Top & Flop di Foggia-Monterosi

Reading Time: 2 minutes

Un colpo esterno per allontanarsi dalle zone calde. Al Monterosi non gli riesce proprio sul filo di lana, perché allo Zaccheria termina in parità la gara contro il Foggia. I primi 45′ sono di studio quasi accademico, con poche conclusioni verso la porta e molte schermaglie in mezzo al campo. Al quarto d’ora della ripresa Adamo porta avanti gli ospiti con una conclusione da posizione favorevole su assist di Verde dopo una brillante azione sul settore destro. Il Foggia reagisce ma non si scuote dal torpore e il pari lo trova solamente negli assalti finali con una spaccata vincente del neoentrato Rizzo Pinna. Nel finale espulso Petermann per un’entrata durissima su Tonetto. Per i Satanelli secondo segno x consecutivo ottenuto in rimonta e sul viale del tramonto, dopo che Ferrante giusto tre giorni fa aveva strozzato in gola le gioie dei tifosi avellinesi al Partenio.

Ecco i top e flop dell’incontro:

TOP

Nessuno (Foggia): tracce costantemente orizzontali, estremamente prevedibili nel primo tempo. La musica non cambia affatto nella ripresa, quando invece di premere sull’acceleratore per trovare la via della porta (quantomeno per avvicinarsi) si continua con un possesso prolungato punito dalle istantanee in contropiede della squadra di Menichini, che aveva impostato proprio in questo modo il canovaccio dell’incontro. POCO DINAMICI, TROPPO COMPASSATI.

Adamo (Monterosi): il secondo gol in campionato è su un campo pesante come lo Zaccheria. Tanto lavoro sporco nel primo tempo per riuscire a trovare la miglior posizione per l’affondo vincente. Che arriva al quarto d’ora della ripresa, con una rasoiata impeccabile sul palo interno e dunque nel sacco. SACRIFICI RIPAGATI.

FLOP

Tuzzo (Foggia): è isolato nella manovra e non crea per incidere sul settore destro d’attacco. Le giocate che lo vedono coinvolto sono estremamente elementari. Serviva molto di più per impensierire la retroguardia ospite. E Zeman, infatti, al 57′, lo richiama per far spazio a Merkaj. FANTASIA DISATTIVA.

Nessuno (Monterosi): coraggio nella proposta offensiva, dinamica e incentrata sulle corsie laterali. La squadra si difende sapendo soffrire e mette il naso avanti sfiorando una vittoria che avrebbe coronato 90′ giocati davvero bene con ordine e tanta personalità. PROSEGUIRE SU QUESTA VIA.

Fonte – Tuttoc.com

Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments