Ascoli-Foggia: 2-2 finale

Reading Time: < 1 minute

Stava arrivando forse nel momento peggiore la sconfitta per i satanelli, che nel secondo tempo sono stati praticamente nulli nonostante l’ingresso in campo di Kragl, Iemmello e Chiaretti. Mazzeo ormai non è neanche l’ologramma del giocatore ammirato nelle passate stagioni per cui è meglio non farci più affidamento. Poche le idee e zero conclusioni verso la porta avversaria in oltre 50 minuti. Poi ci ha pensato Oliver Kragl che al 94′ ha sganciato un siluro che ha riportato il Foggia sul 2-2. Continua il tabù vittoria che contro una squadra mediocre come l’Ascoli poteva tranquillamente essere sfatato se la gara fosse stata giocata in modo diverso.

Lascia un commento
Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Attila
Attila
1 Anno fa

Palla sempre data dietro perché nessuno si smarca. Lenti e anche leziosi. Uscito Deli il nulla. Non vuole bruciare Marcucci? Ma almeno lo provasse per vedere se é un play piú fresco e veloce, perché oggi non creiamo nulla. Greco solo lanci lunghi e niente inventiva. Mazzeo davanti non prova piú a saltare l’uomo. Aspetta solo la quota 100. Una povertá di schemi che non si puó giustificare con la stanchezza di qualcuno. Martinelli oggi é tornato ai livelli della C, insicuro e pericoloso nelle uscite, vedi il calcio d’angolo dato all’Ascoli dopo 20 secondi. Cicerelli molto fumoso mi é… Leggi altro »

Dome 12
Dome 12
1 Anno fa

Ma dove andiamo con questa di Zombie.