Sannella e Di Bari: “Taranto solo un incidente di percorso”

sannella
Tempo di lettura: 4 minuti

Nella serata di oggi, Fedele Sannella, socio del Foggia, e Giuseppe Di Bari, direttore sportivo dei rossoneri, sono stati ospiti della trasmissione televisiva “Il Pallone in Poltrona” in onda su Telefoggia. Tanti gli argomenti trattati dai due rappresentanti della società, partendo dalla sconfitta di Taranto queste le loro parole.

SANNELLA: “Non ci aspettavamo questa battuta d’arresto, anche perché venivamo da molti risultati utili consecutivi. E’ stato un fulmine a ciel sereno, la squadra si è allenata e ha preparato la partita come prepara le altre gare. Speriamo sia solo un incidente di percorso. Per quello che è il valore di questa squadra, io continuo a dare fiducia a questo gruppo, mister compreso. Questo però deve far capire quanto ribadito dall’inizio: il campionato non è così semplice come molte vogliono far credere. Abbiamo perso a Taranto, che è tra le squadre che lottano per i play-out, così come ha perso in casa il Matera, anche se contro il Francavilla rivelazione del campionato. Lo stesso Catania che ha perso ad Agrigento. Non vediamo tutto negativamente. La nostra piazza è un po’ così: è una piazza che si esalta e si deprime con la stessa facilità. E per me è esagerata da questo punto di vista. Appena commettiamo un piccolo errore, tutto il buono fatto prima viene dimenticato. Non bisogna vedere solo questa sconfitta, ma bisogna vedere anche il filotto di risultati utili consecutivi fatto prima. Contro il Matera, dico che qualsiasi sarà il risultato, non risulterà ancora decisivo. E’ ancora presto per fare pronostici, è ancora tutto molto aperto.  A fine partita contro il Taranto ho parlato con il mister. Con i ragazzi mi sono sentito telefonicamente, e stavano più male di me in quel momento. Io lo spogliatoio non lo vivo 24 ore su 24, ma sono vicino alla squadra, al mister. Mi arrabbio quando sento dire certe cose sui ragazzi. Ragazzi che, ricordo, in molti ci hanno chiesto a gennaio, ma che noi riteniamo incedibili. Noi siamo tenuti a difendere il nostro capitale, e il nostro capitale sono i giocatori. Ma loro sanno benissimo che chi non si impegna per il motivo per cui viene pagato, viene spedito in tribuna.  Le parole di Curci? Ognuno di noi sfoga la rabbia in modo diverso. E’ chiaro che abbiamo perso, e abbiamo perso male, ma garantisco che anche i ragazzi ne sono consapevoli. Nella prossima partita contro il Matera, a maggior ragione dopo Taranto, i ragazzi vorranno riscattarsi immediatamente. Dimostreranno che è stato un incidente di percorso. La squadra non è in ritiro, il mister mi ha chiesto di andare in ritiro da mercoledì, su richiesta dei ragazzi. Ecco perché continuo a difenderli. Noi vogliamo andare in B quest’anno, perché è chiaro che non possiamo continuare ad investire così per raggiungerla. Ribadisco, noi vogliamo la serie B quest’anno, non voglio nemmeno pensarci ai play-off. Il pensiero di cosa faremo in B c’è, ma dobbiamo essere cauti e tranquilli. Ci siamo già ritenuti fortunati lo scorso anno, quando ci siamo stati vicini per due volte. Pensiamo ad andarcene dalla Lega Pro, poi si vede. Come siamo entrati nel Foggia? Inizialmente io non volevo. Era più volere di mio fratello Franco. Voi sapete poi quanto teniamo al territorio, ho sempre detto di essere orgoglioso di essere di Deliceto, anche se da molto tempo ormai mi sono trasferito a Foggia. Il primo anno, per impegni di lavoro, abbiamo fatto gestire la società a Tiso e Leccese. Quest’anno mio fratello si è preso in carico alcune attività lavorative, per darmi la possibilità di seguire da vicino l’azienda Foggia Calcio, perché per noi è un’azienda da cui vorremmo trarne profitto. Ci stiamo impegnando, l’abbiamo fatto per il territorio, per noi stessi, e per la storia del Foggia.  Pubblico? Ci aspettavamo di più, anche perché siamo partiti con sei vittorie e abbiamo fatto un’ottima campagna acquisti. Giornata pro-Foggia? Non si farà né con il Matera, né contro chiunque altro.  Fares mi ha detto che ormai sembra che con il Comune sia stato raggiunto l’accordo per la convenzione dello stadio, che dovremmo firmare in questa settimana. Il primo intervento che faremo riguarderà l’allargamento della Curva Nord”.

DI BARI: “La mazzata di Taranto serve a farci crescere. Qualcosa non è andato, contro una squadra che aveva qualche motivazione in più rispetto a qualche settimana fa. Ad oggi però dobbiamo guardare avanti, e cercare di non sbagliare più per le prossime 13 partite. C’è subito la possibilità di potersi rifare.  La Juve Stabia non la escluderei del tutto dalla corsa al primo posto. ll mercato ha avuto effetto negativo, ci sono degli equilibri da non sottovalutare. Sarà una bella lotta fino alla fine, non c’è una squadra che può staccare tutti, almeno per quanto visto fino ad oggi. I campionati si vincono vincendo contro le piccole. E Taranto ci deve insegnare tanto.  Perchè non abbiamo preso terzini? A destra abbiamo Loiacono in attesa di Angelo, i cui tempi di recupero non sono lunghi come si dice. Per la fascia sinistra, si stava valutando anche su una certa duttilità di qualche giocatore, come Zanini, la cui volontà però era quella di giocare a centrocampo. Si era fatta una valutazione su un terzino sinistro under che però costava troppo. Abbiamo dato fiducia a Dinielli che è un ’96 interessante, poi ovviamente le valutazioni se schierarlo o meno sono dell’allenatore.  Rubin è uscito a Taranto per precauzione. Domani farà un’altra risonanza e faremo le dovute valutazioni. Angelo sta recuperando e può darsi che riesca ad anticipare il rientro. Empereur a fine settimana finirà il protocollo di recupero a Cesena. Agnelli stessa cosa, ha preso una botta al ginocchio contro il Messina e sta recuperando, così come Maza, ma ci sono dei tempi da rispettare”.

