Serie B, Brescia-Perugia 1-1: Vido al 93′ pareggia il gol di Bisoli

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’anticipo inaugurale del torneo cadetto finisce 1-1 al Rigamonti: al vantaggio di Bisoli risponde l’ex punta del Cittadella in pieno recupero su rigore

In extremis. Un calcio di rigore salva Nesta e il suo Perugia. Ci pensa Vido, che con grande freddezza trasforma il penalty concesso al 93’ dopo un’ingenua trattenuta di Bisoli sullo stesso centravanti ex Cittadella. Per il Brescia di Suazo slitta ancora l’appuntamento con il successo casalingo, che manca da quasi cinque mesi, dal 2-1 sul Pescara del 29 marzo scorso.

PRIMO TEMPO – Per il Brescia out l’infortunato Torregrossa e gli squalificati Sabelli e Martinelli. Suazo conferma il 4-3-1-2 ipotizzato alla vigilia, con Tremolada in appoggio al tandem Donnarumma-Ferrari. Nel 3-5-2 di partenza del Perugia, Nesta in attacco preferisce Vido a Melchiorri in coppia con Han. Il terzetto di difesa è completato da Falasco, vittorioso nel ballottaggio con El Yamiq. La partenza dei padroni di casa è convincente, gli ospiti si chiudono e provano a ripartire in contropiede. Ma prima devono murare il pericoloso destro a giro di Donnarumma, respinto da Cremonesi all’8’, e poi rischiano grosso al 18’ con il retropassaggio sbagliato da Ngawa, che serve Tremolada al limite dell’area: il numero 32 delle rondinelle quasi ne approfitta, il suo diagonale finisce di poco a lato con Gabriel immobile. Smaltito l’impatto difficile col match gli umbri vengono fuori e cercano di sorprendere in velocità i padroni di casa, come nell’occasione fallita al 29’ da Felicioli, che s’inserisce da sinistra in area ma di controbalzo spara altissimo da buona posizione. Un paio di minuti dopo Vido si ritrova solo davanti ad Alfonso, l’attimo buono per il tiro gli sfugge via e il recupero in scivolata di Gastaldello è provvidenziale. Al 43’ arriva il gol che sblocca il match, frutto dell’errato piazzamento della difesa perugina con Nesta che va su tutte le furie: il traversone dalla sinistra di Curcio sorprende la retroguardia ospite, Bisoli ne approfitta e si ritrova senza marcatura al momento del diagonale vincente (dodicesima rete con la maglia bresciana). Rafael viene trafitto di destro e si chiude la prima frazione.

SECONDO TEMPO – Nella ripresa la reazione del Grifone arriva soprattutto grazie ai calci piazzati, al 62’ Cremonesi si avventa di testa sulla battuta di Melchiorri mentre poco dopo sulla punizione di Moscati Felicioli impatta al volo, mettendo paura al pubblico del Rigamonti. Al 65’ Nesta decide di togliere dalla contesa il coreano Han, troppo fumoso e poco incisivo, inserendo Melchiorri per dare peso alla fase offensiva. Soprattutto quando poco dopo Gastaldello si fa espellere per una reazione a palla lontana su Vido: l’arbitro vede tutto ed estrae il rosso diretto. Dentro anche il giovane Kingsley, ma la compagine umbra conferma le sue difficoltà nel produrre gioco e creare occasioni realmente pericolose, come dimostra la girata debole di Melchiorri al 79’. Suazo risponde coprendosi con gli innesti di Lancini al posto di Tremolada e Dall’Oglio per Donnarumma, i tre punti sembrano in cassaforte ma sull’ultimo assalto ecco la sciocchezza di Bisoli. Il centrocampista trattiene Vido mentre prova a girarsi in area e l’arbitro Pezzuto concede il rigore senza pensarci due volte. Dagli undici metri lo stesso Vido è spietato. E Nesta tira un sospiro di sollievo.

Fonte – Gazzetta.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di