Foggia, nel mirino un ex portiere del Palermo

Tempo di lettura: 1 minuto

Con il passare dei giorni si delinea sempre di più l’organico con cui il Calcio Foggia affronterà la nuova stagione sportiva in Serie D. Un nuovo portiere nel mirino: piace Samuele Guddo, classe 99. Il giocatore ex Palermo potrebbe vestire i colori rossoneri: la scorsa stagione ha militato nel girone G con la maglia del Latina. L’estremo difensore arriverebbe a titolo definitivo dalla Nocerina. Guddo pronto per una nuova avventura, il Foggia lo aspetta…

Fonte – Tuttoseried.com

Lascia un commento

3
Lascia un commento

Please Login to comment
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
MerlinUlisse67 Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ulisse67
Membro
Ulisse67

Si comincia sotto i migliori auspici: non è nemmeno cominciata una partita e già si gufa. Volevate partire dalla terza categoria? Ma qualche medico vi ha prescritto di seguire il Foggia? La decenza e la dignità del tifoso è quella di sostenere sempre la propria squadra! Per questo non vi definisco e nn vi riconosco come tifosi! Forza Foggia sempre e per sempre anche in serie D.

Merlin
Membro
Merlin

…Esistono i tifosi che AMANO, e chi ama sostiene SEMPRE. Quando un uomo VEDE distrutta la propria donna, non le dà contro, Se l’ama, ma la sostiene incondizionatamente…diversamente fa l’Uomo egoista, narciso e presuntuoso che non ama, pronto ad andare con un’altra donna o a lamentarsi come un vigliacco! Anche quando VEDIAMO Benissimo che le cose vanno male, sosteniamo sempre. Il nostro abbaglio E’ la Luce dei nostri occhi quando vediamo giocare la nostra squadra. E’ questo che si fa in questo forum, si condivide l’amore e la passione per questi colori allontanando anche la Benché minima possibilità di influire… Leggi altro »

Merlin
Membro
Merlin

Leonardo Di Cleo, concordo con te, probabilmente mi spingo troppo oltre e comprendo benissimo le tue parole. Ti rispetto per l’onestà e la correttezza con cui hai espresso il tuo parere, mi permetto però di aggiungere una piccolissima correzione… il poema non è il mio…il poema era, è, e continua ad essere la sola gente che macina chilometri per stare sempre accanto alla squadra…l’unico poema sono quelli che proprio in questo momento sono in curva a Brindisi a cantare!