Top & Flop di Foggia-Avellino

Reading Time: 2 minutes

Termina con il risultato di 1-2 il match tra Foggia ed Avellino con le reti di D’Angelo al 35′ del primo tempo, seguite da quelle di Santaniello su rigore al 62′ della ripresa e di rigore Vitale al 88′.

Finisce la prima frazione con il parziale di 0-1 per l’Avellino. Partenza ottima del Foggia che nei primi 15′ si rende protagonista di diverse occasioni che impensieriscono la difesa dell’Avellino. Prima Kalombo, poi Curcio ci provano da fermo e su azione conquistando angoli sia da destra che da sinistra. Sicuramente più dinamico il Foggia rispetto agli ospiti fino alla mezzora che però avevano creato delle buone occasioni per andare in vantaggio: al 17′ Santaniello e D’Angelo non trovano la porta di testa a 2 metri da Fumagalli, e al 29′ Ciancio ci prova di rovesciata ma la palla è facile per il portiere rossonero. Finale di tempo tutto a tinte biancoverdi, con l’Avellino che spinge ed il Foggia incassa. Gli irpini trovano il gol al 35′ con D’Angelo che sfrutta una disattenzione della difesa dei satanelli: Kalombo in area lascia la palla sui piedi di Adamo che di sinistro non deve far altro che metterla sul secondo palo dove è pronto D’Angelo a metterla in rete.

Secondo tempo in cui in campo si è vista una sola squadra: gli ospiti sono parsi molto più in palla dei padroni di casa che per circa 40′ non si sono praticamente mai visti dalle parti di Forte. Marchionni cerca di sistemare le cose creando la coppia Dell’Agnello-D’Andrea che però, come avevamo già visto nelle precedenti gare, non frutta. Moltissime invece le occasioni dell’Avellino che per molte volte sfiora il raddoppio: Santangelo in area disturbato dalla difesa del Foggia non inquadra lo specchio, poi il subentrato Maniero spaventa in due occasioni il Foggia calciando a fil di palo. al 17′ arriva il raddoppio dell’Avellino con Santaniello: ennesimo penalty causato da Gavazzi che stende Bernardotto in area. Il Foggia tenta di rispondere e mette dentro chi può e chi ha, ma nessuno da il giusto sprint per risollevare il match. Nel finale c’è posto anche per Vitale: è lui ad accorciare sfruttando una palla in mezzo e infilando Forte sotto alla traversa. Troppo poco però quello prodotto dal Foggia che non può far altro che accettare la terza sconfitta consecutiva e andare a casa con molti dubbi e poche certezze.

Come di consueto, ecco i Top & Flop del match:

TOP:

D’Angelo (Avellino): Grande merito per lui che porta in vantaggio i suoi ed indirizza il match. A centrocampo è una diga, difficile passino palle da quella zona. Provvidenziale

Vitale (Foggia): E’ l’unica nota positiva del Foggia, il suo squillo da linfa “vitale” ai rossoneri per tentare l’arrembaggio finale. Entra con voglia, ed è questo che si chiede a chi subentra a 15′ dalla fine. Illusorio.

FLOP

Kalombo (Foggia): Da horror la sua prova, così come lo è in fase difensiva. Suo l’errore che da via al vantaggio dell’Avellino. Terribile.

Gavazzi: (Foggia): Finisce dritto tra i flop per via dell’ennesimo penalty causato. Nel complesso spesso in ritardo su Adamo che lo salta (quasi) sempre. Recidivo.

Fonte – Tuttoc.com

Lascia un commento
Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments