Nuova punta per Il Foggia. Arriva Tortori ex Cesena. Adesso l’obiettivo è Virdis

Tempo di lettura: 1 minuto

A C’è molto fermento in casa Foggia nell’ultima settimana di calciomercato. Il club rossonero ieri ha definito l’ingaggio dell’attaccante Loris Tortori (‘88) che ha vinto lo scorso torneo di D con il Cesena ma ora era svincolato. La società non si fermerà qui, perchè è alla ricera dui un altra punta. L’obiettivo principale è Francesco Virdis (’85) del Delta Porto Tolle, che ha già lavorato con Ninni Corda al Savona. Nell’ultima settimana c’è stato anche un forte corteggiamento al centravanti del Bitonto Cosimo Patierno (’91), ma alla fine non è arrivata la fumata bianca. Sfumato anche l’ingaggio di Maikol Negro (’88), perhè ci sono dubbi sulle condizioni fisiche. Intanto, ieri la squadra ha ripreso gli allenamenti in vista della trasferta di Nocera Inferiore. Infine, la società ha riaperto la campagna abbonamenti fino al prossimo 20 settembre, l’obiettivo è quello di superare la soglia dei 4.000 abbonamenti (al momento ora sono 3.966).

Fonte – Gazzetta.it

Lascia un commento

1
Lascia un commento

Please Login to comment
1 Comment threads
0 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
1 Comment authors
Ludovico Recent comment authors

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
nuovi vecchi più votati
Notifica di
Ludovico
Membro
Ludovico

Con Tortori e (spero) Virdis abbiamo le carte in regola per vincere ed è lecito aspettarsi null’atro che la promozione.
Delle scorie di un anno nefasto, difficili da smaltire, potremo liberarcene solo con una squadra ricca di entusiasmo e soprattutto vincente.
NInni Corda, di cui ne condivido le metodologie da sergente di ferro, sa perfettamente che questi campionati si vincono prima nella testa ancorchè sul campo, dove il risultato è frutto principalmente della volontà ad ottenerlo.
Nocera, Agropoli o Bitonto, non deve fare differenza: vincere e solo vincere, senza sè e senza ma.
Siamo solo di passaggio, non dimentichiamolo.