Serie B, 37° turno – La giornata dei verdetti. Hellas, esordio per Aglietti

Reading Time: 2 minutes

Due giornate alla fine, 180′ di passione al termine della stagione regolare di Serie B. Un campionato iniziato in ritardo, tra mille polemiche e con l’inusuale numero di 19 squadre ai nastri di partenza. Quasi tutto finito non fosse per playoff e playout, nella penultima giornata potremo già conoscere le prossime protagoniste degli spareggi. Il primo e fino a questo momento unico verdetto è arrivato nello scorso turno, il Brescia vincendo contro l’Ascoli ha festeggiato la promozione in massima serie. Smaltita la sbronza, la formazione di Eugenio Corini scenderà in campo questo pomeriggio contro la Cremonese allo Zini. I padroni di casa inseguono l’obiettivo playoff, contro il Carpi è arrivata la terza vittoria consecutiva che li proietta all’ottavo posto della graduatoria. Riposa il Lecce, occasione quindi per accorciare per il Palermo anche se la promozione diretta appare un utopia. Con l’arrivo di Delio Rossi, i rosanero hanno fallito il doppio appuntamento con Livorno e Spezia raccogliendo soltanto due punti. L’avversario odierno è l’Ascoli, vincere per mettere pressione ai salentini contro una squadra ormai salva. Hellas, addio Grosso e dentro Aglietti – Il periodo nero non accenna a terminare, il presidente dell’Hellas Setti dopo la sconfitta contro il Livorno ha preso una decisione rischiosa quando mancano ormai due giornate al termine. Esonerato Fabio Grosso, dentro Aglietti quando ancora per i playoff manca la matematica. Gli scaligeri non vincono ormai da due mesi, quello del Tombolato contro il Cittadella è un vero e proprio spareggio. Chi perde rischia seriamente di rimane fuori dai playoff. Occasione da non fallire per una squadra allestita per vincere il campionato come l’Hellas. Dimenticata la sconfitta contro il Crotone, il Benevento prova l’assalto alla terza posizione contro il Padova. La squadra di Centurioni ha vinto a sorpresa contro il Lecce nel turno infrasettimanale ma manca ormai soltanto la matematica per la retrocessione in Serie C. Stessa situazione per il Carpi, la rimonta subita con la Cremonese ha definitivamente calato il sipario per il futuro della squadra di Castori che sarà impegnata sul campo del Livorno. Tre punti per agguantare la zona salvezza per i labronici aspettando buone notizie da Salerno. Rischia infatti la Salernitana che comunque se la vedrà contro il Cosenza che ha ottenuto la salvezza. Incroci pericolosi quelli tra Perugia e Foggia come del resto anche Pescara e Venezia, obiettivi diversi ma tre punti pesantissimi in palio.

Fonte – Tuttomercatoweb.com

Lascia un commento
Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

5 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
ValenciaFG
ValenciaFG
1 Anno fa

ANCORA UNA VOLTA UN RIGORE AL VENEZIA!!!??? Il gol a Cosenza era fuorigioco, rigore contro il Foggia, contro il Crotone e oggi contro il Pescara…. DAIIII!?!? Spero davvero che il rigore ci fosse tutto!

foggianopiacentino
foggianopiacentino
1 Anno fa
Reply to  ValenciaFG

Ciao Valencia,solo uno forse era rigore,sono dei……

foggianopiacentino
foggianopiacentino
1 Anno fa

Ho tifato Pescara come non ho mai fatto,2 gol mangiati e 2 rigori al Venezia,uno e esistente,questi ci vogliono in lega,ragazzi riscattatevi con 2 vittorie e chiudere la bocca a tutti

Totobla
Totobla
1 Anno fa

Loro però li segnano i rigori

Dome 12
Dome 12
1 Anno fa

L’unico schifo è il Foggia ke ha permesso al Venezia di vincere una partita senza ke passasse il centrocampo.