Foggia, Deli: “Gruppo fantastico, col Taranto una battaglia”

Tempo di lettura: 2 minuti

“Non mi aspettavo di iniziare così bene, ma sì, sono molto contento”. Gol alla seconda partita con la maglia del Foggia, nel 3-0 rifilato al Messina, per Francesco Deli, centrocampista classe ’94 arrivato in rossonero dalla Paganese nel mercato di gennaio. E che si racconta subito a TMW: “Mi sono trovato subito bene coi compagni a livello di spogliatoio, ma anche coi meccanismi del mister in campo, davvero un ottimo impatto”.

Cosa ti aspettavi dal gruppo del Foggia, visto dall’esterno?
“Sinceramente ho trovato un gruppo sano, fantastico, così tanto che non me l’aspettavo: questo è un elemento fondamentale per poter fare bene in campionato”.

Il Foggia è la squadra più forte del campionato?
“Ho sempre pensato che lo fosse, ora che sono arrivato l’ho potuto constatare di persona. Non sapevo cosa aspettarmi, però mi sono veramente trovato bene”.

Il Foggia gioca col 4-3-3. In carriera hai ricoperto sia il ruolo di trequartista che di interno.
“Sì, anche a Pagani ho fatto molto spesso la mezzala in questi due anni. Mi trovo benissimo in quel ruolo, posso farlo bene e mi metto a disposizione della squadra. L’importante è dare il massimo per raggiungere l’obiettivo”.

Ti aspettavi di lasciare Pagani a gennaio?
“Sapevo che ci poteva essere qualcosa, ma non mi aspettavo di andare via a gennaio. Il Foggia mi ha voluto fortemente, ho parlato subito col direttore e col mister. Sono stato subito sicuro e invogliato a firmare col Foggia se la Paganese mi avesse liberato”.

Ora il Taranto, poi il Matera.
“Due partite importantissime, la prima è un derby molto sentito. Sarà una battaglia sabato, dove sarà importante raccogliere i tre punti per arrivare al meglio allo scontro diretto”.

Foggia, Matera, Lecce e Juve Stabia: saranno queste quattro le contendenti per la vittoria di qui alla fine?
“Sì, saranno queste: il Matera è fortissimo, la Juve Stabia ha rinforzato la rosa, il Lecce sappiamo tutti che è una grande squadra”.

Fonte – Tuttomercatoweb.com

Facebook Comments

3
Lascia un commento

Please Login to comment
3 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Ludovico Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ludovico
Membro
Ludovico

Bravo Deli. Di te la tifoseria foggiana ha potuto già apprezzare doti di inserimento e tecnica superiore, come da molto tempo non si vedeva nel ruolo di una duttile mezzala offensiva….. Ovviamente è lecito attendersi una crescita esponenziale, che aumenterà di partita in partita, complice il particolare momento di forma tuo e di tutta la squadra e che va a braccetto con una posizione da capolista giunta non prematuramente, ma in maniera abbastanza rocambolesca per la concomitanza delle sconfitte di tutte le nostre avversarie. E queste, ben sai, sono le cose che portano il morale a mille nello spogliatoio. Poi,… Leggi altro »

Ludovico
Membro
Ludovico

Ieri sera ho assistito a una partita tra due squadre molto, molto forti, su un campo indegno di ospitare una partita di così grande spessore. Fondamentalmente, per come la vedo io, la partita di ieri ci ha detto alcune cose molto interessanti. Siamo sì primi, meritatamente sia ben chiaro, ma in concomitanza con un “allineamento astrale” particolarmente fortunoso…..il che ci dev’essere di monito, perchè ora dipende da noi…. e non sono ammessi autogol. E se Lecce, Juvestabia e Matera, sono tutte incappate in “seratacce”, in parte riconducibili ad errori strategici, come l’immediato inserimento di nuovi ingressi in formazione, in parte… Leggi altro »

Ludovico
Membro
Ludovico

La reazione di Gaetanuccio sarà stata tellurica all’interno dello spogliatoio materano….
Alla stampa, pur dando merito agli avversari, ha detto che l’arbitro ha inciso profondamente sull’andamentale della gara…..portandosi avanti per la prossima occasione….

Poi,… in camera caritatis,…. chiuso a chiave con i suoi, ha urlato in antico dialetto mesopotàmico, tutta la sua rabbia promettendo pene corporali di stampo medioevale in caso di prossimo inciampo…..

Occhio che Auteri è sempre Auteri.