Lega Pro, la Top 11 di TLP del girone – 28g

auteri
Tempo di lettura: 2 minuti

Contro una Juve Stabia coriacea il Benevento ha saputo combattere e vincere, e con i suoi 56 punti è sempre il leader del girone C della Lega Pro. Segue il Lecce a quota 55, grazie al successo 4-3 sul Cosenza, e seguono anche la Casertana (4-0 sull’Akragas) e il Foggia (3-1 a Monopoli) entrambe a 50 punti. La situazione in questo momento è tale che quattro squadre possano arrivare al primo posto e che in questo girone in particolare la quarta classificata possa accedere ai play-off. Vince il Matera con minimo scarto sul Martina, così come la Fidelis Andria ha la meglio con un solo gol contro il Melfi; il Catanzaro torna a vincere dopo tanto tempo, 2-0 ai Castelli Romani, e anche per il Catania arriva una vittoria scacciacrisi, 2-1 contro il Messina in un derby molto sentito. Ischia superata in casa dalla Paganese, che conserva 8 punti sulla zona play-out.

Sono 25 i gol realizzati nella ventottesima giornata del campionato, con il picco massimo registrato a Cosenza, e si registrano due doppiette, quella di Alfageme della Casertana contro l’Akragas, e quella del leccese Moscardelli al San Vito. Ecco la formazione del girone C secondo TuttoLegaPro.com.

PORTIERE

Sergio Viotti (Martina): non si trattava di una partita agevole contro il Matera, che ha prodotto diverse occasioni da gol costringendo l’estremo difensore a varie parate.

DIFENSORI

Tommaso Squillace (Catanzaro): sulla propria fascia sinistra i calabresi non soffrono e giocano molto bene, contro un’avversaria, la Lupa Castelli, che ha cercato di regalare ben poco.

Giuseppe Mattera (Benevento): l’ex casertano contribuisce con un’ottima prestazione al risultato più che positivo conquistato dai sanniti a Castellammare. Indovina i tempi degli anticipi.

Simone Ciancio (Cosenza): la sua squadra esce sconfitta però lui entra in due dei tre gol silani. Segna il gol del momentaneo uno a uno ed è anche l’autore dell’assist per il 3-4 di La Mantia.

CENTROCAMPISTI

Dimitri Bisoli (Fidelis Andria): cattura un numero notevole di palloni dimostrando che contro il Melfi la sua squadra può essere competitiva sul piano della combattività, prima ancora che della qualità.

Lorenzo Del Pinto (Benevento): centrocampista di grande quantità, si prende licenza di attaccare e segna il gol dell’1-0 su assist di Cissé, però è in grado anche di tamponare in fase difensiva.

Francesco Deli (Paganese): non spreca palloni e gioca una partita autoritaria in mezzo al campo di Ischia, così come i suoi compagni che vincono, raggiungendo la probabile quota salvezza.

Luca Giannone (Casertana): per lui era una partita importantissima, e lui la gioca ripagando la fiducia del mister che l’aveva schierato titolare. E’ molto presente nelle azioni della squadra e va a segnare con un tiro da fuori.

ATTACCANTI

Luis Alfageme (Casertana): l’attaccante si muove molto bene al centro e anche sul fronte sinistro del reparto offensivo. Corona la sua prestazione positiva con una doppietta all’Akragas.

Davide Moscardelli (Lecce): è l’apriscatole dell’attacco salentino. La difesa del Cosenza, che pure fino a quel momento del campionato aveva concesso poco agli avversari, è stata messa alla frusta dal centravanti.

Francesco Grandolfo (Fidelis Andria): con la rete messa a segno a Melfi sta avvicinando i biancoazzurri alla salvezza che potrebbe arrivare in maniera matematica vincendo qualche altra partita. Rapidissimo ad approfittare di un errore di Santurro.

ALLENATORE

Gaetano Auteri (Benevento): la sua squadra è molto solida, difende in modo egregio e riesce anche a proporre iniziative offensive. Grazie al successo sul campo della Juve Stabia, i giallorossi non perdono da 12 partite e sono anche in salute a livello atletico. Come spesso succede nel girone di ritorno alle squadre di Auteri.

 

tuttolegapro.com

 

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di