La Top 11 del Girone C di Serie C: Curcio-Garofalo super, Laverone esulta troppo

Reading Time: 2 minutes

E’ andata in archivio la 15^ giornata del Girone C di Serie C. Questi i risultati:
Avellino-Ternana 1-2
Bari-Vibonese 0-0
Bisceglie-Catanzaro 1-3
Cavese-Francavilla 0-0
Juve Stabia-Potenza 2-0
Monopoli-Foggia 2-3
Palermo-Casertana 2-0
Turris-Teramo 1-1
Viterbese-Catania 1-2
Ha riposato Paganese

Di seguito la TOP 11 di TuttoMercatoWeb.com che opta per il 3-4-1-2:

Marson (Vibonese):: piacevole rivelazione della giornata, si oppone a tutti i tentativi dei calciatori del Bari risultando determinante. Para un rigore ad Antenucci che consente alla sua squadra di strappare un punto importantissimo. Man of the match.

Laverone (Ternana): alla faccia dei tanti ex che non esultano quando segnano, si scatena dopo la rete che dà la vittoria agli umbri in zona Cesarini. Certamente non capita tutti i giorni a un difensore di siglare il gol decisivo al 90’ avviando la fuga della sua squadra, ma in terra irpina è sempre stato trattato benissimo e forse poteva evitare quella corsa a tutto campo senza maglia. Per il resto partita di grande temperamento e sostanza.

Silvestri (Catania): sempre più una certezza al centro della difesa, un calciatore ormai diventato titolare inamovibile a suon di prestazioni ampiamente sopra la sufficienza.

Sciacca (Vibonese): non era semplice disimpegnarsi a cospetto degli attaccanti del Bari, per di più in uno stadio come il San Nicola che incute timore anche quando è vuoto. Se l’è cavata benissimo, recuperando un sacco di palloni grazie ad un ottimo senso dell’anticipo e della posizione.

Contessa (Catanzaro): sarà pur vero che la difesa del Bisceglie commette un errore clamoroso perdendo palla a ridosso della trequarti, ma la ripartenza è fulminea e il suo tiro è un capolavoro. Gran gol per il difensore giallorosso.

Garofalo (Foggia): il giovane prodotto del vivaio della Salernitana è lesto ad anticipare i difensori avversari con la punta del piede e a depositare in fondo al sacco il pallone del 3-2 su assist di Rocca. Un predestinato che si farà valere in questa categoria.

Aloi (Avellino): gol mancato, gol subito. La Ternana sbaglia l’impossibile e, sul capovolgimento di fronte, sfrutta una disattenzione generale per siglare la seconda rete stagionale. Bravissimo nell’inserimento delle retrovie, uno dei pezzi tipici del suo repertorio.

Santoro (Teramo): sfrutta l’assist di Costa Ferreira, lascia sul posto Franco e poi lascia partire un tiro in diagonale che non lascia scampo al portiere. Decisamente una bella giocata.

Giannone (Turris): un tocco sotto di gran classe per chiudere al meglio una pregevole azione corale e consentire ai campani di conquistare un altro punto d’oro contro una squadra forte come il Teramo. Un valore aggiunto, ma lo stiamo rimarcando da tempo.

Orlando (Juve Stabia): un professionista esemplare, che meritava la gioia del gol. All’apice della sua carriera ha subito un brutto infortunio, poi la Salernitana gli ha rinnovato il contratto senza mai dargli spazio. A San Benedetto sprazzi di classe, a Castellammare si sta ritagliando lo spazio che meritava e si è tolto una grande soddisfazione. Se in forma è di categoria superiore.

Curcio (Foggia): sempre più il trascinatore dei rossoneri. Sblocca al 5’ con un preciso calcio di punizione sfruttando anche una disattenzione del portiere, sigla la doppietta personale direttamente su rigore. Ottavo centro stagionale per l’ex Catania.

Fonte – Tuttomercatoweb.com

Lascia un commento
Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments