Foggia unito e battagliero: applausi a squadra, tecnico e ds. Ora un trittico da prova del nove

E’ un Foggia scoppiettante, orgoglioso, battagliero e pronto a ribaltare ogni pronostico dopo un girone di andata con qualche passo falso di troppo. Applausi – e non potrebbe essere altrimenti – dopo la prestazione contro il Palermo, squadra candidata a vincere il campionato cadetto ed ancora con calciatori che lo scorso anno militavano in Serie A (da Rispoli a Nestorovski, passando per Aleesami e Posavec).

Quattro punti, tra andata e ritorno, contro il club di Maurizio Zamparini (1-1 all’andata): bilancio non da poco per una squadra tornata in Serie B a distanza di diciannove anni dall’ultima apparizione, che sta crescendo giornata dopo giornata. Ed i risultati sono dalla parte del Foggia, che nelle ultime sette partite ha conquistato la bellezza di tredici punti.

Uno spogliatoio che sembra più unito che mai, la consapevolezza di avere un organico forte dopo l’arrivo di calciatori del calibro e dell’esperienza di Scaglia, Tonucci e Kragl. E di questo va dato merito soprattutto al lavoro chirurgico di un eccellente direttore sportivo come Luca Nember, oltre che ad un tecnico come Stroppa che non ha mai smesso di crederci e che fa del lavoro sul campo uno stile di vita.

La scalata continua, altro fieno in cascina e zona rossa ora distante quattro punti. Si comincia a respirare un’aria nuova, c’è fiducia e voglia di stupire. Ora inizia il bello, alle porte c’è un trittico molto abbordabile: Carpi, Brescia e Novara per dare continuità ed una sterzata decisiva ad un campionato in cui i satanelli hanno iniziato a fare a voce grossa.

Fonte – Tuttocalciopuglia.com

Commenti

commenti

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Ludovico Recent comment authors

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ludovico
Membro
Ludovico

Sfatare definitivamente il tabù casalingo dello Zaccheria con lo stadio stracolmo.
Dev’essere questo il nostro unico obiettivo, la nostra unica ragione di esistenza.
Trittico abbordabile sulla carta, ma ci vorrà tanto impegno, passione e determinazione, per fare risultato pieno.
Ma nulla è impossibile per il morale a mille che hanno i nostri ragazzi.
E se ciò dovesse accadere lascio immaginare a voi dove arriveremmo in classifica.