Vigilia di Cosenza-Foggia. Braglia “vogliamo vincere, ma dovremo avere più fame di loro”

braglia
Tempo di lettura: 2 minuti

Così il tecnico rossoblu alla viglia del match contro i satanelli in programma alle 15:00 al Marulla “proveremo a vincere aldilà delle qualità del Foggia che sappiamo esser una grande squadra. Basta difendersi bassi, perché non paga. Il modulo? Decidiamo in base alla partita”

Vigilia di Cosenza – Foggia e consueta conferenza del tecnico toscano che per prima cosa ha fatto il punto della situazione sugli infortunati dell’ultima settimana “Alcuni hanno recuperato come Maniero e Garritano e ci saranno, mentre altri come Perez e Di Piazza invece no“. Domanda inevitabile sul modulo tattico da adottare domani, alla luce delle ottime risposte avute a Carpi “stiamo lavorando su due moduli e di volta in volta adotteremo quello che è più giusto scegliere sopratutto in base alle partite che affrontiamo a cominciare da quella di domani. I ragazzi sono sicuramente più attaccati al 3-5-2 ma sanno far bene anche il 4-3-1-2 e sopratutto sono motivati, dimostrano grande duttilità e voglia di imparare. Ma aldilà del modulo da mettere in campo conterà come sempre l’atteggiamento. Abbiamo lavorato bene e ci siamo preparati per il match di domani pronti a dare battaglia contro una grande squadra come il Foggia che arriverà con il morale altro, reduce da tre successi consecutivi e che ha cancellato la penalizzazione di 8 punti. Ma noi per consapevoli del valore del Foggia, ci dobbiamo provare fino alla fine. Hanno un ottimo allenatore, giocano bene a calcio, hanno meccanicismi collaudati e cercheremo di essere all’altezza. Ma per riuscire a portare a casa il successo dobbiamo avere più fame e motivazione di loro e vincere i duelli, questo sarà fondamentale. Basta difendersi troppo bassi, perché abbiamo visto che non paga. Non ho intenzione di difendermi e farli arrivare in area. Proveremo a interrompere le loro trame“.
A caccia della vittoria perduta

“So quanto sia importante la vittoria e spero arrivi presto, non solo per i ragazzi ma sopratutto per l’ambiente visto che ho cominciato a sentire qualche discorso strano tipo che la squadra non all’altezza, mercato insufficente e così via. Noi dobbiamo salvarci e se abbiamo la pazienza e l’umiltà di aspettare questa squadra farà sempre bene e meglio. Al dilà di Cittadella dppo ci siamo difesi troppo bassi abbiamo rotto le scatole sempre a tutti. Certo dobbiamo lavorare ancora sugli errori e sulle ingenuità che commettiamo e sui troppi goal che sbagliamo che ci possono pregiudicare i match. Ho detto ai ragazzi che sotto porta devono essere più cattivi.”
Perina? E’ il terzo portiere

“Non sono uno che mi dimentico le cose. Saracco ci ha dato una grandissima mano per arrivare dove siamo. Non lo posso bruciare per un errore o un errore e mezzo che ha fatto. Lo difenderò sempre perché è anche grazie a lui che siamo in serie B. Quindi il portiere domani è Saracco, anche se è chiaro che lui deve continuare ad avere fame e motivazione. Ovvio che se dovesse cointinuare a fare cappellate prenderò le decisioni. Ma Saracco e Cerofolini sono i portieri e Perina fa il terzo, punto“.

Fonte – Quicosenza.it

Lascia un commento

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
maurizio67 Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
maurizio67
Membro
maurizio67

Concentrazione massima per affrontare queste partite, in serie B nessuno ti regala niente e se molli di un millimetro ti castigano.
Forza ragazzi!!!