Foggia, si complicano le cose per Di Chiara

Tempo di lettura: 2 minuti

Fine settimana privo di sussulti in casa Catanzaro con le trattative di mercato momentaneamente in stand-by in attesa del lunedì. L’aver chiuso il capitolo difesa con gli acquisti di Sabato, Prestia e Di Bari e l’aver già condotto in porto diverse operazioni da ufficializzare o perfezionare dopo il primo luglio (Cunzi e Tavares su tutti) fanno sì che il diesse Preiti possa ora valutare con calma le mosse future in vista dei prossimi sette giorni che si preannunciano di fuoco. La scadenza del 30 giugno si avvicina e nelle prossime ore potrebbe scatenarsi un vero e proprio effetto domino in tutta la LegaPro con il capitolo rinnovi destinato, nel bene o nel male, ad essere archiviato per lasciar spazio al vero e proprio valzer del mercato. In questo scenario di quiete antecedente la tempesta, le uniche notizie sembrano venire da Foggia con il netto passo indietro dei satanelli nella trattativa per Di Chiara. Sentito nel pomeriggio di oggi, il diesse dei rossoneri ha infatti definito  l’affare «tremendamente difficile» confermando l’inserimento nell’operazione di altri club di serie B. «Dispiace perderlo dopo averlo valorizzato – ha detto con rammarico il diesse dei pugliesi – ma non ci sono i margini per poterlo trattenere». Il responsabile dell’area tecnica foggiana non lo dice ma dietro il giocatore ci sarebbe già l’Avellino, pronto a mettere sul tavolo qualche contropartita gradita alla società giallorossa. Giron e Soumaré sono due nomi che piacciono e che potrebbero rientrare nell’operazione, ma l’obiettivo principe della società di via Pugliese resta giustamente quello di monetizzare. Sempre da Foggia rimbalza la notizia di una chiusura totale nei confronti di Sarno, Gerbo e Chiricò: per ammissione dello stesso diesse, i tre gioielli rossoneri, tempo fa accostati ai giallorossi, «non si muoveranno dalla Puglia» e l’eventuale arrivo di Russotto da Catania non dovrebbe cambiare le carte in tavola. La lista degli incedibili foggiani non comprenderebbe però Roberto Floriano, ala sinistra classe ’86, una delle contropartite tecniche che i satanelli avrebbero in passato messo sul piatto per arrivare a Di Chiara. L’onerosità del contratto e l’interesse manifestato dai giallorossi nei confronti di un omologo nel ruolo come Celiento farebbero per ora propendere per il no, ma tutto può succedere, anche che qualche vecchia pista, entrata magari solo di straforo, torni a riscaldarsi al sole di luglio. E a proposito di piste un nome nuovo viene accostato ai giallorossi: quello di Antonino La Gumina, giovane punta scuola Palermo inseguito da Spal, Parma, Livorno, Pisa, Perugia e Venezia. Ma di questo, con ogni probabilità, si parlerà dopo il weekend.

Fonte – Catanzaroinforma.it

Facebook Comments

2
Lascia un commento

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
Cuore Rossoneromauro Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
mauro
Ospite
mauro

Speriamo bene

Cuore Rossonero
Membro
Cuore Rossonero

Se confermato sarebbe una perdita gravissima.
Russotto è un grande nome per questa squadra.
Ma ritengo che siamo ancora nel campo delle voci solo ipotetiche…. aspettiamo Luglio e le prime ufficializzazioni.