Lucarelli: “A Foggia si respira aria da Serie A”

messina
Tempo di lettura: 2 minuti

Le parole di Cristiano Lucarelli, tecnico del Messina, nella conferenza stampa post-partita:

Voi insegnate che nel calcio se non la butti dentro in questi campi, con questo pubblico, con una squadra così forte come il Foggia, prima o poi qualcosa può accadere. Il risultato comunque è molto più ampio di quanto visto in campo. Per aggiornamento professionale seguo il Foggia da due anni, e allo Zaccheria non avevo mai visto il Foggia così in difficoltà come i primi 60 minuti di oggi. Per questo faccio i complimenti ai miei ragazzi. Abbiamo provato a sorprenderli, però riuscivano sempre con il palleggio a trovare gli esterni Rubin e Loiacono. Dopo un quarto d’ora ho dovuto riprovare il 4-3-3 e siamo riusciti a rallentare di molto la manovra del Foggia, infatti poi molte volte sul palleggio hanno sbagliato e noi ripartendo potevamo fare male. Poi c’è stato quell’uno-due micidiale che ci ha tagliato le gambe. Grifoni? Ha fatto la radiografia, non dovrebbe esserci alcuna rottura. Ho fatto i complimento alla società per l’accoglienza e le rifiniture dello stadio. In Lega Pro non se ne vedono, ho respirato aria di serie A dopo tempo. Anche se l’anno scorso mi hanno dato un grosso dispiacere da livornese. Vanno fatti i complimenti perché dopo l’anno scorso non era facile ripartire, e questo dimostra competenza e programmazione. Tutto il contesto merita ben altra categoria. Comunque non mi taglierò le vene per aver perso a Foggia, parlavo di jolly perché non ci deve essere alcun tipo di ripercussione negativa dopo una sconfitta a Foggia. Siamo stati bravi perché abbiamo fatto la nostra bella figura. Noi comunque non riusciamo ad allenarci, non avendo un campo da allenamento, e quindi la condizione non può essere ottimale. Madonia? Un giocatore così esperto, non deve commettere questi errori. Non voglio parlar dell’arbitro perché non è corretto per l’ambiente che c’è qui, anche se onestamente ci sono state delle decisioni da interpretare, come la mancata ammonizione sul fallo di mano di Agnelli o il fallo su Milinkovic da dietro lanciato in campo aperto. Milinkovic giocherà in serie A l’anno prossimo, rientrerà a Genova. La sua esigenza era quella di fare un campionato intero e a Messina lo può fare. Qui a Foggia avrebbe potuto rischiare di far panchina. Quando sono arrivato a Messina l’ho trovato ai margini e pian piano l’ho coinvolto nuovamente. Il Genoa mi ha sempre detto che per loro era importante che il giocatore facesse 38 partite, e il ragazzo non ha mai spinto per poter andar via. Il Foggia ha fatto il suo fino all’ultimo per cercare di prenderlo, ma io già avevo parlato con Colucci e lo avevo dichiarato incedibile. Abbiamo preferito dar via Pozzebon e tener lui in rosa, anche perché il Catania ci ha dato due giocatori in cambio, cosa che il Foggia non è riuscito a darci. A metà mese abbiamo chiesto Riverola e Pompilio, ma non c’era la volontà dei giocatori di venire a Messina. Il ragazzo comunque è stato due giorni a Milano senza l’autorizzazione della società. Ma è un giocatore che va preso così com’è. C’è chi ha bisogno del bastone e chi della carota, e a me piace cercare di entrare nella testa dei calciatori.

Fonte – Foggia.iamcalcio.it

Facebook Comments

2
Lascia un commento

Please Login to comment
2 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
2 Comment authors
MassimoCuore Rossonero Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Cuore Rossonero
Membro
Cuore Rossonero

Mister Lucarelli guardi che noi ci accontentiamo di respirare anche l’aria della serie B…,,
Un passo per volta.
Non sia precipitoso.
E comunque Milinkovic….. er meghjie che u’ faciv venì a Foggjie curnuton…

Massimo
Membro
Massimo

Adesso è un bel parlare. Lucarelli verrai con noi ad allenare in A se fai il bravo!