In questo Foggia traspare la serenità

Tempo di lettura: 1 minuto

Al di là dei 9 punti in classifica, quello che emerge inequivocabile è una grande serenità del gruppo che è evidente anche nelle parole di mister Stroppa a fine gara. Il merito è sicuramente suo se si valutano le condizioni ambientali, non certo facili, che lo hanno accompagnato nei primi giorni di questa sua avventura sulla panchina rossonera.

La squadra lo ha aiutato, lui pian piano le sta dando la sua fisionomia che magari non può già definirsi vincente, ma che sta aiutando sempre più un gruppo, sicuramente maturo, a sapere di poter essere protagonista in questa stagione.

Il campionato è lungo, è difficile e la Vibonese lo ha fatto capire per quasi tutto il primo tempo ma poi, proprio la giusta serenità in campo, unita sempre a capacità tecniche importanti, ha fatto sì che la squadra le tentasse tutte per capitalizzare gli enormi sforzi in campo. La squadra è quindi sembrata concreta arrivando spesso alla conclusione e riuscendo a portare il risultato a casa.

Con la serenità e con l’impegno necessari a raggiungere la preparazione fisico-atletica che limiterà alcune sbavature nei meccanismi di gioco, si potrà arrivare anche a dettar legge con avversari di caratura superiore, quelli che in definitiva rappresentano le squadre che contenderanno al Foggia la vittoria finale.

Per il momento dopo tre gare gli uomini di Stroppa riescono a guardare il campionato dall’alto in basso.

Alberto Mangano da manganofoggia.it

Lascia un commento

4
Lascia un commento

Please Login to comment
4 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
4 Comment authors
MassimoAntoniofrancescoLudovico Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ludovico
Membro
Ludovico

Giovedì a Francavilla è un’altra partita senza alibi..
La loro difesa a tre con Idda, Vasco Faisca e Abruzzese, con questi ultimi due che sono over 35, è il reparto con gente di maggior esperienza.
La differenza tra le rose è abissale; alibi non ce ne possono essere.
Se i nostri sono in palla meglio rinunciare al turn over…mandiamo in campo quelli che garantiscono maggior costanza di prestazione.
Forse l’unico che schiererei dall’inizio è Gerbo, per il resto manderei gli stessi uomini se non ci sono controindicazioni.
Cmq un’unica parola: vittoria.

francesco
Membro
francesco

Anche la partita a Francavilla su Sportube, che peraltro ieri sera, a me non ha dato problemi. Meglio così.
A Messina complicato arrivarci……ma a Matera ci saro’ senza se e senza ma. A Matera dovro’ esserci……

Tony
Membro
Tony

Abbiamo giocato contro 3 squadre mediocri…non ci esaltiamo. con questo non voglio dire che siamo scarsi solo che i conti li inizieremo a fare quando affronteremo altre squadre come Lecce, Catania Matera la stessa Juve Stabia..Certo i campionati molte volte si perdono con le piccole più che con le grandi ma è ancora presto sopratutto per le squadre che abiamo affrontato…La prossima partita un altra formazione di basso profilo servono i 3 punti.. senza scusa poi il Messina mi sembra..ecco quello sarà il primo vero test..

Massimo
Membro
Massimo

Non siamo esaltati, vediamo la realtà. I fatti dicono che siamo a +8 rispetto allo scorso anno, abbiamo gli stessi giocatori e una serenità che l’altro anno mancava. Quando arriveranno le nuove ne vedremo delle belle. Sicuramente siamo all’altezza della situazione e delle squadre come Lecce Matera Catania Stabia ecc. Certo non sarà una passeggiata, ma come dicevo lo scorso anno la nostra forza è la nostra società, il Benevento ha impiegato 10 anni per andare in B con la società attuale e adesso lotta per il vertice in B, noi siamo ancora al secondo anno. Noi da qui a… Leggi altro »