Foggia, tutto rimandato ma il Collegio riconosce sproporzione penalità

Tempo di lettura: 2 minuti

Era prevista per oggi 14 novembre l’udienza e la sentenza del Collegio di Garanzia dello Sport del CONI sui ricorsi presentati dal Foggia Calcio contro la penalizzazione di 8 punti in classifica e contro le squalifiche dei fratelli Sannella, inflitte dalla Corte Federale D’Appello in data 22 agosto.

Poco fa il Collegio di Garanzia ha emesso il dispositivo. Accolto il ricorso del Foggia sugli 8 punti di penalizzazione – riconoscendo quindi la sproporzione della penalizzazione – ma ha rimandato (a data da destinarsi) la decisione alla Corte Federale D’Appello della FIGC. Prevista dunque una riduzione della penalità. Ha accolto il ricorso presentato da Franco Sannella annullando l’inibizione di un anno. Ha respinto il ricorso di Fedele Sannella confermando l’inibizione di tre anni.

Questo l’intero contenuto del dispositivo:

La Seconda Sezione del Collegio di Garanzia, presieduta dal prof. Attilio Zimatore, all’esito della sessione di udienze che si è tenuta oggi, ha assunto le seguenti determinazioni:

1) Ha respinto il ricorso presentato, in data 21 settembre 2018, da Fedele Sannella contro la Procura Federale FIGC, la Società Virtus Entella Srl e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e della Procura Generale dello Sport c/o il CONI, per la riforma e/o l’annullamento della decisione della Corte Federale d’Appello FIGC, di cui al C.U. n. 022/CFA del 22 agosto 2018, limitatamente alla parte in cui ha statuito e riconosciuto la responsabilità del ricorrente per aver impiegato, nell’attività gestionale e sportiva del Foggia Calcio s.r.l., somme derivanti dalla commissione di attività illecite, infliggendogli la sanzione della inibizione per 3 anni;

2) Ha accolto il ricorso presentato, in data 21 settembre 2018, da Francesco Domenico Sannella contro la Procura Federale FIGC, la Società Virtus Entella Srl e nei confronti della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC), della Corte Federale d’Appello FIGC e della Procura Generale dello Sport c/o il CONI, per la riforma e/o l’annullamento della decisione della Corte Federale d’Appello FIGC, di cui al C.U. n. 022/CFA del 22 agosto 2018, limitatamente alla parte in cui ha statuito e riconosciuto la responsabilità del ricorrente per non aver controllato le vicende contabili della Società Foggia Calcio S.r.l., infliggendogli la pena dell’inibizione per un anno; PER L’EFFETTO, HA ANNULLATO LA DECISIONE IMPUGNATA;

3) Ha accolto e, per l’effetto, rinviato alla CFA FIGC, nei sensi di cui in motivazione il ricorso presentato, in data 21 settembre 2018, dalla società Club Foggia Calcio S.r.l. nei confronti della Procura Federale della Federazione Italiana Giuoco Calcio (FIGC) e della società Virtus Entella S.r.l. avverso la decisione della Corte Federale d’Appello, Sezioni Unite, della FIGC, pubblicata con C.U. n. 022/CFA del 22 agosto 2018, che ha riformato la decisione resa in primo grado dal Tribunale Federale Nazionale – Sez. Disciplinare -, di cui al C.U. n. 1/TFN del 2 luglio 2018, e, per l’effetto, ha irrogato, in capo alla suddetta società, la sanzione della penalizzazione di 8 punti in classifica da scontare nella s.s. 2018/2019, in luogo dei 15 punti irrogati dal Giudice di primo grado endofederale, per la violazione dell’art. 4, comma 1, CGS – a titolo di responsabilità diretta, per le condotte contestate al dott. Adolfo Lucio Fares (in qualità Presidente e legale rappresentante della ricorrente) – e dell’art. 4, comma 2, CGS – a titolo di responsabilità oggettiva, per le condotte contestate, tra gli altri, ai sigg. Ruggiero Massimo Curci, Fedele Sannella e Francesco Domenico Sannella.

Fonte – Foggia.iamcalcio.it

Lascia un commento

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Micky Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Micky
Membro
Micky

Cmq che siano 2 0 4 pts saremmo ugualmente nei play out.
Vietato sbagliare.
Non possiamo perdonare più nulla.
Ne al mister ne ai singoli.
Perché se ci ritroviamo in C nonostante qs uomini siamo dei polli autentici.
E rischiamo fortemente che anche la società si demoralizzi e perda entusiasmo di questi anni.