De Zerbi: “Il mio futuro dipenderà dalle cose che chiederò io”

De Zerbi2

Le parole di De Zerbi in conferenza post-gara:

Lasciamo stare le provocazioni, a me tutte queste cose non mi interessano. Io ho i miei pregi, e i miei difetti, sono orgoglioso dei miei giocatori e della mia gente. Perché questa è la mia gente. Con tutto il rispetto per Pisa, grande pubblico, grande stadio, hanno dimostrato di essere da serie A. Ma a Foggia è uno stadio da Champions League. Complimenti a Gattuso e al Pisa. C’è molto dispiacere.

Quando la società vorrà incontrarmi domani o martedì, decideremo. Mi incontrerò con le squadre con le quali avrei dovuto incontrarmi prima, e vedremo cosa vorranno dirmi. Io ho una clausola che ha voluto la società, quindi se una società paga la clausola è come non avere 2-3 anni di contratto. Bisogna parlarsi bene, il futuro dipenderà dalle cose che chiederò io. E anche dalle loro scelte, se voglio mantenermi qui. De Zerbi non chiede neanche un euro in più per restare, chiedo cose che facciano bene al Foggia. Se non ci saranno i margini che dico io, andrò via. Se vorranno incontrarmi, anche domani per me ci possiamo incontrare. Chiederò cose che migliorino tutta Foggia calcistica, come siamo sicuramente migliorati quest’anno, perché la società nuova ha dato tutto e mi dispiace anche per loro. Cosa è mancato? Io sono un perfezionista, chiedo sempre di più. Sarebbe da stupidi disperdere un patrimonio calcistico come la squadra, e disperdere l’entusiasmo della piazza. Se io ho club di A che mi vogliono, è perché ho avuto ragazzi che mi hanno dato tutto. Sicuramente qualche peccato di esperienza, ne ho fatti tanti anch’io. Tornassi a Matera, tornassi al Benevento in casa, ma con i tornassi non si può far nulla. Nella vita bisogna essere anche un po’ riconoscenti.

C’è chi appare in un modo per accattivarsi la stampa, i tifosi o quantaltro. Io non sono così. Quando dico che amo Foggia, che tratto i miei giocatori come fossero figli, non dipende dalla categoria. Io sono nato a Brescia, son tifoso del Brescia, però calcisticamente qua sono nato, come giocatore e come allenatore. Qua riesco a dare il meglio e il peggio. Alcune reazioni che ho avuto, le ho perché la sento in maniera grandissima, con grande trasporto. Quello che riesco a trasferire i giocatori è qualcosa di grande anche per questo.

Penso che le persone debbano avere le palle in testa. Cioè devono essere lucidi nei momenti di difficoltà. E’ un momento triste perché è stato buttato tutto. Chi ricopre ruoli di responsabilità però, non ha tempo di fermarsi, deve ripartire subito. Però io non sono quello che comanda, non sono il proprietario o un dirigente. Io comando il mio settore, la mia sfera. Penso che in due anni qualche risultato l’abbiam portato. Abbiamo portato uno stadio pazzesco. Per questo rimane un rammarico grosso.

Questa squadra è mia, nel bene e nel male. Quando una cosa è tua, la senti troppo. Non dovrei perché son sempre un professionista. Se mio figlio ha una difficoltà, io non lascio i miei figli. Però dovranno esserci le condizioni. Probabilmente sarei andato via più se fossimo andati in B, in Lega Pro mi dà fastidio. Se non ci saranno le condizioni però, vado via.

Adesso non ho tempo per analizzare la partita. Adesso in 2-3 giorni devo capire cosa fare. Non c’è tempo di buttar via uno stadio così, di buttar via questa squadra. Non dobbiamo disperderci in pianti, anche perché se poi inizio io non finisco più di piangere. Io metto al secondo posto la mia famiglia quando si tratta della mia squadra. Se mi vogliono bene a Foggia, probabilmente hanno capito come sono. Hanno capito che ho buttato il sangue per due anni, mettendoci la faccia sempre, perché in tutta Italia mi odiano, a Pisa, a Benevento. Se a Pisa ci vengono a prenderci in giro sotto l’albergo, la mia squadra non resta in camera. Altrimenti vuol dire che non ha preso niente da me.

Fonte – Foggia.iamcalcio.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notifica di