Cambia la divisione della torta dei diritti televisivi. Più soldi a chi fa giocare i giovani di scuola italiana

Tempo di lettura: 2 minuti

Cambia la torta dei diritti tv. Nella bozza shock della legge di Bilancio c’è anche un fronte calcistico. Che non comprende solo il rafforzamento dei controlli sullo stato di salute delle società per evitare altri fallimenti e nuovo caos sul format com’è accaduto nell’ultima estate.

LARGO AI GIOVANI Il provvedimento, peraltro elogiato ieri da Malagò alla fine del lungo e ben più controverso confronto sulla riforma Coni, spacca il 20 per cento destinato al «radicamento sociale». Una voce (che comprende l’audience e la presenza di spettatori) che si riduce per dare spazio a una nuova fonte di erogazione, cioè quella che dipenderà del «minutaggio dei giovani calciatori». Il testo scende nello specifico: «La quota è determinata sulla base dei minuti giocati negli ultimi tre
campionati da giocatori cresciuti nei settori giovanili italiani, di età compresa tra i 15 e i 21 anni, e che siano stati tesserati per l’attuale società almeno per tre interi campionati di serie A». Si tratta di una norma «incoraggia vivai» che non riguarda soltanto i giocatori di nazionalità, quanto di «scuola» italiana.

PIU’ DI 60 MILIONI Di che cifra stiamo parlando? Togliendo la mutualità, il monte-diritti tv è superiore al miliardo e 110 milioni. Le risorse attribuite sulla base del minutaggio saranno il 6 per cento di quella cifra, quindi circa 66 milioni, ma nella bozza che circolava fino a ieri mattina si parlava del 10 per cento (e qui si arriverebbe addirittura a 110 milioni). A essere premiate dalla novità potrebbero essere le società tradizionalmente più legate ai vivai, per esempio l’Atalanta. In questo modo la nuova mappa della divisione dei diritti tv prevede il 50 per cento uguale per tutti (l’ultimo governo l’aveva alzata infatti del 10 per cento), il 30 sulla base dei risultati sportivi, il 14 (o il 10)  per il radicamento sociale e il 6 (o il 10) in base al «minutaggio» baby.

ARRIVA LA CONSOB Sempre all’interno dell’articolo 48, una specie di omnibus sportivo della bozza della legge di bilancio, c’è poi la parte relativa ai controlli sulle società. Che potranno accedere alla loro quota di diritti tv solo sottoponendo i propri bilanci «alla revisione di una società di revisione iscritta nel registro dei revisori contabili, la quale, limitatamente a tali incarichi, è soggetta alla vigilanza della Consob». Qui bisognerà capire come queste disposizioni, che riguardano i club di A e B, si intrecceranno con ciò che è già previsto nelle norme della Federcalcio.

«BONUS» IMPIANTI Infine il «bonus sport» che prevede un credito di imposta del 65 per cento perl’intervento dei privati nella manutenzione di impianti pubblici o perla realizzazione di nuove strutture.

Fonte – Gazzetta.it

Lascia un commento

2
Lascia un commento

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
MerlinMicky Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Micky
Membro
Micky

Secondo me non c’entra che non sono del Foggia, parla di schierare giovani cresciuti nei vivai italiani, qui di credo anche in prestito.
Del resto la finalità dovrebbe essere quella di creare più spazi possibili ai giovani, qui di favorire anche i prestiti se servono a farli giocare in A o in B

Merlin
Membro
Merlin

Sig. Edo Valerio, da come ha potuto leggere, si tratta di una norma «incoraggia vivai» che non riguarda soltanto i giocatori di NAZIONALITA’, quanto di «SCUOLA» italiana. All’ Italia, per ora, prima ancora che leggi “incoraggianti”, manca un po’ di talento e una programmazione meno esterofila. Colgo l’occasione per dedicare un Requiem a tutti vostri cari defunti nella giornata della loro commemorazione. Saluti.