Perugia-Foggia: Le pagelle

Guarna 6 – Difficilmente gli umbri si affacciano con pericolosità dalle sue parti nel primo tempo. Lo fanno invece nel secondo, anche se lui non ha colpe sui gol.

Tonucci 5 – Primi quarantacinque minuti che raccontano una prova d’autorità e sicurezza. Macchiata però dal goffo intervento, pur dubbio, che concede il rigore del 2-0. (dal 79′ Floriano s.v.)

Camporese 6 – Si posiziona al centro della difesa a tre, seguendo bene i movimenti delle due punte. Tra i meno colpevoli per le reti subite nel pacchetto arretrato.

Loiacono 6 – Vince il duello con Di Carmine nel corso di tutto il primo tempo. Nella ripresa ha qualche difficoltà in più, ma nel complesso non demerita granché.

Zambelli 5 – Abbastanza timido nell’attaccare la fascia, si fa spostare con troppa facilità da Di Carmine nell’azione del vantaggio umbro, che cambia totalmente la partita. (dal 67′ Duhamel 6 – Entra e già dopo pochi minuti va ad impegnare Leali con un bel diagonale. Poi tocca meno palloni, ma non c’era da aspettarsi altro).

Gerbo 5,5 – Dei tre centrocampisti centrali scelti da Stroppa è quello che fornisce la prova meno brillante. Ammonito nel primo tempo per un goffo colpo di mano.

Agnelli 6 – Fa il regista basso in mezzo al terreno di gioco. Abbastanza presente in fase di interdizione, anche in costruzione non offre un lavoro disprezzabile.

Deli 6,5 – Il più vivace nella compagine ospite, della quale è anche il migliore in campo. Impensierisce Leali fino in fondo, tra inserimenti e tiri da fuori.

Kragl 5 – Rimane spesso e volentieri ai margini della manovra. Impensierisce Leali con un gran destro da fuori, ma nel finale cestina malamente una bella chance. Senza mira.

Mazzeo 5,5 – Si muove molto già dai primi minuti di gara, ma ha pochi palloni buoni. Si inventa una gran girata nel finale, ma trova un attento Leali. Poco altro, poi.

Nicastro 5,5 – C’è un tocco sospetto di Bandinelli ai suoi danni in area di rigore nel primo tempo, non fischiato. Ma per il resto della sua gara si ricorda poco. (dal 67′ Scaglia 5,5 – Si posiziona a sua volta largo a destra. Sbaglia una chance succosa per riaprirla a dieci minuti dal termine).

 

Le pagelle del Perugia – Cerri apre le danze, buon subentro di Diamanti

Leali 6,5 – Nonostante la pressione ospite, nel primo tempo ha poco lavoro. Aumenta nella ripresa: si deve opporre a Kragl e, soprattutto, alla girata di Mazzeo nel finale.

Volta 6,5 – Quanta esperienza ci mette il più esperto dei suoi. Sul gioco aereo arriva sempre primo rispetto agli avversari, e non sbaglia praticamente nulla.

Dellafiore 6,5 – Torna da titolare al centro della difesa perugina e non fa rimpiangere l’assenza di Del Prete al suo allenatore Breda. Si disimpegna con tranquillità.

Magnani 6,5 – Altra ottima prestazione per il giovane difensore, che nel primo tempo sembrava aver accusato un ko fisico. Il dolore passa, e la sua prova cresce.

Mustacchio 6 – In più di un’occasione lo si vede attaccare la fascia a testa bassa con grande voglia e sprint, ma altrettante sono quelle in cui sbaglia il cross. Da sei.

Gustafson 5,5 – Tra i meno brillanti nell’undici iniziale perugino ci sono due mezzali. Anche lo svedese del Torino non sembra essere al meglio. Tanti palloni persi.

Bianco 6 – Principalmente si limita a presidiare la zolla davanti alla difesa, ma non illumina in impostazione. Antepone la solidità ai rammendi eleganti: da sufficienza. (dal 70′ Colombatto 6,5 – Sagace nella gestione del risultato, il suo lavoro davanti alla difesa è ottima. Scatenato ed incontenibile nel finale).

Bandinelli 5,5 – Rischia tantissimo nel primo tempo, quando ostacola al limite del regolamento lo stacco di Nicastro. Pillitteri lo grazia, ma non è stata una gran giornata. (dal 75′ Buonaiuto s.v.)

Pajac 6 – Difende con le maniere forti il suo lato di campo, rischiando con un tocco sospetto sull’incornata di Loiacono. Dal suo cross scaturisce il rigore del raddoppio.

Di Carmine 6,5 – Deve abituarsi alla difesa ospite, e ci mette un tempo intero. Meglio nella ripresa: se ne va di forza a Zambelli e offre l’assist vincente a Cerri.

Cerri 7 – Prende le misure alla porta nel primo tempo, con un destro alto di poco. Nella ripresa apre le danze, appena prima di essere sostituito. (dal 61′ Diamanti 7 – Realizza il secondo gol dei suoi dal dischetto, lasciandosi andare ad una commossa non-esultanza in memoria del suo amico Davide Astori).

Fonte – Tuttomercatoweb.com

Commenti

commenti

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
ValenciaFG Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
ValenciaFG
Membro
ValenciaFG

Único sotto tono oggi è stato Mazzeo! Quando sbaglia 1000 passaggi diventa snervante. Narciso molto movimento ma poca incisione, abbiamo bisogno di tirare in porta!!
Tonucci è un grandissimo. Difesa strepitosa, ma non si può prendere un gol in contropiede in trasferta a Perugia… grandissima ingenuità di stroppa.
Una nota positiva Agnelli, si vede che sta meglio fisicamente non ha fatto rimpiangere Greco e velocizza l’azione. Deli, Deli… se riuscisse a finalizzare meglio e fare assist più precisi sarebbe come Dybala