Foggia, un derby con vista futuro

Reading Time: 2 minutes

Vietato sbagliare ancora: Cudini si gioca tutto contro il Monopoli. Lo spettro playout inizia a far paura. Margine d’errore ridotto a zero per i rossoneri: dopo aver fallito i precedenti scontri-salvezza contro Virtus e Turris, un altro passo falso signi cherebbe finire nel baratro. Presente e futuro in 90’: la terza fase di una stagione tormentata necessita soltanto dei tre punti.

Tutto in una notte, il Foggia si gioca il campionato domani contro il Monopoli. La sfida (calcio d’inizio ore 20.45) che può cambiare il corso degli eventi. Sest’ultima contro quartultima, tre punti di differenza tra i satanelli, sull’ultimo strapuntino della salvezza e la formazione di Taurino, già in quota playout, che ha perso una posizione dopo il ko interno con la Juve Stabia. Sullo sfondo la battaglia per non retrocedere che in caso di passi falsi potrebbe ufficialmente iscrivere anche la formazione di Cudini, se non riuscirà ad allontanarsi dalle sabbie mobili della classifica. A rischiare di più infatti è proprio la squadra del tecnico marchigiano, poco avvezza alle partite da dentro o fuori com’è possibile constatare dopo i ko contro Virtus Francavilla e Turris, due scontri diretti.

RESET, ALTRIMENTI… Ora però è tempo di resettare tutto e ripartire, mancano ancora quattordici partite alla fine e il Foggia può ancora essere artefice del suo destino. Ma serve una scossa, lo spogliatoio sta provando a darsela, queste almeno le sensazioni che filtrano. Di certo i rossoneri visti contro la Turris non sono certamente la squadra che può affrontare partite di questo tenore. Il tecnico lancia l’ultimatum al gruppo: tirare fuori gli artigli. Cudini si è mostrato abbastanza insoddisfatto dopo il ko senza giocare contro i corallini. Una sconfitta inevitabile che getta ombre minacciose anche sulla permanenza dell’attuale tecnico in panchina. Miglioramenti non ce ne sono stati sul piano tattico, se si eccettua la reazione contro il Catania che ha fruttato uno striminzito pareggio. Squadra palesemente senza idee di gioco, questo Foggia sembra precipitato nelle sue paure oltre ad essere sempre più dentro una crisi tecnica.

UN TRACOLLO. Il tracollo comincia dal primo Cudini (seconda fase) con le amnesie in attacco ed è poi sfociato nella totale anarchia tattica del duo Coletti-Vacca, segno distintivo la voragine difensiva (12 gol in cinque gare). Adesso è in corso la terza fase, forse la più difficile. Cudini che qualcosa di buono lo aveva fatto vedere nelle prime otto giornate, si ritrova adesso con una squadra da ricostruire tatticamente e con dieci nuovi giocatori da assemblare dopo il mercato di gennaio. Ma la confusione continua, Cudini dà l’impressione di volersi affida ai rinforzi gettandoli nella mischia per vedere l’effetto che fa e non sulla base di precise valutazioni in allenamento. Sono apparsi così abbastanza frettolosi gli innesti in formazione dell’esterno destro difensivo Silvestro e di Rolando nel tridente contro la Turris. Ora contro il Monopoli non ci sarà Salines, ammonito durante il riscaldamento (squalificato, era diffidato), mentre Di Noia ancora in fase di recupero potrebbe ugualmente essere aggregato al resto del gruppo rossonero. (Walter Carbone)

Fonte – Corrieredellosport.it

Subscribe
Notifica di

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments