«Foggia, attento alle trappole»

Reading Time: 2 minutes

Coletti avverte: «È una sfida ricca di insidie e non possiamo sbagliare nulla. Ora il mercato non sia distrazione Chiricò? Uno così sarebbe utile…». Millico dal 1’

Scontro diretto zeppo di insidie questa sera al “De Cristofaro”, il Foggia di Tommaso Coletti (fischio d’inizio ore 20.45) gioca sul filo del precipizio dei playout a +5 punti: stesso rischio che corrono i campani, a pari punti con i pugliesi, reduci da tre ko consecutivi. Sfida delicata per i rossoneri che cercano il riscatto dopo quattro ko nelle ultime sei partite e che questa sera dovranno fare tutto da soli, senza tifosi al seguito (motivi di ordine pubblico) e in condizioni ambientali non ottimali davanti al caloroso pubblico napoletano. Coletti assicura che in settimana il gruppo ha lavorato sodo e i ragazzi sono tutti con lui: «Ho chiesto e ottenuto massima disponibilità da parte di tutti, anche da chi è in scadenza di contratto. Dobbiamo mettercela tutta, per noiè una partita fondamentale», le parole del tecnico alla vigilia.

ALLERTA MASSIMA. I rossoneri dovranno evitare però di farsi del male da soli, sarebbe sufficiente evitare di commettere gli errori marchiani di sette giorni fa contro il Taranto, causa del ko interno nel derby il giorno della Befana: in quei 25’ iniziali le sbandate tra difesa e centrocampo degli uomini di Coletti permisero agli ionici di segnare i due gol-vittoria e di portare comodamente a casa i tre punti. Uno scivolone che suona già come un campanello d’allarme per il vice allenatore in deroga che, come Vacca, si considera discepolo di DeZerbi e ha deciso di applicare gli esperimenti tattici del guru di Brighton non in test di allenamento (manovra dal basso e palleggio), ma in partite decisive per la traballante classifica dei rossoneri. «Partita di vitale importanza per noi – così Coletti ieri al termine della rifinitura – questa volta non possiamo permetterci di regalare nemmeno 5’ agli avversari». Formazione che potrebbe fare affidamento sul neoacquisto Millico (ne riferiamo a parte) e sul rientro di giocatori cardine come Di Noia e Frigerio bloccati dall’infl uenza sette giorni fa. Coletti mette in guardia i suoi giocatori dalla rabbia del Giugliano che punta sul fattore campo e sulla favorevole tradizione interna contro il Foggia per tornare alla vittoria: «Buona squadra il Giugliano, lo abbiamo studiato nei dettagli in settimana. E’ una partita piena di insidie, il mercato in corso non può condizionare il rendimento dei miei giocatori». Ed a proposito di mercato il tecnico rossonero saluta positivamente il possibile ritorno di Cosimo Chiricò al Foggia, suo ex compagno di squadra: «Un giocatore dalle sue caratteristiche sarebbe importante per il nostro gioco. Ma chiedetelo alla società, noi concentriamoci sulla partita». (Walter Carbone)

Fonte – Corrieredellosport.it

Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments