Serie B, Venezia-Palermo 1-1: Puscas pareggia all’85’. Cosmi, debutto amaro

Tempo di lettura: 2 minuti

Bocalon trova la prima rete stagionale, Vicario fa il miracolo sul rigore di Nestorovski ma non basta: la punta romena trova il pari a 5′ dal termine. Rosanero ancora secondi da soli, per i veneti è un pari che sa di beffa.

Finisce con un pareggio la prima di Serse Cosmi sulla panchina del Venezia. I lagunari, dopo una buona prestazione, si fanno riprendere da una rete di Puscas all’85’. A nulla è servita la prima rete di Bocalon con la nuova maglia e nemmeno il miracolo di Vicario sul rigore di Nestorovski: la squadra di Stellone ci crede fino alla fine e riesce a difendere il secondo posto solitario, ora +1 dal Verona mentre ora il Brescia è a 4 lunghezze di distanza. Per il Venezia è un pari che sa di beffa: la squadra di Cosmi, infatti, resta ancorata alla zona play-out.
la prima di bocalon — La gara si sblocca al 39′ quando Citro sventaglia il pallone per Bruscagin che mette in mezzo di prima intenzione per Bocalon: l’ex Salernitana trova così il suo primo gol con la nuova maglia. Prima dell’intervallo, scintille proprio tra Bocalon e Bellusci: fallo del difensore rosanero che, dopo la decisione del direttore di gara, perde le staffe e mette le mani al collo della punta. L’arbitro Ros però lo grazia con un giallo generoso.

ci pensa puscas — Nella ripresa il Palermo prova a rispondere: prima mettendo in difficoltà Vicario che rischia l’autogol, poi con un bel destro di Puscas di poco a lato. L’occasione per pareggiare il Palermo ce l’ha al 70′ quando Bruscagin abbraccia troppo affettuosamente Nestorvski , ma il macedone calcia malissimo dal dischetto con Vicario che riesce a bloccare in due tempi il pallone. Che i siciliani siano in serata no, lo si capisce al 78′: batti e ribatti in area di rigore, sinistro di controbalzo di Jajalo ma Vicario, con l’aiuto della traversa, nega agli uomini di Stellone il pareggio. Ma a 5′ dalla fine il Palermo trova il pareggio: Falletti dalla bandierina trova Puscas che di testa gira in rete e permette a Stellone di difendere il secondo posto.

Fonte – Gazzetta.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di