Mazzeo e Di Piazza show: cinquina alla Virtus e Zaccheria in festa

Tempo di lettura: 4 minuti

Mazzeo e Di Piazza show: cinquina alla Virtus e Zaccheria in festa

Finisce 5-1 nel derby contro la formazione di Calabro. Gara subito in discesa con Mazzeo che al 3′ realizza su rigore. Al 31′ il bis dell’attaccante, prima del terzo gol di Loiacono in chiusura di tempo. Nella ripresa Idda accorcia, poi il neoacquisto si presenta allo Zac con una doppietta

Non ci si poteva aspettare una serata migliore. Né i tifosi del Foggia, che salutano la prima gara dell’anno con un’entusiasmante cinquina, né Stroppa, né i suoi giocatori, Mazzeo e Di Piazza su tutti. Doppietta per il primo a cui risponde la doppietta del secondo, alla ‘prima’ davanti al suo nuovo pubblico. Il Foggia travolge la Virtus Francavilla, in una gara sulla carta molto più complicata rispetto a quella di Vibo Valentia, e forse per questo interpretata dai ragazzi di Stroppa nel miglior modo possibile. Con concentrazione, grinta, e la giusta dose di cinismo. Perché dopo il gol in apertura i rossoneri hanno lasciato per un po’ l’iniziativa agli ospiti, come a lasciarli sfogare, per studiare il momento opportuno per colpire. Momento che prontamente è arrivato. Le sgroppate di Rubin, il senso del gol di Mazzeo sono una sentenza per la squadra di Calabro. E poi la scena se l’è presa Matteo Di Piazza alle prime due gioie.

PRIMO TEMPO – C’è un’aura di tristezza che avvolge lo Zaccheria, che insieme a tutta la città piange la morte di Mario Matrella e ne celebra la memoria. Lui così come il corpo dei Vigili del Fuoco, eroi silenziosi nelle martoriate terre d’Abruzzo sono i protagonisti nel prepartita di Foggia-Virtus. Lo stesso, a loro modo, lo faranno i giocatori del Foggia. Stroppa lancia Deli dall’inizio, unica vera novità rispetto alla vittoriosa trasferta di Vibo Valentia, quando sul centrosinistra agiva Martì Riverola. Conferme nel resto della formazione, così come per la Virtus di Calabro, che confida nel suo collaudato 3-5-2 con Alessandro mezzala, e la coppia d’attacco composta da Abate e Nzola.
Chi coltivava timori sull’approccio alla gara dei rossoneri viene subito smentito. Il Foggia parte forte e sfrutta l’asse Maza-Rubin, che già in Calabria aveva creato tanti problemi, per procurarsi un rigore in avvio di partita. Mazzeo realizza, e il Foggia dopo tre minuti è già avanti. La Virtus però non si scompone, è squadra con personalità e buone individualità, su tutte quelle del corteggiatissimo Nzola. L’attaccante francoangolano fa tremare lo ‘Zac’ quando si scatena in progressione incenerendo Martinelli e cerca il diagonale, sbucciando il pallone. Per circa un quarto d’ora la sensazione tangibile è che il Foggia voglia lasciar sfogare un po’ quelli della Virtus, colpendo alla prima occasione buona. A centrocampo piace molto Deli per personalità e qualità sia di incursore, sia di rifinitore, come quando pesca l’inserimento in area di Agazzi, che calcia e trova la risposta di Albertazzi, graziato a sua volta dall’impreciso tap in di Chiricò. L’estremo difensore della Virtus dirà di no anche a Mazzeo, ancora una volta mandato in porta da Deli. Ma è tutto il Foggia a girar bene. A centrocampo Agazzi e Vacca si alternano nella conduzione del gioco, garantendo qualità ma anche preziosi recuperi di palla. A sinistra poi c’è Rubin, motorino inesauribile e anche assistman per il raddoppio di Mazzeo alla mezz’ora. Il gol che spacca la partita. Perché la Virtus accusa il colpo, perdendo anche l’atteggiamento propositivo di inizio gara. Calabro deve pure rinunciare all’infortunato De Toma, sostituito da Triarico, e vede i suoi capitolare nuovamente in chiusura di prima frazione, quando Loiacono di testa raccoglie alla perfezione l’invito su angolo di Chiricò.

SECONDO TEMPO – Con tre gol in più degli avversari, il rischio pancia piena è concreto. Ma non è il caso del Foggia, che continua ad attaccare e dar spettacolo. Nel taccuino si possono annotare almeno 3 occasioni più o meno nitide con le quali i satanelli si avvicinano al poker. La Virtus riceve colpi barcollando come il più generoso degli sparring partner, ma se la gioca per come può. Calabro non è neppure fortunato, quando dopo Ayina, è costretto a chiudere i cambi per un altro infortunio, quello di Pino. Ma i biancazzurri alla fine il gol lo trovano, grazie anche a una dormita della difesa rossonera, sugli sviluppi di un corner. Idda trova i tempi per la giusta zampata. È il momento meno lucido della squadra di Stroppa, piccolo “lusso” che però dura pochi minuti. Stroppa, per scongiurare ogni problema, tira fuori Maza per Sicurella, dopo aver concesso a Di Piazza l’esordio anche di fronte al proprio nuovo pubblico. Per l’ex Vicenza una bella progressione palla al piede, stanata in area dal provvidenziale recupero di Idda. Poco ma sufficiente per alzare il livello dell’entusiasmo, che poi supera ogni limite quando il numero nove rossonero sbuca rossonero sbuca perfettamente alle spalle della difesa, raccoglie l’invito di Rubin e va a metterla in porta. La bulimia dei gol non si arresta, perché Di Piazza ha tempo pure per il bis, questa volta su perfetto suggerimento dalla destra di Gerbo, che fa letteralmente scatenare lo Zaccheria. Finisce 5-1, il Foggia dà una grande risposta al Matera, stacca la Juve Stabia, e si piazza al secondo posto in solitaria, in attesa del Lecce.

FOGGIA-VIRTUS FRANCAVILLA 5-1

FOGGIA (4-3-3) Guarna; Loiacono, Coletti, Martinelli, Rubin; Agazzi, Vacca, Deli (25’st Gerbo); Chiricò (28’st Di Piazza), Mazzeo, Sainz Maza (36’st Sicurella). A disposizione: Tucci, Figliomeni, Agnelli, Quinto, Dinielli, Sanchez, Pertosa. All. Stroppa

VIRTUS FRANCAVILLA (3-5-2) Albertazzi; Idda, De Toma (33’pt Triarico), Abruzzese; Pino (25’st Vetrugno), Finazzi, Galdean, Alessandro, Pastore; Abate (15’st Ayina), Nzola. A disposizione: Costa, Casadei, Turi, Monopoli, Gallù, Biason, Salatino, Tundo. All. Calabro

Arbitro: Forneau di Roma 1

Marcatori: 3’pt e 31’pt Mazzeo (F), 44’pt Loiacono (F), 33’st Idda (V), 45’st e 48’st Di Piazza (F)

Ammoniti: Nzola (V), Finazzi (V)

Fonte – Foggiatoday.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di