Empoli-Palermo 4-0: rosanero annichiliti al “Castellani”, dominio toscano e tris di Caputo

I rosa crollano nel big match del “Castellani” contro un Empoli che ha annichilito la compagine di Tedino sotto ogni punto di vista. Palermo molle e remissivo, surclassato da un avversario che ha impressionato per qualità e sincronismi collettivi nella fase offensiva. Caputo sigilla con una tripletta il dominio degli uomini di Andreazzoli.

Un tornado di organizzazione, sincronismi perfetti, armonia e fluidità di manovra.

Piglio da grande squadra, ritmo forsennato e stucchevole coralità. Tracce codificate e letali individualità. L’Empoli ha surclassato e travolto un Palermo troppo brutto per essere vero.

Il match è terminato da un po’ ma, probabilmente, gli uomini di Tedino non hanno ancora realizzato appieno quanto accaduto nel corso dei novanta minuti.

Sconfitta netta, calcisticamente mortificante, nel gioco più che nel punteggio.

Poker di reti rifilato dall’ Empoli alla capolista del campionato che non ha mai trovato modo e tempi per leggere ed arginare le giocate codificate del complesso toscano, dipanate sul manto del “Castellani” alla velocità della luce.

Difficile spiegare le origini di un blackout talmente evidente sotto ogni punto di vista.

La certezza inquietante, vidimata stasera dal verdetto insindacabile del terreno di gioco, è che l’Empoli è un complesso di eccellente valore assoluto in questa categoria e, se mantiene questo livello di intensità in termini di coralità e tenuta mentale, sarà un’autorevolissima candidata alla promozione diretta in massima serie. La proprietà di palleggio, la linearità ed il lignaggio nella tessitura della manovra, gli automatismi nei movimenti senza palla, l’estro e la verticalità in sede di rifinitura, la voracità e la risolutezza dei suoi finalizzatori. Il repertorio mostrato questa sera dalla squadra di Andreazzoli centra davvero poco con gli attuali standard del torneo cadetto.

Il Palermo è rimasto letteralmente inerme e stordito, in perenne e costante apnea, a cercare di turare le falle aperte con irrisoria facilità dalle trame, avvolgenti e ficcanti, orchestrate dalla compagine di Andreazzoli.

Indubbiamente, l’approccio mentale e nervoso alla gara della formazione rosanero è parso subito piuttosto inadeguato. Baricentro basso, troppo schiacciato a protezione dei sedici metri.

La consueta ferocia motivazionale ed agonistica che lasciava il posto ad un’inerziale e rovinosa supponenza. Un paio di sovrapposizioni di Pasqual che prendeva alle spalle Szyminski, adattato sulla corsia di destra, lasciavano subito intuire che aria tirasse.

Evidente il gap in termini di passo e rapidità, d’esecuzione e di pensiero, in mezzo al campo. Con il tandem macedone, abbandonato a se stesso, regolarmente divorato dalla linea a quattro toscana ed impossibilitato a far salire una squadra spaccata in due, troppo arroccata a protezione di Posavec.

Proprio da una respinta difettosa del portierino croato nasceva il vantaggio empolese firmato Brighi. Il mancino di Pasqual non era certo irresistibile per l’estremo difensore rosa ma l’immobilismo dei centrali di Tedino sulla palla vagante ci fa propendere, nella fattispecie, per un concorso di colpa da condividere con l’intero reparto arretrato.

Punto nell’orgoglio, il Palermo ha balbettato forse gli unici venticinque minuti decenti della sua infausta performance. Quantomeno in termini di atteggiamento tattico e modo di stare in campo.

La compagine di Tedino ha alzato progressivamente baricentro e linea del pressing.

Aumentando ritmo e spirito di iniziativa. Andando a prendere alto l’Empoli nella sua trequarti, accorciando progressivamente con le linee in avanti, recuperando più di un pallone in zona potenzialmente pericolosa. Jajalo ha cominciato ad imbastire la sua regia scolastica ma ordinata, Aleesami ha abbozzato un paio di sovrapposizioni, Coronado ha dato un pizzico di qualità in cucitura. Confortato dalla presenza di qualche magli amica, anche il tandem macedone ha implementato tagli, vigore e dinamismo.

Pallino del gioco in mano per la fase centrale del primo tempo. Qualche lampo interessante ma sterile di Trajkovski, un’incornata alta di Nestorovski, un sinistro ben indirizzato dallo stesso bomber rosa parato dall’attento Gabriel.

Sembrava che il vento stesse girando ma la bufera doveva ancora arrivare.

Allo scadere della prima frazione giungeva la mazzata definitiva. Un’istantanea sulla partita molle ed approssimativa disputata dalla compagine rosanero.

Zajc, giocatore dalle mirabili doti tecniche e dalla sopraffina visione di gioco, danza tra le linee palla al piede, alza la testa, senza alcuna pressione né schermatura dagli interni di Tedino, ed imbuca la più elementare delle verticalizzazioni per il taglio di Caputo: Dawidowicz, legnoso ed ingenuo nell’occasione, non esegue al meglio la diagonale e si fa bruciare dall’implacabile bomber empolese.