Facebook Comments

9
Lascia un commento

Please Login to comment
7 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
5 Comment authors
giuseppefg87MassimoValenciaFGpaul84fgLudovico Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ludovico
Membro
Ludovico

Ieri sera ho visto il programma…….e, a parte la delusione per il fulmine a ciel sereno che condividiamo tutti, mi è sembrato di cogliere nell’umore della società, una serenità di fondo ed una fiducia nel gruppo e nel settore tecnico, che va a cozzare nettamente con gli animi esacerbati che hanno condizionato buona parte dei msg del post partita che ho letto qui sopra. Così come ha fatto Curci, ognuno è libero di manifestare, in modo esclusivo, il proprio disappunto o la propria soddisfazione in ogni circostanza, ma ricordiamoci che soffriamo e gioiamo tutti per lo stesso motivo. I diversi… Leggi altro »

paul84fg
Membro
paul84fg

Salve a tutti… io credo ke nelle prossime 3/4 partite si deciderà il campionato…. credo ke una delle 4 (inserisco anke la juve stabia) prenderà il largo…. nn dico ke sia matematico ma quasi…. l anno scorso di sti tempi il benevento iniziò a prendere il largo(correggetemi se sbaglio). Secondo il mio modesto parere tra un mese si capisce ki andrà in serie B. Spero ke come dice sannella, taranto è stato un incidente di percorso… da tifoso me lo auguro

Ludovico
Membro
Ludovico

Vincè ….occhio che Bacchieri/Stellacci/Frax/Savator ci fa uno dei suoi copia-incolla a mitraglia che ci satura la pagina….

Ludovico
Membro
Ludovico

Siii Vincè, come no, so benissimo che sei un utente di primo pelo.
Ma non credere che io abbia un utenza più anziana della tua. Forse qualche settimana in più.. Giorni in più.

ValenciaFG
Membro
ValenciaFG

Io normalmente sono un calmista che tanto detestano Vincenzo, Savino e Cuore. Ovviamente ognuno tifa come vuole e ci mette il carattere che ha. Io penso che è difficile che una squadra in Lega pro, spacchi il campionato, perché per farlo hai bisogno di una mentalità da campione che va dal massaggiatore all’allenatore, passando per società e tifosi. Difficilissimo che in questa serie si riesca a costruire una macchina da guerra come questa che inoltre sia consolidata da tempo. Bhe! Sulla carta il Foggia lo potrebbe essere ma poi si vedono squallori come quello di Taranto, allora mi viene naturale… Leggi altro »

Massimo
Membro
Massimo

Curci tu vuoi fare Azienda seria! Bene, non siete più disposti ad investire così e vi capisco. L’anno prox vendete di corsa Vacca Sarno Coletti Martinelli e Chiricò…con i soldi ricavati potete allestire un squadra più forte e conservarvi pure qualcosa di soldi. I sostituti ce li abbiamo già ora. Poi basta prendere Bergamelli e Russotto e si ritorna a combattere per la B. Poi se ci andiamo quest’anno è meglio anche se credo che sabato Auteri ci fa un culo grosso quanto una casa! La partita col Taranto è una brutta avvisaglia tipo il 4-2 di Pisa. Fuori dalle… Leggi altro »

Ludovico
Membro
Ludovico

Massimì,……. El Fecondador deve tornare a fare quello che faceva prima…..è brutto vederlo fare lo sbruffoncello che gioca con la suola e irride gli avversari manco fosse su un campo di calcetto….e poi perdiamo pure.
A Taranto si è sentito chiaramente quando dalla tribuna gli hanno urlato “Buffone” !!!
Facesse il serio e tornasse a fare quello che deve e per cui si è fatto apprezzare in questi due anni rossoneri.

giuseppefg87
Membro
giuseppefg87

Io ho l’impressione che Fedele Sannella si sia trattenuto da buon Presidente qual’è. Il suo stato d’animo è pari pari a quello di Curci solo che lui in certi termini e vista la posizione non si può permettere di esprimere. A Taranto era obbligatorio vincere e la squadra ha floppato. Perchè? Rubin era frenato da Chiricò e Sarno non era in condizione ma dovrà pure raggiungerla visto che in proiezione futura non si può prescindere da un giocatore di quel tipo e con quelle caratteristiche. Se Stroppa si è preso tutte le colpe 2 sono le cose: 1) Gli piace… Leggi altro »

Ludovico
Membro
Ludovico

Giuseppefg87, Sannella dopo l’exploit di Curci non poteva fare altrettanto altrimenti scoppiava la bomba atomica e non è quello che vogliono. Sulla partita del Taranto non credo che sia questione di moduli ma si è trattato di un capriccio prestazionale……in altre parole non siamo scesi in campo perchè eravamo con la testa altrove, non so se già al Matera o solo perchè abbiamo ritenuto il Taranto una squadretta dilettantistica…..e il fatto che non abbiamo fatto un solo tiro in porta uno lo testimonia ampiamente. Sul fatto che ritieni che la nostra posizione in classifica è condizionata dalla capacità dell’allenatore, visto… Leggi altro »