Germinale: “Dispiaciuto per la mancata promozione del Foggia”

serie B

Una stagione travagliata, segnata da un brutto infortunio adesso messo ampiamente alle spalle: questo, in sintesi, il 2016 di Domenico Germinale, da pochi giorni svincolato dopo l’esperienza con la maglia del Bassano. Esperienza che va ad aggiungersi alle molteplici del classe ’87, che vanta anche l’esordio in Serie A con l’Inter nel campionato 2005-2006 e ben 22 presenze in Cadetteria con l’Albinoleffe (2011-2012), e che ora è pronto più che mai a rimettersi in pista.

Dato curioso: su quattro squadre promosse in Cadetteria, tre, negli anni passati, ti hanno visto vestire la loro maglia. Germinale porta bene…

“Sembrerebbe di si! (ride, ndr) A parte tutto, mi fa piacere per Benevento, Cittadella e Spal, sono squadre che hanno alle spalle solidi progetti e che meritano davvero il traguardo raggiunto. Mi dispiace però per il Foggia, che ha mancato di poco la promozione”.

Foggia non promosso dopo il netto ko contro il Pisa nella finale play off. Hai seguito anche il cammino dei nerazzurri?

“Anche il Pisa era una squadra attrezzata per vincere, costruita con un certo criterio, e ha meritato; inoltre, il carisma di mister Gattuso ha fatto la differenza. Sono molto contento anche per i miei amici che hanno vestito la maglia del club toscano, e che hanno riportato una squadra blasonata in categorie più alte”.

Ma veniamo alla tua annata, terminata a gennaio a causa di un brutto infortunio. Per prima cosa, come stai adesso?

“Sono guarito, adesso sto bene, mi sono allenato molto e ho sicuramente tanta voglia e fame per fare bene, è sempre dura sta lontano dal terreno di gioco per periodi così lunghi. Ma comunque ho seguito il percorso che dovevo, l’unica cosa che mi manca è solo di allenarmi con la squadra”.

Come giudichi, avendo vista sia dall’interno che dall’esterno, la stagione del Bassano?

“Anche il Bassano è una squadra costruita bene, una squadra forte, dispiace per come siano andati i play off, e, anche se i miei compagni sono stati superlativi, mi dispiace non aver dato loro una mano. Il grande rammarico della stagione, a livello personale, è stato non aver giocato neppure i play off. Ma adesso è tempo di guardare avanti”.

Il tuo contratto con i veneti è però scaduto, e adesso sei momentaneamente svincolato. Con la fame di vittoria che hai dopo lo stop forzato, potresti essere il giusto acquisto del mercato estivo?

“Questo potrà solo dirlo il campo, non spetta a me dare giudizi. Sono comunque in attesa dell’offerta giusta, e di qualcuno che mi dia fiducia: ho tanta rabbia e fame, e i leoni dalla gabbia devono uscire”.

Fonte – Tuttolegapro.com

Commenti

commenti

Lascia un commento

Please Login to comment

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

  Subscribe  
Notifica di