L’errore del polacco è evidente ma è altrettanto innegabile che l’assenza totale di pressione e densità in mezzo al campo abbia reso agevole la giocata in verticale di Zajc, esponendolo alla furbizia ed alla rapidità del numero 11 toscano.

Virtualmente la partita è finita lì. Purtroppo non di fatto: c’è stato ancora modo di ammirare un fraseggio da playstation dei padroni di casa, uno-due stile Futsal griffato Caputo-Zajc, con il joystick di Struna e Bellusci chiaramente in loop. Preludio al poker toscano, tris personale, ancora di Caputo.( penalty concesso per fallo di Dawidowicz sullo stesso attaccante)

Il finale è caratterizzato da qualche esperimento tattico di Tedino che conia un disperato 4-2-3-1, gettando nella mischia Moreo, Gnahoré e Rolando, nell’auspicio di scuotere i suoi dal torpore. La vana ricerca del gol della bandiera ha messo in evidenza un Moreo che, per attitudini e caratteristiche, sia fisiche che tecniche, potrà essere molto utile alla causa.

Diversi i duelli vinti nel gioco aereo e peso specifico considerevole mostrato nei sedici metri.

L’ex Venezia ha lottato e provato, con intraprendenza e prontezza, più volte la battuta a rete senza fortuna. Il suo scorcio di match ha incarnato quei concetti di ferocia e concretezza che stasera sono clamorosamente mancati nella performance offerta dalla squadra di Tedino.

L’atteggiamento è certamente il tasto più dolente della serata.

Supponenza e superficialità sono lussi che non puoi mai concederti nel torneo cadetto.

Diventano peccati imperdonabili al cospetto di un avversario di tale levatura. Scarsa vis agonistica e inadeguata tenuta nervosa costituiscono due componenti significative alla base dell’imbarazzante divario emerso tra le due formazioni sul manto erboso del “Castellani”. Ma non certo le uniche.

Anche sul piano squisitamente strategico e dell’interpretazione tattica la squadra ha clamorosamente bucato la partita. Rintanarsi, pronti via, nella propria area di rigore non è proprio un segnale che esprime personalità ed autorevolezza conformi alla capolista.

Quando il Palermo è riuscito a pressare, in modo organico e sincrono, sulla trequarti offensiva ha spesso sporcato la manovra toscana alla sorgente, togliendo tempo, spazio e sfera ai palleggiatori di Andreazzoli.

L’Empoli dispone di centrocampisti capaci di tessere la manovra con linearità e buona qualità, abili a verticalizzare in modo letale in assenza di pressione, densità e filtro che complichino la giocata. Il Palermo è mancato in zona nevralgica specie in tal senso.

Ciò ha esposto spesso i tre centrali difensivi, non certo dei fulmini di guerra sul breve, a soffrire le pene dell’inferno su Caputo e Donnarumma, rapidi a incrociare e voraci nell’ attaccare la profondità.

Quasi mai il Palermo ha accompagnato l’azione in modo organico e corale, abbandonando il tandem macedone al proprio destino e costringendo Coronado a predicare nel deserto.

Tanta era la preoccupazione di esterni e centrocampisti di guardarsi le spalle senza di fatto riuscirvi. Zajc ha imperversato tra le linee, Chochev e Jajalo non hanno mai avuto reattività e velocità di pensiero necessarie a leggerne imbucate ed inserimenti senza palla. Empoli che ha comandato anche sulle corsie, con Pasqual che ha disorientato il malcapitato Szyminski e Aleesami che ha fatto molta fatica a saltare Di Lorenzo.

Basta questo per comprendere che la compagine di Andreazzoli ha dominato in ogni zona del campo. Per due semplici ragioni: l’Empoli è oggettivamente una squadra molto forte per la categoria in virtù di identità propositiva, impianto di gioco audace e collaudato, individualità di assoluto rilievo, in mezzo al campo e, soprattutto, in avanti.

Il Palermo non è esistito. Nella testa, nell’anima e nelle gambe.

Non ha opposto le sue armi al cospetto di un avversario brillante, tonico e di grande qualità.

Non v’è stata traccia alcuna della compattezza, dell’equilibrio, della determinazione feroce, doti che hanno fin qui contraddistinto il cammino della squadra di Tedino. Questa era una partita che in termini di valori assoluti si poteva benissimo perdere. Ma certamente non in questo modo.

Nulla è compromesso. Il campionato dei rosanero resta di assoluto livello e le chances di promozione più che mai intatte. Magari questo poker di sberle può fare da salvifico promemoria.

Questa squadra non ha valori tecnici talmente dominanti in categoria per vincere in surplace e concedersi performance ai limiti del minimo sindacale. Servono personalità, carattere, abnegazione e concentrazione. Patrimonio insito nel Dna di questo gruppo da ripristinare fin dalla prossima seduta di allenamento. Viceversa si rischia di restare a bocca asciutta. Senza neanche la famosa bava che Tedino avrebbe voluto vedere al “Castellani” nei suoi calciatori…

Fonte – Mediagol.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notifica di