Palermo-Cremonese 2-2: pari show, Mazzotta salva i rosanero

Tempo di lettura: 2 minuti

Nell’anticipo della seconda giornata i padroni di casa impattano contro i grigiorossi di Mandorlini, che a un certo punto erano anche passati in vantaggio. Nel finale clamorosa traversa di Carretta.

Altro pareggio per Palermo e Cremonese. All’esordio davanti al proprio pubblico, i rosanero chiudono sul 2-2 contro i grigiorossi in una gara spettacolare e senza esclusione di colpi, soprattutto nella ripresa. Se il primo tempo infatti si è chiuso sull’1-0 per gli uomini di Tedino con un missile all’incrocio di Nestorovski, nella ripresa la Cremonese ha ribaltato con un gran gol di Strefezza (il suo primo in B) e un colpo di testa di Mogos, per poi incassare il nuovo pareggio con Mazzotta in tap-in su botta di Moreo. Clamorosa la traversa di Carretta a tempo praticamente scaduto. Entrambe le formazioni si portano a quota 2 punti in classifica dopo i pareggi contro Salernitana per il Palermo e Pescara per la Cremonese.

PRIMO TEMPO — Il Palermo resta con la difesa a tre e sceglie Trajkowski e Falletti dietro a Puscas, alla prima in rosanero, mentre la Cremonese lancia i giovanissimi Emmers e Boultam e schiera Brighenti al centro dell’attacco al posto dell’infortunato Montalto. Se la squadra di Tedino tiene le redini del gioco, come previsto, i grigiorossi sono più attendisti e cercano di colpire in contropiede. La prima vera occasione capita sui piedi di Brighenti al 14’, quando spalle alla porta riceve in area da Emmers, si gira e col mancino mette a lato non di molto. I padroni di casa non trovano varchi nella retroguardia grigiorossa, ben allestita, allora Trajkowski al 26’ ci prova da fuori e indovina l’incrocio con un missile imparabile per Radunovic: Palermo avanti 1-0. Cambia dunque l’inerzia del match, la Cremonese esce dal guscio e attacca con convinzione, ma al 41’ Puscas sfiora il raddoppio per i suoi, mettendo fuori di destro da buona posizione. Finisce il primo tempo, i grigiorossi recriminano per un fallo di mani in area di Rajkovic non ravvisato dall’arbitro Nasca al 37’.

SECONDO TEMPO — Riparte forte la Cremonese, che dopo due minuti sfiora il pari con un colpo di testa di Claiton. Al 53’ si rivede il Palermo con Puscas, che riceve sul filo del fuorigioco e impegna in angolo Radunovic da posizione ravvicinata, quindi Mandorlini corre ai ripari e decide di gettare nella mischia Carretta e Strefezza per dare freschezza al reparto offensivo. I risultati non tardano ad arrivare: il classe ’97 in prestito dalla SPAL trasforma in oro il suo primo pallone con un sorprendente destro a giro da posizione molto defilata. Brignoli è ingannato dalla traiettoria e il risultato torna in parità, 1-1. Puscas si avvicina al gol in un paio di circostanze, Tedino nel finale vara il tandem d’attacco Moreo-Nestorovski, ma è la Cremonese a colpire di nuovo al minuto 82: angolo dalla sinistra, stacco imperioso di Mogos e 2-1 per i lombardi (male Salvi in marcatura). Radunovic miracoloso all’87’ sul colpo di testa di Nestorovski, ma nulla può fare sul tap-in di un minuto più tardi di Mazzotta dopo un altro grande intervento su Moreo, entrato bene in partita. Le emozioni sul 2-2 sembrano finite, invece in pieno recupero Carretta fugge in contropiede e, tutto solo davanti a Brignoli, sceglie la potenza e colpisce la traversa piena. Scelta discutibile dell’ex Ternana, l’arbitro fischia la fine: Palermo e Cremonese si dividono la posta in palio al termine di un secondo tempo scoppiettante.

Fonte – Gazzetta.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di