Così il temibile Foggia è stato battuto sette volte

satanelli

La squadra pugliese è formata da elementi molto tecnici e gioca un buon calcio ma è stata superata in diverse occasioni, soprattutto dopo aver sbagliato rigori

Manifestazione di forza del Foggia nella doppia sfida con il Lecce nella semifinale dei playoff che ha aperto ai rossoneri le porte della finale con il Pisa. Una buona tecnica esibita da quasi tutti i giocatori rossoneri, tanto possesso palla, manovre ficcanti rasoterra e spiccate abilità di calcio anche dalla lunga distanza. Il “Barcellona della Lega Pro” non è però imbattibile se è arrivato ai playoff invece di vincere direttamente il campionato, avendo perso, e sonoramente, 7 partite durante un campionato percorso sulle montagne russe.

Falsa partenza. Un inizio da incubo per una delle favorite del girone C: dopo un buon precampionato (espugnato il campo del Bari in Coppa Italia) sono infatti arrivate due sconfitte e un pari interno nelle prime tre giornate.

A Pagani, all’esordio in campionato, il team rossonero è punito nel primo tempo dalle ripartenze dei locali (schierati a specchio con un 4-3-3) ed imbrigliato nella ripresa, finisce per subire un gol per ciascuna frazione e può opporsi solo con il centro della bandiera realizzato da Sarno al 4’ di recupero. Il Benevento (formato 3-4-3, il modulo di mister Auteri) invece mette la freccia già al 1’ e per il Foggia quello che si nota dopo è solo un vano inseguimento.

Zaccheria violato. La prima accelerazione del Foggia (con una serie fatta di 5 vittorie e 2 pareggi) è interrotta dalla sconfitta in casa con il Monopoli (l’unica finora tra le mura amiche): fatali ancora due reti incassate in contropiede, ma anche due rigori falliti (uno da Sarno e l’altro da Iemmello) contro un 3-5-2. Dunque, al di là dal confronto tra moduli tattici, un risultato frutto di circostanze decisamente particolari come un doppio errore dal dischetto.

Filotto negativo. Il team di De Zerbi riprende a macinare punti, ma si ferma subito dopo aver arpionato la vetta, prima pareggiando con il Matera (2-2) e poi perdendo 3-1 a Lecce. Braglia, tecnico dei salentini, sceglie un centrocampo folto (4-3-3 o 4-5-1) e, contrariamente al match d’andata dei playoff, passa in vantaggio già dopo 6’, arrotondando per due volte nell’ultimo quarto d’ora, fino al punto della bandiera di Iemmello (3-1). Dopo una netta vittoria sulla derelitta Lupa Roma (4-1), altri due pesanti tonfi: 3-0 ad Andria e 3-2 a Messina. In casa della Fidelis (schierata con un 3-5-2) il Foggia fa la partita, ma va sotto poco dopo la mezzora, a causa di una sanguinosa palla persa a centrocampo da Coletti, sfruttata da Mauro Bollino, ex nerazzurro, rossonero fino a gennaio. Gli ospiti sprofondano nel finale (3-0). Più combattuta la gara di Messina: i siciliani (posizionati secondo il 4-3-1-2) vanno avanti due volte, sono rimontati nella seconda occasione al 2’ di recupero dagli indomiti pugliesi, ma fanno ancora in tempo a piazzare la zampata vincente (3-2) ed a rischiare il pari.

Stop alla scalata. Ultima amarezza nella stagione regolare del Foggia l’1-0 subìto a Cosenza, dove il 3-4-3 schierato da De Zerbi si scontra e si annulla davanti al 4-4-2 calabrese dalle linee molto strette.

A decidere la sfida sono ancora una volta i rigori: i rossoneri sbagliano con Iemmello, mentre i rossoblù
segnano con La Mantia un penalty procurato dal pisano Arrighini. Una batosta è arrivata anche nella semifinale di Coppa Italia: 5-2 a ranghi incompleti con il Siena, ma rivincita con gli interessi al ritorno (6-1) e conquista del trofeo ai danni del Cittadella.

Fonte – Iltirreno.it

Commenti

commenti

Lascia un commento

7 Commenti on "Così il temibile Foggia è stato battuto sette volte"

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
peppinofg
Ospite

ATTENZIONE RAGAZZI A NON REAGIRE ALLE PROVOCAZIONIO DEI GIOCATORI PISANI FARANNO DI TUTTO PER FARVI REAGERI E PRENDERE IL 2 CARTELLINO GIALLO . SALTANDO LA FINALE MI RACCOMANDO NERVI SALDI E FATECI SOGNARE ..FORZA FOGGIA PER SEMPRE.

Frax
Ospite

Più passano le ore più a Pisa pensano di “asfaltarci” come una Maceratese qualsiasi. Speriamo che di questo siano sempre più convinti tifosi, squadra e società toscana. Per noi è tutto “oro colato”!!!
Questa volta deve contraddistinguersi l’umiltà, il sacrificio, l’abnegazione. Tutto peró sotto quegli occhi di chi non si arrenderà mai del nostro meraviglioso mister bresciano (di nascita, ma col cuore rossonero).

ciammaruca78
Ospite

hanno una paura tremenda

maurizio67
Ospite

Sono in clima prepartita!!!
Forza ragazzi, siamo TUTTI con voi!!!

peppinofg
Ospite

i cartellini gialli solo al ritorno che sono influenti forza foggia

TEK
Ospite
Sono convinto che il Foggia farà una grande partita. Siamo carichi e concentrati e per di più siamo consapevoli della ns forza. Poi ci penserà Roberto, Agnelli e Coletti (i ns gladiatori più esperti) a catechizzare a dovere i ns ragazzi. Tranquilli che il Foggia giocherà a pallone e vorrà chiudere la gara a Pisa. Non solo…anche se cercheranno di incattivirci la loro mancanza di sportività gli si torcerà contro e non potendo ottenere quello che vogliono li porteranno a fari falli e ad innervosirsi con effetto BOOMERANG.Alcuni amici di Alessandria mi hanno detto di tifare per noi perché meritiamo… Leggi altro »
BresciaRossonera
Ospite

Foggia….TI AMO. C*** nemmeno a mio moglie lo dico