Foggia-De Zerbi: un addio perfetto

Tempo di lettura: 1 minuto

Dopo un agosto tormentato, in casa Foggia sembra essere tornato il buonumore. La separazione da Roberto De Zerbi, in realtà, ha fatto bene ad ambo le parti: il tecnico dal gioco zemaniano, da esonerato, ha compiuto addirittura un doppio salto, diventando il nuovo tecnico del Palermo in Serie A. Una chance meritata visto il gioco espresso dai satanelli nell’ultimo campionato. E nella città rossonera il nuovo arrivato, Giovanni Stroppa, dopo un iniziale scetticismo sta iniziando a convincere la piazza: due vittorie in due incontri, con meno spettacolo ma più concretezza. Quella che mancò al Foggia all’inizio della passata stagione, quando ottenne solamente un punto in tre partite. L’addio tra i satanelli e De Zerbi, insomma, sembra essere stato una manna per ambo le parti.

Fonte – Tuttolegapro.com

Lascia un commento

14
Lascia un commento

Please Login to comment
10 Comment threads
4 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
6 Comment authors
TotoblaAntoniomicheleMassimoLudovico Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Cuore Rossonero
Membro
Cuore Rossonero

Non dimentichiamo che Giovannino Stroppa gestisce una squadra con giocatori voluti e contrattualizzati (cosa non da poco) dal precedente allenatore. E da persona di grande intelligenza e uomo di sport, non si è mai sognato un approccio invasivo, cosa tutt’altro che scontata, ma ha saputo dare continuità alla mentalità consolidata in un precedente biennio. Ciò non vuol dire che non sarà capace di innovare, secondo i propri dettami tattici, nelle strategie di gioco di questa squadra ma , al contrario, perseguirà le proprie convinzioni con il tempo e guadagnando giorno dopo giorno, la fiducia degli interpreti. Non mancheranno momenti di… Leggi altro »

Ludovico
Membro
Ludovico

Sulla rosa a disposizione ho espresso lo stesso concetto…e non è cosa da poco visto che ogni allenatore ha i suoi uomini di fiducia.
E chissà se Giovanni Stroppa fosse arrivato prima, se un Floriano, preso e buttato via, non fosse tornato utile alla causa !!!
Altro giocatore che con Viola, non mi darò pace di aver messo fuori rosa….molto più del fedelissimo Pinuccio o dello stesso Gigliotti’.

Ludovico
Membro
Ludovico

francescodelv, amico mio, fai sempre benissimo quando parliamo di Stroppa a pubblicare sempre questa foto di Giovannino che fa riferimento al suo periodo pescarese, con blazer grigio d’ordinanza e cravatta blu….
In riva all’Adriatico gli ha detto male…ma a noi questa foto evidentemente porta bene…..
Non siamo scaramantici… ma restiamo su questa retta via…

Massimo
Membro
Massimo

Di Zemaniano il caro De Zerbi non ha proprio niente. Non bestemmiamo per favore. Forse una cosa potrà avere in comune. Anni fa il Boemo fu cacciato proprio in Serie C dall’allora Presidente di S. Giuseppe Vesuviano che per motivi meno seri di quelli di De Zerbi fu esonerato per direttissima in quanto volle fare il grande salto senza mettere al corrente la società. Il Foggia andò in B l’anno successivo o giù di lì con Caramanno. Il Boemo venne richiamato poi in B per scrivere la storia del Foggia e del calcio Italiano nel lustro successivo, per la serie… Leggi altro »

michele
Membro
michele

Chi associa il gioco di Zeman a quello di DZ,vuol dire che non sa di calcio o non ha mai visto giocare il Foggia di Zeman,soprattutto in serie A.Mentre con il boemo si schiacciava l’avversario di turno nella propria metà campo,per buona parte della partita,con DZ,si passava più tempo nella nostra metà campo,con il solito fraseggio snervante.Avessimo osato di più con i nostri attaccanti,avremmo vinto il campionato,ma lui preferiva partire da Narciso,la storia è nota.

Tony
Membro
Tony

Con Zeman schiacciavi l’avversario? Allora vatti a rivedere le partite di 20 anni fa…

Massimo
Membro
Massimo

Donnarumma e Zito erano invece caldeggiati da DZ. Il primo un bidone secondo me, basta vedere le partite anonime a Salerno, il secondo da adattare a terzino sinistro. Ma ndò vulemm jè p’ piacer!

Massimo
Membro
Massimo

Cmq se dovesse avverarsi l’ipotesi di cui sopra io ci penserei quattromila volte a mandar via Stroppa. Giovannino è uno di noi!

Massimo
Membro
Massimo

Francesco non ho visto la conferenza di Palermo, ma Dz è uno che non le manda a dire. Ormai è un Gran Personaggio. Da un lato son felice che sia andato via da Foggia dove probabilmente si sarebbe bruciato se non avesse vinto il Campionato. Dall’altro da sportivo quale sono e da vero tifoso del Foggia non posso che augurargli il meglio che può. La Laurea a Foggia l’ha conseguita quasi col massimo dei voti. L’Università del Calcio di Foggia rinomata a livello Nazionale da oltre un cinquantennio ha sfornato un altro prodotto del quale poter essere fieri. Adesso tocca… Leggi altro »

michele
Membro
michele

Antonio,non ho bisogno di rivedermi le partite di 20 anni fa,le ho vissute di persona ed ho assistito anche ad un goal fantastico di Stroppa,direttamente su calcio d’angolo,contro il Piacenza,sotto la curva nord.Con Zeman,il gioco era molto veloce,con palla a terra e numerose occasioni da rete e a fine partita la squadra,veniva applaudita sempre,sia con una partita vinta che con una persa,perchè ci si divertiva. Quel Foggia,tranne il Milan e l’Inter,batteva qualunque squadra,anche la Juve,tutte le squadre con quel Foggia,lasciarono le penne.Con DZ,s’è perso con il Melfi,la Paganese,il Martina,Juve Stabia,Catanzaro,Monopoli,Cosenza,Lecce,Benevento,Andria,Messina,per non parlare dei pareggi,con Ischia,Matera ed altre squadre sopra citate.Tutto… Leggi altro »

Massimo
Membro
Massimo

Michele anch’io ero in curva Nord quella Domenica. Aiutò un po’ il vento ma fu un gol strepitoso. Zeman per 15, 20 minuti non faceva capire letteralmente niente agli avversari che si chiamassero Milan Juventus o Bari li martellava di verticalizzazioni e sovrapposizioni al fulmicotone che provenivano da chiunque e da ogni parte del campo e spesso i rivali andavano Ko, sterminati fino al midollo. Chi non ha vissuto non può nemmeno immaginare. Con DZ e le sue ossessive orizzontalizzazioni mi saliva l’acido ai maroni e spesso mi scoglionavo dalla noia e rabbia. S Stroppa ci porta all’80% dei livelli… Leggi altro »

Massimo
Membro
Massimo

Ricordo testuale dichiarazione di Paolo Maldini figlio di Cesare che all’epoca militava nel Grande Milan paragonabile al Barcellona o Real di oggi: Quando si scendeva a giocare a Foggia nel catino dello Zaccheria sapevamo tutti cosa ci aspettasse. Io, Tassotti, Cortacurta e Baresi al fischio d’inizio e per i primi venti minuti non eravamo in grado di comunicare tra noi data la bolgia dello Zaccheria e i giocatoti del Foggia che ci spuntavano da tutte le parti. Stiamo parlando della difesa più forte di tutti i tempi a livello mondiale che perse la Finale di Coppa del Mondo Fifa nel… Leggi altro »

Totobla
Membro
Totobla

Maldini Baresi e Costacurta si caca vano sotto quando venivano allo Zac ma sono cmq riusciti a vincere scudetti e coppe dei campioni.. Zeman che aveva l’effetto della purga sugli avversari, nel senso che li faceva cagare sotto dalla paura, quante coppe dei campioni ha vinto? Ah già ha vinto solo scudetti.. o no? Solo coppe Italia? Uhm no forse delle coppe Uefa? No? Neanche quelle? E De Zerbi che ha 38 anni deve mangiare del pane tosto prima di poter essere paragonato a Zeman che nell’ultimo anno di C aveva giocatori tipo Insigne Sau Farias Rigione Romagnoli Regimi etc..… Leggi altro »

Massimo
Membro
Massimo

Sono fiero e felice di essere Tifoso del Foggia e di Foggia. Mò però testa alle 20,30 di Domenica e pensiamo intensamente su come battere la Vibonese. Domenica mi vedo alle 16,30 pure Melfi Lecce sperando che Lodesani Pompilio e De Giosa giochino un brutto scherzo ai leccesi a tutto favore del Melfi e del loro ancora Foggia