Top & Flop di Foggia-Paganese

Reading Time: 3 minutes

Successo di misura della Paganese, che supera quasi a sorpresa il Foggia allo Zaccheria, rilanciandosi in classifica in questa volata finale verso la salvezza: una rete di Mendicino decide il match della trentaseiesima giornata di Serie C girone C.

Rossoneri subito pericolosi in avvio dopo appena 6′ con Garofalo che riceve palla dalla destra da Kalombo: destro al volo deviato in corner da Baiocco. I rossoneri ci provano ancora al 13′: spunto di Garofalo sulla sinistra, il play rossonero penetra in area e serve rasoterra Curcio, disturbato nella circostanza da Dell’Agnello, la sua zampata sotto porta però termina abbondantemente sul fondo. Al 23′ l’episodio che cambia le sorti del match per gli azzurrostellati: fallo di reazione di Diop su Fumagalli, per Frascaro è espulsione diretta. Campani costretti a giocare in dieci uomini per la restante parte della gara. Curcio al 29′ con il tacco apro uno spiraglio per Garofalo che si incunea in area dalla sinistra e a due passi da Baiocco tenta un diagonale che viene deviato in corner. Tre minuti dopo è dinuovo Garofalo a provarci, servito da Curcio su punizione: incornata che termina alta. Marchionni richiama Kalombo inserendo Balde. Scelta tutt’altro che azzeccata, come si vedrà poi nella seconda frazione di gioco. Forcing dei rossoneri in chiusura di primo tempo: Vitale riceve palla dal limite da Dell’Agnello ma con il destro spara alto.

Ripresa che parte forte per i satanelli, vicinissimi alla rete del vantaggio: cross teso dalla sinistra di Di Jenno, Mattia nel tentativo di liberare l’area colpisce in pieno Bramati, la carambola per poco non beffava Baiocco; la sfera fortunatamente termina sul fondo. Due minuti dopo filtrante di Vitale per Dell’Agnello che con il destro colpice il palo con Baiocco in uscita. Di Napoli manda in campo Mendicino in luogo di Raffini. Al 59′ Rocca appoggia per Garofalo che con il destro spara alto. Marchionni non è convinto della prova di Balde, decidendo di inserire D’Andrea al suo posto. Di Napoli invece manda in campo Cernuto per Carotenuto. Al 67′ Agostinone ci prova dalla trequarti di sinistra ma è impreciso, mentre un minuto dopo Zanini ha la ghiotta occasione per portare la Paganese in vantaggio, ricevendo palla da Mattia con un cross teso che non riesce a ribadire in rete a due passi da Fumagalli. Due minuti dopo ci prova poi Mendicino, scambiando al limite con Zanini e andando alla conclusione, neutralizza a terra Fumagalli. Al 73′ Garofalo dalla destra in area per Dell’Agnello, inzuccata del numero 9 ma la palla termina altissima. All’81’ la svolta del match: VItale e Galeotafiore pasticciano con il pallone, Cernuto tocca quanto basta per innescare Mendicino il quale con il destro trafigge sul primo palo Fumagalli. Gara in salita per il Foggia che prova il tutto per tutto nel finale per centrare un insperato pareggio. In pieno recupero Nivokazi riceve palla dalla sinistra, rubando il tempo a Cernuto ed impattando di testa, ma a due passi manda alto.

Torna al successo la Paganese, il settimo in campionato, ancora una volta in Puglia, dopo la vittoria di misura contro il Bisceglie al Ventura lo scorso 17 marzo, staccando momentaneamente il Bisceglie, impegnato alle 17.30 contro il Teramo, portandosi nel contempo a -5 dalla Turris, che non ha giocato il match odierno contro la Cavese a causa del focolaio Covid-19 che ha colpito i corallini, quando mancano 180’ al termine del campionato. Dodicesima battuta d’arresto per il Foggia, che incassa la seconda sconfitta consecutiva, dopo il ko di Palermo, ed ora è costretto a guardarsi alle spalle, con i rosanero che agganciano i satanelli a quota 47 punti, in virtù del pareggio di oggi contro il Bari, mentre il Teramo, in caso di vittoria sul Bisceglie, potrebbe addirittura scavalcare la formazione di Marchionni.

Nel prossimo turno il Foggia farà visita alla Juve Stabia domenica 25 alle ore 17.30, mentre mercoledì 21 dovrà recuperare il match con il Monopoli allo Zaccheria, con fischio di inizio previsto per le ore 15.00. La Paganese invece ospita il Potenza al Marcello Torre domenica 25 alle ore 17.30

Ecco i Top & Flop del match:

TOP

Vincenzo Garofalo (Foggia): le prova tutte per mettere i compagni in condizione di ribadire in rete le sue tante invenzioni; talvolta prova a mettersi in proprio sfiorando la rete per una questione di centimetri. Esce stremato dal campo, sostituito da Said. INSTANCABILE

Ettore Mendicino (Paganese): l’ex Monopoli si riscatta con una rete che regala tre punti preziosi agli azzurrostellati, tenendoli ancora a galla per il discorso salvezza quando mancano 180′ al termine del match. Capitalizza al massimo una delle poche occasioni costruite dalla Paganese. CECCHINO

FLOP

La capacità realizzativa del Foggia: i rossoneri costruiscono la giusta dose di palle gol, sprecando anche tanto. Garofalo inventa ma Curcio e Dell’Agnello non riescono a ribadire in rete. Analoga situazione capita anche con l’inserimento di nuove punte da parte di Marchionni. IMPRECISI

Abou Diop (Paganese): davvero ingenuo il suo fallo di reazione su Fumagalli, che costringe i suoi compagni a giocare i restanti 75′ in inferiorità numerica. La squalifica che gli verrà inflitta in settimana peserà come un macigno in questa volata finale. Peccato! INGENUO

Fonte – Tuttoc.com

Lascia un commento
Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments