Lega Pro, la top 11 di TMW dopo Foggia-Vibonese

Tempo di lettura: 3 minuti

Nel Girone A l’Alessandria resta al primo posto, unica squadra a punteggio pieno, il Piacenza fa 1-1 in casa del Renate mentre la Cremonese espugna il campo della Pro Piacenza: 2-3 con i gol tutti nel primo tempo.

Nel Girone B il Santarcangelo pareggia con il Parma, ribaltoni di FeralpiSalò e Bassano in casa rispettivamente di Sudtirol e Ancona. Cade la Giana Erminio in casa contro il Como. La Reggiana conquista un buon punto contro il Venezia nel big match della 3^ giornata.

Nel girone C Lecce e Foggia guidano la classifica a punteggio pieno. Si rifanno sotto Matera e Juve Stabia, mentre continua a sorprendere la Virtus Francavilla che ottiene un buon punto a Messina. Pareggio a reti bianche tra Taranto e Siracusa. La Casertana conquista i primi 3 punti grazie all’attaccante Orlando, mentre la Paganese rimane a 0 punti.

Portiere:

Marco Bleve (Lecce): sostituisce l’acciaccato Gomis e dimostra tutte le sue doti al 19’quando il Melfi si rende per la prima volta pericoloso con un bel tiro da fuori area di Defendi. Puntuale nelle uscite, compie alcuni interventi da fuoriclasse, fino a parare il calcio di rigore di Pompilio al novantesimo.

Difensori:

Daniele Marino (Akragas): partita dai due volti per il centrale difensivo. Ottimo in fase offensiva e un po’ meno in fase difensiva: mette a segno una doppietta su palla inattiva che regalano agli uomini di Di Napoli un buon punto contro la Reggina.

Alessandro Ranellucci (FeralpiSalò): dopo i 7 gol messi a segno nella stagione 2014-15, il centrale difensivo quest’anno può provare a ripetersi. Mette a segno il gol che vale il pareggio. In base difensiva è sempre concreto e bada poco all’eleganza.

Marco Modolo (Venezia): Mattia Marchi non è’ un avversario semplice ma lui vince quasi sempre il duello. Puntuale a inzuccare in rete l’assist al bacio di Fabris e nel finale va vicinissimo, ancora di testa, alla doppietta.

Nicola Madonna (Padova): primo gol in biancoscudato per il terzino. Spinge con maggiore continuità rispetto alle altre partite, favorito anche da un’ottima intesa con De Risio. Arriva spesso al cross e si inserisce con continuità anche in area di rigore.

Centrocampisti:

Davide Moro (Cremonese): bellissima la rete del 2-0 dei grigiorossi che porta la sua firma. Dopo una respinta di Fumagalli, il biondo centrocampista appostato al limite dell’area prima stoppa la palla con il sinistro e poi di destro con un tiro preciso che mette la palla alle spalle dell’estremo difensore ospite.

Giorgio Schiavini (Fano): dopo i due gol messi a segno (uno all’andata e uno al ritorno) con la maglia della Pro Piacenza nel play-out contro l’Albinoleffe , il centrocampista di Crema era rimasto sorprendentemente svincolato. Dopo solo una settimana dalla firma mette a segno anche il primo gol stagionale.

Attaccanti:

Horacio Erpen (Arezzo): venti minuti da urlo. Il suo ingresso disorienta un buon Siena. Entra e segna di testa, portando il risultato sull’1-1. Al minuto 78 pennella su punizione una traiettoria che va a spegnersi in fondo alla rete, mandando in delirio il popolo amaranto.

Luca Orlando (Casertana): la sua è’ una partita di grande sacrificio al servizio della squadra. Riesce a rendersi pericoloso in due circostanze. Nella prima sfiora il gol con un colpo di testa su assist di Giannone, nella seconda in spaccata, invece, al minuto 88′, su un cross basso di Carlini, regala ai suoi 3 punti pesantissimi contro la Paganese. Per lui il più classico “gol dell’ex”.

Salvatore Caturano (Lecce): il bomber campano torna a Melfi (dopo i 18 gol della stagione 2014-15) da avversario e anche ieri conferma di essere un rapace dell’area di rigore. Sfrutta ottimamente al 30′ il cross di Torromino e con una spaccata aerea di destro, porta in vantaggio i salentini. Passano due minuti e da autentico opportunista coglie il filtrante di Mancosu e col piattone pesca il suo quinto gol in 3 partite.

Samuele Neglia (Viterbese): il funambolo ex Paganese e Salernitana mette a segno due reti a dir poco eccezionali. Il primo da fuori area con un preciso rasoterra dopo una sponda di Sforzini, il secondo, invece, a conclusione di un ottimo contropiede orchestrato dai suoi con un preciso tiro a giro che conclude la sua corsa alle spalle del portiere ospite.

Allenatore:

Gaetano Fontana (Juve Stabia): vincere sul campo del Monopoli non era facile per nessuno, i gialloblù ce l’hanno fatta grazie a una prestazione esemplare soprattutto nel primo tempo. Per i vertici c’è anche la sua squadra.

Fonte – Tuttomercatoweb.com

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di