Una prodezza di D’Elia regala i tre punti al Bari

Un Bari cinico passa a Cremona nell’anticipo della ventiseiesima giornata del campionato cadetto. Ai galletti basta un gran gol di D’Elia per stendere la Cremonese, a secco di successi da quattro gare, e ottenere così il secondo successo di fila dopo quello conquistato contro la capolista Frosinone.

COSI’ IN CAMPO – Grosso riconferma l’undici sceso in campo sette giorni fa con il Frosinone con l’unica eccezione di Basha, fermato dal giudice sportivo, sostituito da Petriccione. In attacco fiducia al tridente composto da Anderson, Kozak e Galano. Dall’altra parte Tesser si affida al consueto 4-3-1-2 con l’ex Castrovilli a supporto del tandem composto da Brighenti e Scappini.

PRIMO TEMPO – Dopo una fase iniziale di studio la Cremonese crea la prima palla gol: all’ottavo minuto di gioco Brighenti prova a sorprendere Micai con una zampata ma il portiere biancorosso è reattivo e respinge la sfera evitando il peggio. La risposta del Bari arriva due minuti più tardi con un coast to coast di Kozak che, dopo aver superato mezza difesa, non riesce a concludere con la giusta forza. Dopo le occasioni capitate sui piedi di Brighenti e Kozak, la sfida diventa tattica e le azioni da gol stentano ad arrivare. Nel finale di primo tempo Busellato è provvidenziale sul cross di Castrovilli mentre a pochi secondo dal fischio di Aureliano, Scappini illude il pubblico locale con un colpo di testa che termina sull’esterno della rete.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa la Cremonese parte meglio riuscendo a chiudere gli ospiti nella propria metà campo. Dopo due minuti i grigiorossi ci provano con una conclusione di Brighenti che viene deviata in angolo dalla difesa pugliese. Più tardi è Scappini a provarci con una girata che Micai riesce a respingere in bagher. All’undicesimo Grosso prova a scuotere i suoi mandando in campo Brienza al posto di Henderson, ancora una volta positiva la sua prestazione. Il fantasista biancorosso, appena entrato, fa tremare la tifoseria di casa con un conclusione velenosa dai trenta metri che Ujkani riesce a respingere. E’ il preludio al gol che arriva al diciannovesimo: cross di Sabelli spazzato via dalla retroguardia lombarda, la palla termina sui piedi di D’Elia che lascia partire un destro che si spegne alle spalle di Ujkani. I ragazzi di Tesser non subiscono il colpo e provano in tutti i modi a rimettere la sfida sui binari dell’equilibrio. Al trentunesimo è il palo a salvare i galletti sulla conclusione dalla distanza di Pesce. Tre minuti più tardi è Scappini a provarci di testa ma Micai salva tutto con un intervento prodigioso. Grosso capisce che è il momento di cambiare e inserisce prima Tello al posto di Galano e subito dopo Nenè al posto di Kozak. Tra i due cambi sono ancora i grigiorossi a rendersi pericolosi con un tiro dell’ex Castrovilli messo in angolo da Sabelli. Il bunker biancorosso riesce a tenere le ultime offensive locali e al novantacinquesimo i galletti possono festeggiare. Il Bari ottiene così il secondo successo consecutivo, terzo stagionale in trasferta, e consolida così il quarto posto in attesa delle sfide di domani. La squadra di Grosso sfrutta al meglio una delle poche occasioni create e riesce per la seconda sfida consecutiva a non subire gol. Continua il momento no della Cremonese, a secco di successi da quattro gare.

Fonte – Bari.iamcalcio.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notifica di