino: da 0-1 a 2-1), i tre centrali di Breda sono colossi e Pettinari si perde nel confronto fisico. Non è un caso se il boemo subito dopo l’intervallo cambia il riferimento al centro del suo tridente, inserendo Cappelluzzo. Il cronometro scorre e bisogna provarci, un bene per Cerri e compagni perché si aprono spazi per far saltare definitivamente il banco. L’ariete al 10’ apre per Pajac a sinistra, cross improvviso e acrobazia col tacco di Di Carmine. Fiorillo è un felino e tiene in vita i suoi. Il Pescara ha buona volontà, poca convinzione e ancora meno rapidità. Un solo cross (da destra) in più di mezzora è pochino per scalfire la solidità dei cinque uomini della terza linea perugina. In campo c’è una sola squadra padrona della partita ed è quella ospite: il raddoppio nel finale di Di Carmine è il giusto premio al nuovo Perugia del 2018. Che per ora sa solo vincere.

Fonte – Gazzetta.it

Commenti

commenti

2
Lascia un commento

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
RobyFoggiaValenciaFG Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
ValenciaFG
Membro
ValenciaFG

Il Pescara è una squadraccia, non ha nulla di Zeman, non riesco a capire come abbiamo potuto lasciargli 6 punti!!!

RobyFoggia
Membro
RobyFoggia

Mica solo il Pescara……ne vogliamo parlare delle altre? Però poi classifica canta…..