Top & Flop di Foggia-Juve Stabia

Reading Time: 4 minutes

Termina con un pareggio la sfida allo Zaccheria tra Foggia e Juve Stabia. 1-1 il risultato finale con le reti tutte nel secondo tempo di Berardocco al 62′ e di Dell’Agnello all’ 86′ che regala un punto d’oro al Foggia.

Finisce in parità il primo tempo. Prima frazione non positiva per gli uomini di Marchionni che per tutti i 45′ non si rendono mai pericolosi dalle parti di Tomei e perdono nei primi minuti anche Del Prete per un guaio muscolare. Gli unici squilli sono palle in verticale che non hanno trovato seguito e soprattutto non si sono trasformate in tiri in porta: 0 per tutto il primo tempo. Positivo invece l’approccio della Juve Stabia che in almeno 2 occasioni è andata vicinissima al vantaggio: prima con Orlando che in acrobazia si vede negata la gioia del gol da un vero e proprio miracolo di Fumagalli sulla linea di porta, pochi minuti dopo con Fantacci che sfonda sulla destra all’altezza dell’area di rigore e con il destro non trova l’angolo più lontano.

Secondo tempo dalla doppia faccia rispetto al primo, pieno di emozioni e gol. Parte con atteggiamnto completamente opposto a come aveva terminato il Foggia, di sicuro Marchionni deve essersi fatto sentire per bene negli spogliatoi. Dal 46′ esce una squadra convinta in campo, pronta a lottare su tutti i palloni e pressando in tutte le zone del campo. Tenta diverse volte la conclusione in porta l’attacco rossonero con D’Andrea e Rocca, senza però impensiere a sufficienza Tomei. Ci pensa la Juve Stabia allora a rendersi pericolosa e lo fa per l’ennesima volta con Romero che ancora una volta si vede negata la gioia del gol da un super Fumagalli che salva (come al primo tempo) un suo pallone sulla linea, e non sarà l’unico…Si rivede in avanti il Foggia verso la metà di tempo ma non trova mai l’ultimo passaggio vincente per andare in vantaggio. Ci riescono i campani invece, grazie ad un dubbio rigore concesso dal direttore di gara per l’atterramento da parte di Di Jenno di un attaccante gialloblu: preciso Berardocco a mettere in rete all’angolino. Non si perde d’animo il Foggia che si trasforma a trazione anteriore con gli inserimenti di Balde prima e, verso la metà di match, anche di Garofalo e Dell’Agnello. Mai soluzione più giusta, perchè dopo appena 1 minuto dal suo ingresso si fa trovare pronto a sfruttare in area un errato disimpegno di Troest che mette palla sul petto dell’attaccante rossonero il quale, al volo, spedisce in rete siglando il definitivo 1-1. Nei secondi finali c’è tempo anche per un ultimo sussulto rossonero, quando Gavazzi si lasia scappare una palla alta che favorisce Romero, abile a portare palla fin davantia Fumagalli che però oggi ha il mantello rosso e enutralizza la sua conclusione. Finisce con un pareggio dunque, che proietta il Foggia al terzo posto in condivisione con Teramo ed Avellino a 28 punti, mentre la Juve Stabia sale a quota 23.

Come di consueto, ecco i Top & Flop del match:

TOP

FUMAGALLI-DELL’AGNELLO (Foggia): Meritano un posto tra i top entrambi e per ragioni diverse, o forse mili se stiamo al detto “quella parata vale come un gol”. Incredibili gli interventi dell’estremo difensore rossonero che mette il mantello da Superman e nega la gioia del gol per ben 3 volte a Romero che stava già esultando. L’attaccante rossonero invece è colui che regala la gioia del punto, un punto importante per come stava andando il match e che avrebbe segnato una battuta d’arresto dopo 6 turni. Invece no, merita un posto tra i top perchè, oltre al gol bellissimo, non sempice entrare nel finale e rendersi subito vitale. DECISIVI

ROMERO-BERARDOCCO (Juve Stabia): Berardocco regala la gioia iniziale del vantaggio siglando il rigore, ma prima del gol gestisce bene il centrocampo e detta i ritmi della mediana. C’è lui su tutte le palle da fermo, ed è sempre lui a chiudere gli spazi nel primo tempo che non concedono alcuno spazio alle offensive rossonere. Romero oggi sfoggia allo Zaccheria una prestazione da top player, gli rimane in gola per ben 3 volte l’urlo del gol per via della giornata di grazia di Fumagalli he in versione Batman toglie tutti i suoi palloni dalla porta e decide che questa partita doveva finire in pareggio. e’ lui l’uomo più pericoloso della Juve Sabia, ma il suo lo ha fatto, ed anche bene. LODEVOLI

FLOP

DI JENNO-DI MASI (Foggia): Partita difficile oggi per loro che quasi mai dagli esterni sono riusciti a creare superiorità numerica in avanti e servire il reparto offensivo. A questo ruolo spesso ha dovuto supplire Rocca che si è involato palla al piede fin avanti all’area avversaria lasciando però scoperto il reparto. Di Jenno poi, non senza dubbi, si è reso protagonista dello spiacevole episodio del rigore concesso alla Juve Stabia, mentre Di Masi non è parso, al rientro, particolarmente in condizione. DA RIVEDERE

TROEST (Juve Stabia): Benissimo nel primo tempo, quando non si trova mai a dover pensare a difendere sugli attacchi del Foggia ed ha il tempo di pensare ad impotare, dettando i tempi della difesa e proponendosi spesso come regista arretrato. Nel secondo tempo è messo al lavoro da D’Andrea e Rocca che spesso tentano l’imbucata, ma paga un posto tra i flop per via dell’unico errore, grave, di aver respinto in area su Dell’Agnello che non deve far altro che sparare in porta pareggiando i conti. DISATTENTO

Fonte – Tuttoc.com

Lascia un commento
Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments