Per il nuovo Foggia conterà il progetto, Landella apre ai club di A (e chiama De Zerbi): “Basta grosse spese senza programmazione”

Tempo di lettura: 2 minuti

Il sindaco conferma i tanti interessamenti e i colloqui con gli imprenditori locali, ma non preclude la strada al coinvolgimento di club di serie A: “C’è gente che fa business attraverso il calcio senza essere tifoso della squadra sulla quale ha investito. Bisogna scindere la questione sentimentale dall’ambito imprenditoriale”

Dieci giorni per costruire il futuro del calcio foggiano. È il tempo che il sindaco Franco Landella ha dato a imprenditori foggiani e non per presentare le manifestazioni di interesse a iscrivere il nuovo Foggia calcio al prossimo campionato di serie B. Il bando, pubblicato nella giornata di ieri, scadrà alle ore 12 del prossimo 16 luglio e segue una fitta serie di colloqui che il primo cittadino ha avuto con imprenditori di Capitanata e non solo.

Perché, come già detto, non sono più ammessi errori, e chi avrà l’onore e l’onere di far ripartire il Foggia, dovrà presentare un progetto serio, che garantisca la solidità economica e la competitività sportiva, oltre allo sviluppo del settore giovanile e del calcio femminile, e alla riqualificazione di alcune aree come il Campo degli Ulivi. Meno cuore e più lucidità: “In questi anni non si è costruito un progetto solido anche attraverso la valorizzazione del settore giovanile che avrebbe potuto alimentare la prima squadra. C’è stato un notevole impegno economico, ma non c’è stata una programmazione solida dal punto di vista imprenditoriale”.

Landella non preclude l’ipotesi di un coinvolgimento di imprenditori già attivi nel mondo del calcio. Così si spiegano gli incontri avuti con i presidenti di alcune società di serie A, dall’Atalanta al Parma, passando per l’Udinese e il Sassuolo, quest’ultimo tramite l’intermediazione dell’ex tecnico rossonero Roberto De Zerbi (“Ci sentiamo spesso per avere consigli e pareri. Lui come Pavone o Pirazzini possono dare una mano a fare la scelta migliore”), per ripetere l’esperienza di Bari. Anche perché, come dichiara a FoggiaToday il primo cittadino, “c’è gente che fa business attraverso il calcio senza essere tifoso della squadra sulla quale ha investito. Bisogna scindere la questione sentimentale dall’ambito imprenditoriale. Da qui la disponibilità del Campo degli Ulivi. Valutereremo il progetto solido che punti a investire e valorizzare i nostri giovani”.

Fonte – Foggiatoday.it

Lascia un commento

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Micky Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Micky
Membro
Micky

Concreti Brava Maria Assunta. Amma ancora vede’ se ci riusciremo ad iscrivere in serie shuttle, satellite o Boeing che sia. E ci permettiamo pure di lamentarci che satellite non va bene?? E come se l’UNICEF deve sfamare un campo profughi in Rwanda e si preoccupa che mancano i gamberetti da aggiungere alla pasta!! Dopo che ci siamo iscritti in D, se ci iscriveremo, bisognerà vincerla per andare in C. Poi bisognerà vincere x andare in B. Poi, per i più ambiziosi, si può donare di vincere ancora x andare in A. Solo al9dopo che tutto ciò si sarà verificato (futuro… Leggi altro »