Lega Pro, pres Gravina: “Il prossimo anno partite in streaming a pagamento”

Reading Time: < 1 minute

Il prossimo anno Lega Pro Channel, il canale che trasmette in streaming le partite della Lega Pro tramite la piattaforma Sportube, sarà a pagamento. A confermarlo è Gabriele Gravina, presidente della terza serie, ai microfoni di Iamcalcio.it: “Il nostro progetto streaming dal 1° luglio diventerà un progetto che porterà entrate significative alla Lega. Saranno realizzati diversi progetti che saranno posti sul mercato e che determineranno una forte capacità di autosostenersi da parte della Lega. Quindi possiamo dire che lo streaming sarà a pagamento ma con un prezzo simbolico. Noi tocchiamo oltre un milione di contatti  di contatti a settimana, circa 27 milioni nell’arco della stagione: numeri che fanno capire qual è l’appeal del nostro campionato”.

 

 

 

Fonte – Tuttolegapro.com

Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2 Commenti
vecchi
nuovi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
coffeee
coffeee
5 Anni fa

Non ti rispondo presidente…. è Pasqua.
Ma garantisco ne riparleremo.
L’Italia è piena di questi PUPAZZI. Cambia uno ed arriva un altro si va sempre peggio. Per questi pupazzi come per il politicanti risolvere i problemi basta aumentare le tasse e far pagare tutto…. e cosi piu soldi entrano piu rubano, rubano, rubano, rubano, e rubano……..

Frax
Frax
5 Anni fa

Pagare per vedere le partite in streaming non è un’idea cattiva ma a due condizioni: 1) che il costo sia davvero alla portata di chiunque; 2) che vada alle società ripartito per il 50% in parti uguali e per il 50% sulla base dei contatti (club che hanno il seguito di Foggia, Catania, Pisa, ecc. non possono prendere i contributi della Lupa Castelli); 3) alla Lega vada pure una quota fissa, ma che usino questi soldi per “salvare” la terza serie investendo in infrastrutture, per esempio, garantendo soprattutto la regolarità dei campionati e la loro credibilità. Purtroppo credo che tutto… Leggi altro »