I risultati del sabato pomeriggio della sedicesima giornata

Tempo di lettura: 2 minuti

Tre pareggi su tre nelle gare disputate questo pomeriggio. Un buon Livorno ferma la corsa del Palermo.

Risultati

PALERMO-LIVORNO 1-1 — Al Barbera il Palermo sbatte sul Livorno di Breda. I rosanero fanno la partita e al 13’ passano in vantaggio. Falletti buca la difesa livornese e d’esterno serve Moreo, che sostituisce l’infortunato Nestorovski, nello spazio che non ci pensa su due volte e calcia di prima intenzione siglando l’1-0. Al 25’, però, a sorpresa arriva il pareggio del Livorno. Raicevic addomestica in area un pallone volante e col destro batte Pomini. Nella ripresa, il Palermo spinge alla ricerca del gol vittoria ma l’occasionissima capita al Livorno: mischia su calcio d’angolo, Di Gennaro deve solo spingere il pallone in porta ma l’estremo difensore rosanero è straordinario. La partita si infiamma e all’82’ Moreo sale in cielo a colpire di testa trovando, però, la risposta super di Mazzoni. Con questo pareggio, i rosanero si portano a 30 punti. Il Livorno, invece, sale a 10 e resta ancora nelle zone caldissime della classifica.

ASCOLI-CITTADELLA 1-1 — Al Del Duca l’Ascoli è padrone del campo, creando diverse occasioni da gol. Al 16’ i bianconeri reclamano un calcio di rigore e sul ribaltamento di fronte Finotto, tornato dalla squalifica, calcia da fuori; il portiere risponde presente, ma sulla respinta Schenetti è prontissimo a insaccare. Passano soli cinque minuti e, a seguito di una mischia in area, l’arbitro questa volta indica il dischetto per fallo di Settembrini. Dal dischetto Ardemagni è freddissimo. Nel secondo tempo poche emozioni, con le due squadre che si accontentano del pareggio.

PERUGIA-SPEZIA 1-1 — Allo Stadio Curi Perugia e Spezia scendono in campo per un acceso match playoff. Al 17’ sono i padroni di casa a portarsi in vantaggio con Vido che protegge palla alla grande, si libera dell’avversario e insacca col destro; l’attaccante perugino non segnava su azione dal 2 settembre. Al 32’ è ancora Vido ad andare vicino al gol con un destro che dà solo l’illusione ottica del gol. Nella ripresa, lo Spezia spinge di più e al 55’ una super parata di Gabriel salva i biancorossi su un tiro ravvicinato. La pressione dei bianconeri si concretizza al 67’: palla splendida di Okereke nello spazio, Gyasi si getta in scivolata e batte il portiere ex Milan. Il Perugia torna a spingere e all’82’ Lamanna è strepitoso a togliere dalla porta un tiro a botta sicura di Verre. Ascoli e Spezia si dividono allora la posta in gioco e restano attaccate al treno playoff.

Tabellini gazzetta.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di