Foggia-Cremonese: le probabili formazioni

Tempo di lettura: 3 minuti

Dopo Vercelli il Foggia cerca continuità: allo ‘Zac’ arriva la Cremonese. La squadra di Stroppa vuole tornare a vincere allo Zaccheria, dove fino a oggi ha festeggiato solo una volta. Empereur e Rubin di nuovo tra i convocati. Tesser con un dubbio: chi al posto di Paulinho?

Solo quattro punti separano Foggia e Cremonese, ma se si pensa che le due squadre sono i vertici di una fila che comprende altre nove squadre, si ha un’idea tangibile dell’estremo equilibrio di questa serie B che, dopo il pari di ieri tra Pescara e Palermo, oggi potrebbe cambiare per l’ennesima volta la capolista. Ma torniamo a Foggia-Cremonese. Rossoneri e grigiorossi si rincontrano a sei mesi di distanza dalla gara di Supercoppa di Lega Pro. Allora fu un superbo Mazzeo, con una tripletta, a stendere la formazione di Tesser, rimontando l’iniziale vantaggio di Brighenti. Troppo forte il Foggia, e, forse, troppo appagata la Cremonese, che già aveva raggiunto il massimo aggiudicandosi un campionato che solo qualche mese prima sembrava già vinto dall’Alessandria. A distanza di sei mesi qualcosa è cambiato: il Foggia ha scoperto difficoltà che non credeva di incontrare, o meglio, di dover affrontare per così tanto tempo. Migliore l’impatto dei lombardi, rinforzatisi con gente d’esperienza, e con i gol di Paulinho, un autentico lusso per la categoria (ma oggi non ci sarà, ndr). E poi c’è la tenuta difensiva, con i 13 gol subiti (quinta difesa del campionato) che fanno impallidire rispetto ai 28 presi dal Foggia. Allo Zaccheria Tesser si presenta con il sesto rendimento assoluto lontano dalle mura amiche (8 punti in 6 partite), per il Foggia, dopo aver mancato la vittoria in quattro occasioni su cinque (1,2 punti di media a partita. Peggio ha fatto solo la Pro Vercelli che però ha giocato due partite in più, ndr), non è più tempo di fare regali dinanzi al proprio pubblico.

Foggia-Cremonese: i precedenti

Sono in tutto dieci i confronti in campionato allo Zaccheria tra Foggia e Cremonese. A questi si aggiungono i due spareggi salvezza disputatisi il 9 e il 16 giugno del 1935 (1-1 e 1-0 per i rossoneri) ad Ancona e Fano. Il primissimo confronto in Capitanata risale al 1° novembre di 84 anni fa: vinsero i rossoneri 2-0. Complessivamente il bilancio è favorevole ai rossoneri, vittoriosi 6 volte, a fronte di 2 pareggi e altrettante sconfitte. Eppure il segno 1 è quello che manca da più tempo, dal 1992, per la precisione, quando Signori e Kolyvanov piegarono la formazione allenata da Giagnoni. Da allora i grigiorossi hanno raccolto due pari e due vittorie, quelle della stagione 1994/95 (gol di Chiesa su rigore) nell’ultima stagione in serie A dei rossoneri, e quella del 1996/97 (Perovic e Susic, Tangorra per i satanelli) che resta l’ultimo confronto in B tra le due compagini. Risale invece a dieci stagioni or sono l’ultima sfida assoluta in campionato: 2-2 con Temelin che rispose due volte su rigore alle reti di Coletti e Biancone. Nella stessa stagione Foggia e Cremonese si affrontarono anche in semifinale playoff, pareggiando 0-0 allo Zaccheria.

Foggia-Cremonese: le probabili formazioni

QUI FOGGIA – Comincia lentamente a svuotarsi l’infermeria in casa Foggia. E così Stroppa non attingere a piene mani alla Primavera (restano i soli Pertosa e Sarri), per poter completare l’elenco dei convocati. Tornano Rubin ed Empereur, assente dal disastro di Avellino. Out i soli Agnelli, Martinelli, Figliomeni e Floriano. Il tecnico rossonero deve dunque risolvere i ballottaggi a centrocampo e in attacco. In mezzo scalpita Agazzi, ma deve vedersela con Gerbo e soprattutto Deli, apparso in crescita a Vercelli. In avanti Chiricò e Fedato sembrano i favoriti per affiancare bomber Mazzeo. Più defilato Nicastro, che non gioca ormai da un mese. Probabile, in difesa, la conferma di Celli, dopo l’ottimo esordio contro la Pro.

QUI CREMONESE – Poche le assenze in casa grigiorossa, ma una è pesantissima: Paulinho, il top player della formazione lombarda, non sarà del match. Rientra invece Canini, che potrebbe affiancare Garcia Tena al centro della difesa. Proprio in avanti ci saranno i maggiori dubbi: Mokulu è favorito per uno dei due posti. Scappini e Brighenti si contendono quello vacante. A centrocampo recupera Croce, che potrebbe giocare dall’inizio con Pesce e Cavion. Ma sperano anche Arini, Cinelli e Scarsella.

Fonte – Foggiatoday.it

Lascia un commento

Lascia un commento

Please Login to comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Subscribe  
Notifica di